lunedi` 23 aprile 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Nuovi metodi di educazione islamica (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: la bandiera con la svastica e la tentata invasione dei terroristi di Hamas. Neonazi Hamas? Nooooooo! (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Stampa Rassegna Stampa
13.04.2018 Siria: i jet di Assad nelle basi russe
Commento di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 13 aprile 2018
Pagina: 6
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Il regime controlla Douma e Ghouta e sposta i suoi jet nelle basi russe»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 13/04/2018, a pag.6, con il titolo "Il regime controlla Douma e Ghouta e sposta i suoi jet nelle basi russe", il commento di Giordano Stabile.

Immagine correlata
Giordano Stabile

Le forze di Bashar al-Assad conquistano l’intera città di Douma e la polizia militare russa prende il controllo dell’area dove sabato 7 aprile c’è stato il sospetto attacco chimico, mentre gli ispettori dell’Opac sono in arrivo a Damasco e già domani potrebbero compiere le prime ispezioni. E’ uno sviluppo che permette a Mosca di guadagnare tempo e agire sul piano diplomatico, riallacciare i contatti con gli Stati Uniti, sfruttare la mediazione turca di Recep Tayyip Erdogan, e intanto rafforzare la difesa attorno alla capitale siriana.
La giornata di ieri si è aperta con la resa dei combattenti di Jaysh al-Islam, che per 54 giorni hanno resistito all’offensiva denominata «Acciaio di Damasco». In un altro momento sarebbe stato il trionfo per Assad, perché la Ghouta orientale era l’ultima importante sacca di resistenza dei ribelli, difesa da almeno 15 mila miliziani trincerati alle porte delle capitale. Ieri mattina gli ultimi 2 mila combattenti, compreso il comandante Issam Buwaydani, hanno consegnato le armi pesanti alla polizia militare russa. Poi sono stati condotti ai pullman diretti, come al solito, verso la provincia di Idlib.

Immagine correlata
Ghouta, Siria


Ora tutta la zona interessata dall’attacco chimico è sorvegliata dai militari di Mosca che sostengono di aver condotto «ispezioni» assieme alla Mezzaluna rossa siriana. Ma per capire che cosa davvero è successo nella tarda serata di sabato scorso bisogna aspettare il lavoro degli ispettori dell’Opac, in arrivo nella capitale: tra oggi e domani potrebbero svolgere un primo sopralluogo. Anche l’Oms ha chiesto «immediato accesso» a Douma, anche perché ha raccolto una serie di testimonianze sul posto che riferiscono di 500 persone colpite da «agenti chimici», con 43 morti. I servizi americani avrebbero confermato che sono state trovate «tracce di cloro e agenti nervini» nel sangue delle vittime ma il dipartimento di Stato appoggia comunque l’indagine dell’Onu per «verificare».

Il sospetto attacco chimico ha messo in secondo piano il successo del regime. Assad ha rilasciato una intervista alla agenzia di Stato Sana, per spiegare come «alcuni Paesi occidentali alzano la voce e minacciano azioni appena raggiungiamo la vittoria sul campo». Il raiss ha poi visitato una scuola per smentire le voci su una sua «fuga» da Damasco. Resterà probabilmente nella capitale anche in caso di attacco. Forze siriane e russe hanno concentrato attorno al palazzo presidenziale uno scudo anti-aereo sempre più fitto, con 130 lanciatori di tutti i tipi - S-200, 300, 400 a lungo raggio e Pantsir S-1 a medio raggio - «in grado di lanciare 3600 missili in dieci minuti contro tutti i tipi di bersagli», cioè cacciabombardieri e missili da crociera Tomahawk.

I movimenti della Nato comunque allarmano Mosca. Nel caso di un massiccio dispiegamento di forze d’attacco il dispositivo russo, in fin dei conti limitato, finirebbe per soccombere. Tutti i jet siriani ancora efficienti sono stati concentrati nelle basi russe, meglio protette, e la Marina russa ha fatto uscire dal porto di Tartus le tre fregate, più altre otto navi, che erano ancorate ai moli fino a ieri. Sarebbero state bersagli troppo facili e ora invece, impegnate in manovre davanti alla costa siriana, possono ostacolare le mosse di Trump.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT