lunedi` 28 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco che cosa pensano davvero gli arabi palestinesi


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
18.06.2020 Onu ancora una volta contro Israele
Michele Giorgio elogia la linea filoaraba delle Nazioni Unite

Testata: Il Manifesto
Data: 18 giugno 2020
Pagina: 8
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Governi apatici, contro l'annessione alzano la voce i relatori Onu»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 18/06/2020, a pag.8, con il titolo "Governi apatici, contro l'annessione alzano la voce i relatori Onu" il commento di Michele Giorgio.

Non stupisce la linea contro Israele da parte dell'Onu, una organizzazione che da decenni è ostaggio di Paesi che tutto sono fuorché democrazie, a partire da quelli arabi e islamici. Per questo l'Onu ottiene il plauso di Michele Giorgio, sempre attento a dare spazio alle posizioni contro Israele. Ma lo Stato ebraico ha imparato a procedere per la propria strada verso gli obiettivi di pace, benessere e sicurezza che da sempre si pone, non sarà la propaganda filo-terrorista a far cambiare linea a Gerusalemme.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

AG's office said to warn PM Jordan Valley annexation could lead to ...
Netanyahu illustra la situazione nella valle del Giordano

Tempi e modi dell'annessione unilaterale a Israele di porzioni di Cisgiordania palestinese erano ieri sera al centro dell'incontro tra Benyamin Netanyahu e il suo principale partner di governo e ministro della difesa Benny Gantz.

NON CHE TRA I DUE esistano differenze di rilievo su questo punto del programma di governo. Però Gantz, pur essendo favorevole al progetto di annessione generato dal piano per il Medio Oriente di Donald Trump, chiede di tenere conto dei riflessi diplomatici di una veloce «estensione della sovranità israeliana» sulla Cisgiordania. Il premier da parte sua non rinuncia al contrario di ciò che suggerisce qualche giornale. L'annessione degli insediamenti coloniali ebraici e della Valle del Giordano l'ha promessa agli israeliani nelle ultime due campagne elettorali: è la sua eredità politica. E poi c'è il problema Joe Biden. L'ormai certo candidato democratico alle presidenziali Usa di fine anno si proclama sincero alleato di Israele ma è contrario a mosse unilaterali e non negoziate. In questi giorni si è fatta più concreta la possibilità che Biden possa cacciare dalla Casa Bianca Trump, stretto alleato di Netanyahu. Il premier israeliano quindi procederà all'annessione prima delle presidenziali Usa agendo allo stesso tempo con cautela. Il quotidiano di destra Israel HaYom ieri rivelava che attuerà l'annessione in due fasi: il 1° luglio proclamerà parte integrante di Israele solo alcuni degli insediamenti coloniali (più o meno il 10% della Cisgiordania); poi, dopo aver rivolto un invito ai palestinesi a negoziare sulla base del piano Trump, procederà all'annessione di tutte le altre colonie. La Valle del Giordano dovrebbe annetterla nella seconda fase o lasciarla in sospeso: in ogni caso Israele non rinuncerà mai a questa porzione dei territori palestinesi occupati nel 1967. Netanyahu è convinto che riuscirà con il tempo a ottenere il riconoscimento di fatto di Ue e Giordania dell'annessione.

NETANYANU HA FATTO i conti giusti con l'atteggiamento dei governi, non solo occidentali, verso le sue politiche. Dall'Ue arrivano ammonimenti, esortazioni a non infrangere il diritto internazionale ma Bruxelles non applicherà mai sanzioni contro Israele. Cosi come la Giordania non andrà oltre le parole di fuoco pronunciate ancora qualche ora fa da re Abdullah. Una rottura dei rapporti con Tel Aviv è impensabile. Al contrario sale l'impegno della società civile internazionale e dell'Onu e si moltiplicano in questi giorni le critiche. Oltre 40 relatori ed esperti indipendenti dell'Onu hanno condannato l'annessione descrivendola come rappresentazione attuale dell'apartheid sudafricano e una grave violazione della Carta delle Nazioni unite. «Ciò che rimarrebbe della Cisgiordania sarebbe un Bantustan palestinese, terre scollegate (tra di loro), circondate da Israele e senza alcun legame territoriale con il mondo esterno», scrivono in un documento diffuso martedì a Ginevra. Sottolineano che «Israele ha promesso che manterrà un controllo di sicurezza permanente tra il Mediterraneo e il fiume Giordano». Quindi, aggiungono, «la mattina dopo l'annessione avverrebbe la cristallizzazione di una realtà già ingiusta: due popoli che vivono nello stesso spazio, governati dallo stesso Stato ma con diritti profondamente diseguali. È una rappresentazione dell'apartheid del 21esimo secolo».

COSCIENTI CHE l'annessione unilaterale a Israele delle Alture del Golan avvenuta nel 1981 non ha provocato alcuna reazione internazionale concreta, esperti e relatori Onu esortano a tenere conto «delle lezioni del passato»: «Le critiche senza conseguenze non impediranno l'annessione né porranno fine all'occupazione».

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT