lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
13.05.2020 Pompeo in Israele, Ue ancora contro Gerusalemme, la strategia del nuovo governo
La disinformazione di Michele Giorgio

Testata: Il Manifesto
Data: 13 maggio 2020
Pagina: 9
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Pompeo oggi in Israele, annessione più vicina»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 13/05/2020, a pag.9, con il titolo "Pompeo oggi in Israele, annessione più vicina" il commento di Michele Giorgio.

La notizia è la stessa che dà Fiammetta Martegani, ripresa oggi da IC in altra pagina. Giorgio però la trasforma in modo da accusare - come fa quotidianamente da molti anni - lo Stato ebraico. Perfino l'uccisione di un soldato israeliano, di cui Giorgio rende conto nel finale del pezzo, viene presentata come la reazione araba palestinese a un "raid" e in questo modo giustificata. Nulla di nuovo: è il Manifesto la casa dell'odio contro Israele su carta stampata in Italia.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

Risultati immagini per mike pompeo netanyahu
Mike Pompeo con Bibi Netanyahu

Mike Pompeo arriva oggi in Israele per testimoniare con la sua presenza l'importanza che l’Amministrazione Trump assegna alla costituzione, domani, del nuovo governo israeliano fondato sull'allenza tra il leader della destra Benyamin Netanyahu e il suo fresco alleato, il centrista Benny Gantz. Non è un caso che il giuramento dell'esecutivo, di cui Netanyahu sarà premier per i primi 18 mesi, avvenga nel 72esimo anniversario dalla proclamazione di Israele. Simboleggia un nuovo capitolo della storia del paese, l'annessione unilaterale di una larga fetta di Cisgiordania palestinese a Israele, l'eredità politica di Netanyahu. Il tema principale, nonostante non sia nell'agenda ufficiale dei colloqui tra il segretario di Stato e i dirigenti israeliani, è l'annessione allo Stato ebraico della Valle del Giordano e delle porzioni di Cisgiordania dove sono situati gli insediamenti coloniali, in linea con il piano annunciato da Donald Trump il 28 gennaio.

NETANYAHU NON HA dubbi. Pompeo, ripete il premier, è qui per dare il via libera al suo progetto che, tra le proteste palestinesi e gli ammonimenti dell'Ue, dovrebbe partire il primo luglio. Ha ragione. Tuttavia Pompeo fino a ieri sera non aveva chiarito se gli Usa daranno subito luce verde. Il Dipartimento di Stato ha fatto riferimento al coronavirus e all'Iran ma non ha parlato di annessioni. «E una decisione che dovranno prendere gli israeliani. Voglio capire cosa ne pensa la nuova leadership, il prossimo governo», ha detto Pompeo al quotidiano Israel HaYom.

WASHINGTON GIÀ una volta ha messo il freno a Netanyahu quando a febbraio voleva procedere all'annessione della Valle del Giordano. Ora è diverso. Netanyahu e l'Amministrazione Usa temono di non avere tempo a disposizione prima delle presidenziali americane di novembre e sono convinti che agire subito darà vita sul terreno a fatti compiuti che in seguito la comunità internazionale accetterà. La tensione non manca. L'Ue ripete che 'l'annessione non è in linea con il diritto internazionale» e i ministri degli esteri europei ne discuteranno venerdì. Secondo indiscrezioni alcuni vorrebbero minacciare subito l'adozione di sanzioni contro Israele per impedire che Netanyahu muova i suoi passi. Intanto ieri sera continuava la caccia all'uomo avviata dall'esercito israeliano in Cisgiordania per catturare i responsabili dell'uccisione di un soldato a Yabad (Jenin). Il militare è stato colpito da una grossa pietra scagliata da un tetto mentre partecipava a un raid nel villaggio palestinese.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare:06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT