venerdi 14 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Stampa Rassegna Stampa
11.01.2018 Business is business: in Iran continua la repressione, ma le aziende italiane firmano accordi con il regime degli ayatollah
Commento di Alessandro Barbera

Testata: La Stampa
Data: 11 gennaio 2018
Pagina: 9
Autore: Alessandro Barbera
Titolo: «Accordo Italia-Iran da cinque miliardi a sostegno dell'export»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 11/01/2018, a pag. 9, con il titolo "Accordo Italia-Iran da cinque miliardi a sostegno dell'export", il commento di Alessandro Barbera.

Mentre in Iran continua la repressione, le aziende italiane firmano grandi accordi con il regime degli ayatollah: business is business. Ma le democrazie, quando smettono di combattere le dittature e ci fanno affari insieme, vengono poi spazzate via, Weimar insegna. 

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Alessandro Barbera

Immagine correlata
Pubbliche esecuzioni in Iran

Il tempismo non è dei migliori, e per questo la firma avverrà senza squilli di fanfare. L’immagine delle proteste dei giovani iraniani per le strade della capitale assediata sono ancora nelle menti di tutti. Eppure che Italia e Iran siano due partner privilegiati non è una novità. L’accordo sul nucleare di luglio 2015 aveva già posto le premesse per far ripartire la cooperazione con la comunità internazionale, Stati Uniti compresi. Oggi Invitalia Global Investment e due banche iraniane - Bank of Industry and Mine e Middle East Bank - firmano l’intesa che garantirà fino a cinque miliardi di linee di credito per singoli progetti. Invitalia potrà fornire garanzie alle controparti, le quali utilizzeranno il prestito per finanziare l’acquisto di prodotti italiani. Fra le aree di interesse iraniano macchinari per lo sfruttamento di gas e petrolio. Accordi simili sono stati firmati già da Austria e Danimarca.

Per inviare la propria opinione alla Stampa, telefonare 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


direttore@lastampa.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT