mercoledi` 15 agosto 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il programma dei terroristi di Hamas: antisemitismo, distruzione di Israele e sharia (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Quali sono davvero i territori palestinesi 'occupati'? (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Stampa Rassegna Stampa
12.06.2018 Erdogan contro i kurdi, l'Occidente continua a tacere
Cronaca di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 12 giugno 2018
Pagina: 20
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Raid e soldati in Iraq, Erdogan lancia l’assalto ai curdi del Pkk»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 12/06/2018, a pag. 20, con il titolo "Raid e soldati in Iraq, Erdogan lancia l’assalto ai curdi del Pkk", il commento di Giordano Stabile.

Erdogan il sultano islamista sferra un'altra offensiva contro i kurdi, nel silenzio dell'Occidente.

Ecco il pezzo: 

Immagine correlata
Giordano Stabile

Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha deciso di portare la guerra ai combattenti curdi del Pkk nella loro fortezza imprendibile, i Monti Qandil, una catena che sale fino a 3500 metri di altezza al confine fra Turchia, Iran e Iraq. È uno spicchio di territorio impervio, di vallate strette e scoscese, difeso da cinquemila combattenti, scelti fra i migliori. Il Pkk ha lanciato dal 1984, con brevi tregue, una guerriglia sanguinosa nel Sud della Turchia, e dall’inizio degli Anni Novanta ha trovato nel Kurdistan iracheno la sua più importante retrovia. L’offensiva contro i Monti Qandil è stata annunciata più volte da Erdogan nei mesi scorsi. Il leader turco, alla ricerca di una difficile vittoria al primo turno delle presidenziali del 24 giugno - i sondaggi lo danno inchiodato al 48% - ha ripetuto che la «guerra senza quartiere» al Pkk sarà condotta tanto in Siria, contro la branca siriana denominata Ypg, che in Iraq. Da metà di marzo le truppe speciali hanno cominciato una lenta penetrazione nel Kurdistan iracheno, occupato una dozzina di villaggi e creato un’area di “sicurezza” profonda 30 chilometri.

Immagine correlata
Peshmerga kurdi


La lotta al terrorismo
Ieri Erdogan è tornato a rivendicare il diritto alla «lotta al terrorismo» anche nei Paesi confinanti e ha annunciato la distruzione di «14 tra depositi di armi e centri di addestramento» del Pkk, con un’ondata di raid compiuti da venti F-16. «I nostri uomini stanno avanzando man mano che eliminano obiettivi», ha precisato il leader turco. «Possono nascondersi dove vogliono, andremo a chiedere il conto per il sangue dei nostri martiri». Poi ha precisato che nella campagna di Afrin sono stati «eliminati 4500 terroristi». La battaglia sui Monti Qandil si annuncia però diversa. Il Pkk combatterà fino all’ultimo uomo, mentre da Afrin, un avamposto isolato, lo Ypg ha deciso a un certo punto di ritirarsi, perché il fronte era intenibile.

La situazione politica del Pkk è peggiorata negli ultimi mesi. Il governo regionale curdo-iracheno, dominato dal Kdp dell’ex presidente Massoud Barzani, è indebolito dal fallito referendum sull’indipendenza del 25 settembre scorso e vuole mantenere buoni rapporti, soprattutto economici, con la Turchia. Erbil non si è opposto alla penetrazione delle truppe turche in Kurdistan. Sul lato iraniano il riavvicinamento fra Ankara e Teheran consente a Erdogan di agire in tandem con una accresciuta repressione dei gruppi armati curdi da parte dell’esercito iraniano. Sui Monti Qandil c’è anche il quartier generale del Pjak, in guerra con gli ayatollah. Una convergenza di interessi che potrebbe spingere il leader turco all’azzardo.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT