Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

La Stampa Rassegna Stampa
17.10.2013 Odifreddi getta la maschera: ecco come (s)ragiona sulla Shoah
La cronaca di Jacopo Jacoboni

Testata: La Stampa
Data: 17 ottobre 2013
Pagina: 11
Autore: Jacopo Jacoboni
Titolo: «Odifreddi scatena la rivolta. 'Camere a gas ? Le conosciamo solo dalla propaganda alleata '»

Anche l'Italia ha il suo David Irving, in sedicesimo, come si confà a un paese dove prevalgono i tarallucci e vino. Ma neanche poi tanto, come si legge nella cronaca di Jacopo Jacoboni sulla STAMPA di oggi, 17/10/2013, a pag.11, con il titolo "Odifreddi scatena la rivolta. 'Camere a gas ? Le conosciamo solo dalla propaganda alleata '". Odifreddi, popolarissimo collaboratore di importanti quotidiani, autore di libri a produzione continua, teorico dell'ateismo presentato con successo sui vari palcoscenici dove il tema della fede diventa occasione di mondana superficialità, ha finalmente gettato la maschera. Mai si erano udite affermazioni simili da un esponente della sinistra che critica i suoi critici dandogli del 'fascista', come è d'uso da parte di chi non ha argomenti seri da contrapporre. Ecco quali sono gli argomenti di Odifreddi, marciume finora retaggio del più repellente negazionismo.
Negazionismo dalla Shoah non è un'opinione, è una immonda menzogna, cancella la storia di uno sterminio, contribuisce a diseducare le nuove generazioni.
Fiamma Nirenstein scrive che le idee si combattono con le idee (l'articolo è ripreso in altra pagina di IC), giusto, ma la menzogna come la si combatte, se dichiarazioni come quelle di Odifreddi sono state ignorate da tutta la stampa italiana - unica eccezione, una breve sul Giornale, nella stessa pagina che ospita il pezzo di Fiamma Nirenstein ? Un plauso alla STAMPA che gli ha dato il giusto rilievo.
Ecco l'articolo:

L’equazione stavolta non torna. E il matematico Piergiorgio Odifreddi, di nuovo, s’infila dentro una polemica che sembra incredibile, ma è sciaguratamente vera. Succede tutto sul suo blog, pubblicato sul sito di Repubblica. Partendo da un post del matematico su Priebke e i preti lefebvriani, si accende una discussione con interventi vari (e spesso variopinti), fino a che Odifreddi non risponde a un paio di lettori, uno in particolare.Davvero, lo sventurato rispose. Norimberga? «Su Norimberga confesso di essere molto vicino alle sue posizioni. Il processo è stato un’opera di propaganda. I processati hanno dichiarato, con lapalissiana evidenza, che se la guerra fosse andata diversamente, a essere processati per crimini di guerra sarebbero stati gli alleati». E dopo, la frase che più fa indignare: «Non entro nello specifico delle camere a gas, perché di esse “so” appunto soltanto ciò che mi è stato fornito dal “ministero della propaganda” alleato nel dopoguerra. E non avendo mai fatto ricerche al proposito, e non essendo comunque uno storico, non posso far altro che “uniformarmi” all’opinione comune.Ma almeno sono cosciente del fatto che di opinione si tratti». Già l’anno scorso Odifreddi incappò in una polemica in cui, sempre per un testo scritto sul sito di Repubblica, e poi rimosso, decise di rinunciare spontaneamente a quel suo spazio. Nell’articolo si faceva una contabilità dei morti delle Fosse ardeatine paragonata con quelli causati dai raid israeliani nei territori palestinesi («dieci volte superiori»). Odifreddi concludeva chiedendo: «A quando dunque un tribunale internazionale per processare e condannare anche Netanyahu e i suoi generali?».Non è bastato. Che gli è scattato, adesso? «Io faccio un discorso generale, di metodo; la maggior parte delle persone si forma uniun’idea, anche sulle camere a gas, su romanzi e film hollywoodiani, ma così nascono deimiti». Le camere a gas però non sono un mito, basterebbe leggere narrativa (Primo Levi), libri di testimonianze (per esempio Amery, o Shlomo Venezia), libri di storia (per dire, Pressac), o chiedersi che fine abbiano fatto tutti quelli che non sono tornati da Auschwitz, no? «Certo, questo però lo sa lei. La gente invece si forma opinioni, senza documenti, senza libri di storia. E poi: Hitler nel Mein Kampf dice che per gli ebrei ci vuole la soluzione che gli americani hanno usato nell’olocausto degli indiani d’America; diciotto milioni di morti che nessuno ricorda mai. La legge contro il negazionismo si cura anche di loro o si occupa di un solo Olocausto?». Argomenti che però faranno infuriare ancora di più. Ieri in tantissimi hanno protestato. Su twitter Gianni Riotta gli scrive: «Odifreddi sbaglia a scrivere di camere a gas naziste “propaganda alleata”, fa confusione in un difficile momento». E cita altri libri (Jan Karski, La mia testimonianza davanti al mondo). Altri, come Gianni Vernetti, lamentano «la folle dichiarazione antisemita e negazionista». L’epiteto «negazionista» arriva da tantissimi. E c’è chidomanda «questo commentoèononè reatoper lalegge contro ilnegazionismo?».Una risposta che credevamo bastasse il buon senso a dare.

Per inviare al direttore della Stampa la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante


direttore@lastampa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui