venerdi 19 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
13.02.2018 Iran criminale: muore 'misteriosamente' in cella l'attivista accusato di spionaggio
Commento di Giordano Stabile

Testata: La Stampa
Data: 13 febbraio 2018
Pagina: 12
Autore: Giordano Stabile
Titolo: «Il giallo del suicidio in cella dell’ambientalista iraniano»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 13/02/2018, a pag.12, con il titolo "Il giallo del suicidio in cella dell’ambientalista iraniano", il commento di Giordano Stabile.

Risultati immagini per Giordano Stabile
Giordano Stabile

Un «patriota» che aveva combattuto volontario nella guerra Iran-Iraq, era stato ferito, per diventare poi il più appassionato difensore dell’ambiente nel suo Paese. E che improvvisamente si sarebbe trasformato in una spia, al soldo di potenze straniere, per finire suicida in carcere, sotto il peso delle accuse e della vergogna. A questa storia i familiari di Kavous Seyed Emani, accademico, ambientalista, sociologo, una delle maggiori figure intellettuali in Iran, con cittadinanza anche canadese, non vogliono credere. E si stanno battendo per ottenere la verità dalle autorità giudiziarie, che venerdì 9 febbraio hanno annunciato la morte di Emani, dopo averlo arrestato il 24 gennaio.

Immagine correlata
Kavous Seyed Emani


I giudici hanno informato la famiglia che il corpo sarà restituito questa mattina, a patto che sia sepolto «immediatamente e senza clamore» ma i familiari hanno ribattuto che le autorità devono «autorizzare una autopsia indipendente e trasparente, in modo che i suoi cari e l’opinione pubblica possano conoscere la causa della morte». Per le autorità l’autopsia è «già stata eseguita», anche se non sono stati resi noti i risultati. Una conclusione inaccettabile dalla famiglia, perché «non puoi essere allo stesso tempo l’accusato e colui che conduce le indagini». Il funerale è previsto oggi nel villaggio natale dell’accademico, Amameh, sulle montagne a Nord di Teheran

Emani, docente all’università Imam Sadigh e direttore del Persian Wildlife Eritage, era finito in una retata che aveva coinvolto numerosi ecologisti. L’accusa era quella di aver usato le perlustrazioni dei siti minacciati, a scopo scientifico, come copertura «per attività di spionaggio». Gli arresti sono arrivati nel clima di repressione che è seguito alle proteste di Capodanno, quando migliaia di persone erano scese in strada a protestare contro le riforme economiche, gli aumenti dei prezzi, la disoccupazione e la corruzione.

La battaglia ecologista di Emani aveva i suoi risvolti politici, soprattutto per le critiche allo sfruttamento dissennato delle risorse idriche, che ha aggravato la siccità cronica in vaste aree del Paese. Il docente non era però «un attivista politico» insiste la famiglia. Al suicidio non crede per primo il figlio Ramin, un musicista apprezzato: «È semplicemente impossibile», ha scritto sul suo profilo Instagram. Un gruppo di colleghi e accademici iraniani ha scritto al presidente Hassan Rohani per chiedere risposte convincenti: «Ci aspettiamo come minimo – hanno ribadito - che venga avviata subito un’indagine seria e che le istituzioni coinvolte debbano rispondere».

I giudici sono rimasti sulle loro posizioni. Un portavoce, Gholamhossein Mohseni ha ribattuto che la morte di Emani è «sottoposta a investigazioni». Ma per il Center for Human Rights in Iran «il sistema giudiziario è fuori controllo, e sta massicciamente collaborando a coprire la verità». Altri due attivisti sono morti in carcere negli ultimi mesi, si sospetta per torture. L’Onu, ha fatto sapere il portavoce di Antonio Guterres, Stéphane Dujarric, segue «gli sviluppi» con «grave preoccupazione». Il Canada, che segue il caso del suo cittadino, ha rotto le relazioni con la Repubblica islamica nel 2012. È l’Italia a curarne gli interessi.

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT