lunedi` 26 giugno 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'odio dei terroristi Hamas contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Stampa Rassegna Stampa
06.05.2017 Ecco la nuova Gerusalemme: sarà la capitale dell'hi tech
Ariel David intervista il sindaco Nir Barkat

Testata: La Stampa
Data: 06 maggio 2017
Pagina: 13
Autore: Ariel David
Titolo: «Ecco la nuova Gerusalemme: sarà la capitale dell'hi tech»

Riprendiamo dalla STAMPA di oggi, 06/05/2017, a pag.13, con il titolo "Ecco la nuova Gerusalemme: sarà la capitale dell'hi tech" l'intervista di Ariel David a Nir Barkat, sindaco di Gerusalemme.

Immagine correlata
Ariel David

Cosa vi viene in mente se pensate a Gerusalemme? Forse i luoghi santi o le violenze legate al conflitto israelo-palestinese. Probabilmente non pensate a centri di ricerca, auto di Formula 1 che sfrecciano sotto mura millenarie e treni ad alta velocità. Ma è proprio a questo che pensa Nir Barkat, il sindaco che sta cercando di cambiare il volto di una delle più complesse realtà urbane del Medio Oriente.

Immagine correlata
Nir Barkat, sindaco di Gerusalemme
Da lunedì a Roma e Venezia per una serie di incontri della Jerusalem Foundation in occasione della festa dell'indipendenza d'Israele, Barkat ha parlato dei suoi progetti per Gerusalemme.
È ora di aggiornare l'immagine che il resto del mondo ha della sua città? «Decisamente. Oggi Gerusalemme coniuga la storia con l'innovazione e il futuro. Negli ultimi anni, partendo quasi da zero, abbiamo scalato le classifiche dell'hi-tech, diventando uno dei 25 migliori ecosistemi al mondo per le startup; e l'anno prossimo puntiamo a entrare nella top 20. E poi cresce il turismo: da 2 milioni di visitatori l'anno siamo passati a 4-5».
A marzo la decisione di Intel di acquistare per 15 miliardi di dollari Mobileye, società basata a Gerusalemme che sviluppa software per auto senza pilota, ha acceso i riflettori sull'hi-tech in città. Si è trattato di un caso isolato?
«Ci sono tante storie di successo, come OrCam, società che sviluppa occhiali con telecamera e software incorporati per aiutare i non vedenti a visualizzare e interpretare le immagini. In quattro anni siamo cresciuti da 250 start-up a 600, soprattutto nel campo medico e altre nicchie in cui competiamo con poli tecnologici come Tel Aviv grazie anche all'apporto di centri di eccellenza come l'Università Ebraica e l'Ospedale Hadassah». Come avete favorito questa svolta?
«Le nostre ricerche hanno identificato due aree in cui avevamo un vantaggio competitivo: le scienze mediche e le alte tecnologie da una parte, il turismo e la cultura dall'altra. Ho impostato il nostro piano di crescita su queste aree e ho sollecitato l'approvazione di incentivi fiscali che hanno reso più attraente la città per le aziende».
E sul turismo?
«Abbiamo lavorato sulla domanda, creando una serie di eventi come la maratona e l'esibizione di Formula 1, e sull'offerta, approvando incentivi fiscali per l'industria alberghiera. Stiamo completando la ferrovia ad alta velocità che collegherà Gerusalemme con l'aeroporto in 20 minuti E poi c'è la linea della ferrovia leggera in città, altre due sono in costruzione. L'obiettivo è ospitare più di 10 milioni di turisti l'anno».
Gerusalemme è però ancora una delle città meno ricche del Paese. Molti, soprattutto arabi ed ebrei ultraortodossi, vivono sotto la soglia di povertà.
«Si, e per questo lavoriamo su tre fronti: creare posti di lavoro; migliorare l'istruzione adattandola ai bisogni del mercato e riducendo gli abbandoni scolastici; utilizzare i programmi di "welfare" per portare fuori dalla povertà più persone possibile, soprattutto bambini».
Israele festeggia i 50 anni dalla riunificazione di Gerusalemme. Nell'ambito di un accordo di pace con i palestinesi, sarebbe favorevole a dividere la città per fame la capitale di due Stati?
«La città non sarà mai divisa. Gerusalemme, come tutte le città del mondo, non può vivere divisa. Gerusalemme potrà funzionare solo se continuerà ad accogliere tutti, a rispettare tutte le religioni e i diversi modi di vivere come fa oggi. I palestinesi devono dimostrare di volere la pace e riconoscere Israele. Abbiamo saputo fare accordi con acerrimi nemici come Egitto e Giordania, ma con i palestinesi stiamo ancora aspettando. Se vorranno la pace troveremo una soluzione».

Per inviare alla Stampa la propria opinione, telefonare: 011/65681, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT