lunedi` 16 luglio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I missili dei terroristi islamici (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Nikki Haley all'Onu contro la demonizzazione di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Stampa Rassegna Stampa
10.07.2018 Torino: il Consiglio comunale vota la mozione contro Israele. Le opposizioni non votano, unico contrario Fabrizio Ricca
Cronaca a firma A.R.

Testata: La Stampa
Data: 10 luglio 2018
Pagina: 52
Autore: A.R.
Titolo: «La Sala Rossa ora è contro Israele e le sue 'politiche di occupazione'»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 10/07/2018, a pag.52, con il titolo "La Sala Rossa ora è contro Israele e le sue 'politiche di occupazione' ", la cronaca a firma A.R.

A destra: Israele/Bracciodiferro si difende con i fatti dagli attacchi della demonizzazione dello Stato ebraico

La mozione approvata ieri dal Consiglio comunale di Torino è un ignobile attacco contro Israele, accusato di essere "paese occupante", di operare una "durissima repressione" e un "blocco illegale della striscia di Gaza".

La mozione è stata presentata da Eleonora Artesio (estrema sinistra) e Daniela Albano (movimento 5 stelle), più grave ancora è la viltà di chi per non votare a favore o contro è uscito dall'aula: tutta l'opposizione e la sindaca Chiara Appendino. L'unico voto contrario è quello di Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega. Ne prendiamo atto.

Ecco l'articolo: 

Un impegno a promuovere la «sospensione delle forniture di armi e attrezzature militari» e a impegnare governi ed Europa affinché «promuovano un canale umanitario» per supportare gli ospedali e la popolazione della striscia di Gaza. Il Consiglio comunale di Torino prende posizione a favore della popolazione palestinese e contro la politica, definita «di repressione», di Israele. Lo fa con una mozione presentata dalla capogruppo di Torino in Comune Eleonora Artesio e della consigliera Cinquestelle Daniela Albano, votata compattamente da tutto il Movimento 5 Stelle, da Artesio e anche dal capogruppo della Lista Civica Francesco Tresso. Nella votazione finale spuntano anche i sì di Monica Canalis ed Elide Tisi, consigliere del Pd. Un errore, chiariscono poco dopo le due, stoppando sul nascere quello che in breve sarebbe diventato un caso. Alla fine 27 voti a favore (comprese le due sviste) e un contrario (Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega). Tutti gli altri - minoranze e sindaca - non hanno partecipato al voto.

Immagine correlata

Resta il documento che - seppur privo di alcuna valenza pratica - ha una forte connotazione politica. E che fa assumere al Consiglio comunale di Torino, espressione della Città, una posizione durissima nei confronti di Israele, definito «paese occupante» dei territorio palestinesi.

Immagine correlata
Fabrizio Ricca


Dal 30 marzo scorso, ricorda la mozione, sono già oltre cento i civili palestinesi uccisi (e oltre 10 mila i feriti) dalle forze armate israeliane durante le manifestazioni provocate dall’apertura della nuova ambasciata statunitense a Gerusalemme. Nel testo si parla di «durissima repressione delle forze armate israeliane delle proteste pacifiche della popolazione palestinese», di «politiche di occupazione israeliana», di «blocco illegale israeliano della striscia di Gaza».
Si stigmatizza anche la decisione degli organizzatori dell’ultimo giro d’Italia di far partire la corsa ciclistica da Israele, scelta che « ha di fatto contribuito a sostenere la posizione di quel paese avallata dagli Stati Uniti, che rivendica Gerusalemme unificata come propria capitale in contrasto con il diritto internazionale». Si citano poi le risoluzioni Onu che condannano l’uso della forza e chiedono una commissione di verifica indipendente su quanto si sta verificando nella Striscia di Gaza.
Il documento chiede, infine, ai governi europei ed alle Ong di promuovere la realizzazione di un canale umanitario con lo scopo di fornire farmaci e materiale medico agli ospedali locali per supportarli nella cura degli abitanti della Striscia di Gaza.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT