domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Venerdì di Repubblica Rassegna Stampa
08.01.2021 Dopo il Sudan, ecco il Bhutan: riconosciuto Israele
Cronaca di Simone Porrovecchio

Testata: Il Venerdì di Repubblica
Data: 08 gennaio 2021
Pagina: 23
Autore: Simone Porrovecchio
Titolo: «E alla fine anche il Bhutan riconobbe Israele»

Riprendiamo dal VENERDI' di REPUBBLICA di oggi, 08/01/2021, a pag.23 con il titolo "E alla fine anche il Bhutan riconobbe Israele", la cronaca di Simone Porrovecchio.

Why Bhutan-Israel ties matter - comment - The Jerusalem Post

DOPO Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Sudan e più recentemente il Marocco, il regno himalayano del Bhutan è l'ultimo Paese ad aver stabilito nel 2020 relazioni diplomatiche con Israele. A firmare lo storico accordo è stato Ron Malka, l'ambasciatore israeliano in India, con la controparte bhutanese, Maj Gen Vetsop Namgyel. «L'accordo è altro rispetto agli sforzi statunitensi che hanno portato nel 2020 alla normalizzazione dei legami tra Israele e i quattro Paesi arabi», ha precisato a margine della firma il ministro degli esteri israeliano, Gabi Ashkenazi. «L'istituzione di relazioni costituisce una prima e importante tappa nell'approfondimento delle relazioni diplomatiche e dei rapporti commerciali tra Tel Aviv e l'Asia». «Le aree chiave di cooperazione includeranno lo sviluppo tecnologico e agricolo del Paese himalayano» ha sottolineato l'ambasciatore Malka. “Ma anche gli scambi culturali e il turismo saranno rafforzati». Il piccolo e remoto regno buddista, incuneato tra i giganteschi vicini Cina e India, ha un'importanza strategica rilevante soprattutto all'ombra del conflitto tra le due potenze nucleari per il controllo dell'Himalaya. Il Bhutan, che ha scritto nella sua Costituzione l'obiettivo primario della felicità dei suoi cittadini, inventandosi l'indicatore della Felicità interna lorda, ha in realtà seri problemi di corruzione statale, povertà rurale e disoccupazione giovanile.

Per inviare al Venerdì di Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49823128, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

segreteria_venerdi@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT