giovedi` 22 ottobre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il suono dello Shofar


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
16.10.2020 Il Manifesto contro Israele e contro la pace
Commento di Michele Giorgio

Testata: Il Manifesto
Data: 16 ottobre 2020
Pagina: 12
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «5mila case per coloni nel silenzio del Golfo»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 16/10/2020, a pag.12, con il titolo "5mila case per coloni nel silenzio del Golfo" il commento di Michele Giorgio.

Michele Giorgio, oltre a schierarsi ancora una volta contro la pace in Medio Oriente (in tutta la prima parte dell'articolo fa di tutto per screditare - senza successo - l'accordo Abramo), riporta con dovizia di particolari alcuni progetti edilizi israeliani. Non farebbe notizia se le case fossero costruite in qualunque altro Paese del mondo, ma in Israele ogni pretesto è buono per cercare di demonizzare il governo, le istituzioni e lo stesso diritto a esistere dello Stato ebraico. L'unica voce israeliana riportata da Giorgio è quella della ong  Peace Now, che ha un'agenda politica volta a delegittimare lo Stato ebraico: non certo, dunque, una voce imparziale, che però agisce - grazie al sistema democratico israeliano- contro il proprio paese. 

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

Peace Now - Wikipedia
Shalom Achshav, Peace Now in inglese

Benyamin Netanyahu ieri, chiedendo alla Knesset di ratificare l'Accordo di Abramo, ha sottolineato i progressi continui della normalizzazione dei rapporti tra Israele ed Emirati cominciata ad agosto e segnata da eventi simbolici. Come il primo volo, della Etihad, partito due giorni fa da Milano e diretto ad Abu Dhabi, che ha sorvolato per la prima volta lo spazio aereo israeliano.

LA SODDISFAZIONE del premier è ampiamente giustificata. Gli Emirati — e così il Bahrain, l'altra monarchia del Golfo che il 15 settembre ha firmato l'Accordo di Abramo con Israele — attuano senza esitazioni la loro parte delle intese. E non aprono bocca sulle politiche di Israele nei Territori occupati e nei confronti dei palestinesi. Eppure ad agosto gli emiratini avevano enfatizzato lo stop al piano di Netanyahu per l'annessione unilaterale di una porzione di Cisgiordania ottenuto in cambio della normalizzazione dei rapporti con lo Stato ebraico. Una frenata che il capo del governo israeliano ha sempre descritto come temporanea. Netanyahu esclude che l'Accordo di Abramo comprenda la promessa di un congelamento della colonizzazione dei territori palestinesi. I fatti sono dalla sua parte.

ABU DHABI E MANAMA restano mute mentre palestinesi e Onu si appellano al rispetto della legalità internazionale e condannano l'approvazione, ieri e mercoledì, da parte dell'Amministrazione civile israeliana in Cisgiordania dei piani per la costruzione di circa 5mila nuove case nelle colonie ebraiche. (Siamo di fronte alla follia degli insediamenti israeliani — ha denunciato Nabil Abu Rudeina, il portavoce del presidente palestinese Abu Mazen — Il governo Netanyahu è determinato a procedere nelle sue politiche di insediamento per rubare terra palestinese, nel silenzio internazionale e della normalizzazione e con il cieco supporto di Trump». In silenzio anche l'Arabia saudita su cui Washington e Tel Aviv premono per spingerla a unirsi al più presto ai paesi firmatari dell'Accordo. Le monarchie del Golfo e altri paesi arabi dipendenti dall'alleanza con gli Usa hanno usato come paravento la blanda condanna della nuova accelerazione della colonizzazione israeliana fatta dalla Lega araba, consesso di pura facciata controllato proprio da Riyadh e Abu Dhabi. L'annuncio della prossima costruzione dei 5mila nuovi alloggi è stato accolto con entusiasmo da Shlomo Neeman, figura di primo piano del movimento dei coloni israeliani, che si è congratulato con Netanyahu. (Quello che conta — ha commentato Neeman — è che un numero crescente di ebrei si stabilisca nella terra dei padri, per sempre». L'espansione degli insediamenti ebraici, ha aggiunto, rientra «in un piano strategico per il rafforzamento della nostra presa in Giudea-Samaria», i nomi biblici della Cisgiordania. L'ong pacifista Peace Now riferisce che nel 2020 Israele ha approvato 12.159 nuovi alloggi nelle colonie, il numero più alto dal 1967, anno di inizio dell'occupazione di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est. E non è finita, aggiunge: altre decisioni sono attese da qui alla fine di dicembre. Tutti gli alloggi approvati sorgeranno in aree che Israele dovrebbe lasciare nel quadro della soluzione a due Stati, ossia la creazione di uno Stato palestinese indipendente e sovrano accanto a Israele. «Il piano di annessione della Cisgiordania con l'espansione delle colonie sta chiaramente continuando», mette in rilievo Peace now.

CIRCA 460MILA COLONI si sono insediati in Cisgiordania dopo l'occupazione. E almeno altri 250mila vivono nella zona palestinese (Est) di Gerusalemme, anch'essa occupata secondo le risoluzioni internazionali.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT