venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
13.06.2018 Jared Kushner in Israele
Cronaca di Francesco Semprini

Testata: La Stampa
Data: 13 giugno 2018
Pagina: 20
Autore: Francesco Semprini
Titolo: «Kushner torna in Israele per il piano di pace»
Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 13/06/2018 a pag. 20, con il titolo "Kushner torna in Israele per il piano di pace", la cronaca di Francesco Semprini.

Immagine correlata
Francesco Semprini

Jared Kushner torna in Israele la prossima settimana per discutere con diversi interlocutori il piano di pace per il Medio Oriente messo a punto dall’amministrazione americana. Saranno assenti però i rappresentanti palestinesi, visto che l’amministrazione Trump non ha contatti con loro da oltre sei mesi, ovvero dalla decisione di trasferire l’ambasciata degli Stati Uniti a Gerusalemme.

Immagine correlata
Jared Kushner

Il genero e consigliere del presidente si incontra invece con funzionari israeliani e, probabilmente, con emissari dei vicini Paesi arabi. Dalla controversa decisione di trasferimento della rappresentanza diplomatica a stelle e strisce, l’Autorità palestinese ha troncato ogni relazione diplomatica con Washington, e il presidente Abu Mazen ha deciso il boicottaggio a oltranza degli Stati Uniti rifiutandosi di incontrare qualsiasi rappresentante americano in visita in Medio Oriente, iniziando dal vicepresidente Mike Pence.
Per tutta risposta lo scorso mese l’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley, in segno di protesta, ha abbandonato l’aula del Consiglio di sicurezza dell’Onu proprio quando ha preso la parola il rappresentante palestinese. L’amministrazione Trump ha lavorato su un piano di pace per circa un anno, nell’ambito di una «road map» regionale articolata in tre punti. Ovvero il trasferimento dell’ambasciata a Gerusalemme, un piano di pace che prevede la coesistenza di due Stati e l’investitura dell’alleato saudita quale “broker” regionale del piano stesso. La cui divulgazione nei dettagli, secondo i rumors, potrebbe arrivare già entro la fine del mese.

Sino ad oggi sono trapelati pochissimi dettagli al riguardo e i palestinesi hanno accusato il presidente Trump di assecondare «supinamente» le istanze della destra israeliana, ignorando le loro richieste fondamentali. La Casa Bianca sostiene invece di volere un piano «vendibile» a entrambe le parti.
Nel frattempo però la situazione si è inasprita con gli scontri di Gaza avvenuti durante l’inaugurazione della nuova ambasciata Usa. Scontri che hanno causato la morte di 112 palestinesi, la gran parte dei quali, secondo gli osservatori, erano legati a organizzazioni «terroristiche» tra cui Hamas e Al-Fatah.
Inutili gli sforzi di comporre la situazione da parte della comunità internazionale: per la prima volta in 50 anni una bozza di risoluzione (che ometteva l’uso della forza da parte di Israele) del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha avuto un solo voto, quello degli Usa.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT