lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Venerdì di Repubblica Rassegna Stampa
20.12.2019 Cristiani in Israele: pieni diritti, benessere, sviluppo demografico. Sotto l'Anp invece sono sempre meno
Un pezzo di completa disinformazione firmato da Filippo Di Giacomo

Testata: Il Venerdì di Repubblica
Data: 20 dicembre 2019
Pagina: 37
Autore: Filippo Di Giacomo
Titolo: «In Terra Santa non si trova più un cristiano»

Riprendiamo dal VENERDI' di REPUBBLICA di oggi, 20/12/2019, a pag. 37, con il titolo "In Terra Santa non si trova più un cristiano" il commento di Filippo Di Giacomo.

Quello di Filippo Di Giacomo è un atto di accusa contro Israele, l'unico Paese del Medio Oriente in cui la comunità cristiana è in crescita demografica e gode di tutti i diritti che ha ciascun cittadino. Di Giacomo confonde volutamente, nella sua descrizione, la condizione dei cristiani in isrele e nei territori controllati dall'Anp di Abu Mazen, in cui la presenza cristiana continua a ridursi. Il risultato è un pezzo di disinformazione unilaterale contro lo Stato ebraico.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Netanyahu fra i soldati cristiani di Israele

In Terra Santa, così come a Betlemme dove le politiche israeliane e palestinesi, a forza di espropri terrieri e abusi giuridici, hanno ridotto la presenza dei cristiani, quest'ultimi stanno scomparendo. Nel 1995, quando Israele pensò di compiere un "gesto di pace" cedendo il controllo della città della Natività ad Arafat, Betlemme era a stragrande maggioranza abitata da cristiani. Ora non sono che il 10 per cento, anche se la popolazione è cresciuta dai 14.439 abitanti del 1967 agli oltre 27 mila di oggi. Ciò che è cambiato è l'equilibrio demografico interno: tanti cristiani in meno, tanti musulmani in più che, pur non avendo nulla a che fare con la cittadina palestinese, vi si sono trasferiti grazie alle generose elargizioni (case e denaro) distribuite da Hamas, vero Stato in quello presunto di Palestina. Come in tutto il Medio Oriente «l'Europa è irrilevante, qui non c'è. È Vladimir Putin che ormai conta». A dirlo, senza giri di parole, l'amministratore apostolico di Terra Santa, monsignor Pierbattista Pizzaballa, in un'intervista di fine novembre rilasciata all'agenzia cattolica tedesca Kna. Negli stessi giorni, dal 26 al 28, a Budapest 650 esponenti di alto rango di diverse chiese cristiane hanno dato vita alla seconda conferenza internazionale sulla persecuzione anticristiana. La prima, sempre indetta dal governo ungherese, si era svolta nel 2017. In rappresentanza di 40 nazioni, i partecipanti hanno parlato a nome dei 245 milioni di perseguitati. Lamentele forti e condivise che si sono levate verso la macchina burocratica dell'Unione Europea, efficiente e "pesante" nel difendere e propagandare diritti vecchi e nuovi, ma riluttante a scendere in campo di fronte all'evidenza delle persecuzioni anticristiane. E anche a Budapest Vladimir Putin è stato presentato come iI difensore dei cristiani. Con tanti saluti all'Unione Europea.

Per inviare al Venerdì di Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49823128, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


segreteria_venerdi@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT