lunedi` 21 settembre 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco il volto dell' 'islam moderato' (sottotitoli a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
24.10.2019 Sotto il regime di Abu Mazen basta una critica al dittatore per far scattare l'arresto
Se lo scrive perfino Michele Giorgio...

Testata: Il Manifesto
Data: 24 ottobre 2019
Pagina: 10
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Siti palestinesi chiusi: 'Attacco alla libertà'»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 24/10/2019, a pag.10, con il titolo "Siti palestinesi chiusi: 'Attacco alla libertà' " il commento di Michele Giorgio.

Michele Giorgio riporta la notizia della censura, da parte del regime corrotto e dittatoriale di Abu Mazen, nei confronti dei cittadini della Anp. Basta una critica sui social rivolta ad Abu Mazen per far scattare l'ordine di arresto. Se lo dice perfino Michele Giorgio...tutti gli altri media invece ignorano la notizia: se non si può accusare Israele di chissà quali fantasioni crimini, evidentemente la notizia non viene ritenuta interessante.

Ecco l'articolo:

Risultati immagini per michele giorgio il manifesto
Michele Giorgio

Risultati immagini per abu mazen one million
Abu Mazen

«Due anni fa fui arrestato dalla polizia palestinese e chiuso in cella per sette giorni. Mi accusarono di aver violato la Cyber Crimes Law, di aver commesso dei crimini attraverso internet criticando sui social il presidente (Abu Mazen), il premier e ministri dell'Autorità nazionale palestinese».

ISSA AMRO RACCONTA al manifesto una delle pagine più buie della sua vicenda di attivista per i diritti dei palestinesi. «Ero abituato all'oppressione da parte delle forze israeliane — prosegue Amro, noto per le sue battaglie a difesa dei palestinesi di Hebron —, avevo messo in conto che la mia denuncia dell'occupazione militare israeliana mi sarebbe costata più volte l'arresto e la detenzione. Ma mai avrei immaginato che, per le mie opinioni, mi avrebbero messo le manette anche gli agenti della polizia palestinese». Il caso di Amro tornerà nell'aula del tribunale di Hebron il 27 novembre. Se sarà giudicato colpevole per lui potrebbero aprirsi di nuovo le porte del carcere. E per gli stessi reati presto altre persone rischieranno la prigione. Nei giorni scorsi la Corte distrettuale di Ramallah, su richiesta della Procura, ha ordinato la chiusura di 49 tra siti e account di social — che avrebbero pubblicato materiale «pericoloso» per la sicurezza nazionale — nel rispetto della Cyber Crimes Law, la legge contro i cosiddetti crimini cibernetici approvata nel 2017 tra le proteste di giornalisti, blogger e altri operatori dell'informazione. Molti dei siti e delle pagine social sono critici della linea del rais Abu Mazen e dell'Anp. Alcuni invece sono collegati al movimento islamico Hamas o all'ex alto dirigente del partito Fatah, ora in esilio, Mohammed Dahlan, che da otto anni fa la guerra al presidente. «SUMO AL MASSACRO della libertà di parola di espressione», avverte la Federazione nazionale della stampa palestinese che ha mandato in strada, davanti alla sede dell'Alto Consiglio giudiziario a Ramallah, dozzine di giornalisti a reclamare la revoca dell'ordine. Oggi i giudici riesamineranno la decisione. «Mi auguro che il provvedimento sia annullato, perché viola la libertà di espressione e di opinione. Per noi giornalisti sono corde delicate. Le autorità dovrebbero premiare la stampa invece di bloccarla e reprimerla», protesta Nasser Abu Bakr, il presidente della Federazione.

LA PROCURA RESPINGE le accuse. Afferma che la decisione di chiudere i 49 siti e pagine Facebook è stata presa dopo che il suo ufficio aveva ricevuto denunce contro questi siti gestiti in modo anonimo e con fonti di finanziamento sconosciute. Ma la giustificazione non ha convinto nessuno e persino il governo dell'Anp ha criticato la mossa della magistratura affermando che la libertà di stampa e di opinione va rispettata. Una presa di posizione importante ma che non cancella gli abusi subiti in passato da giornalisti e blogger da parte dei servizi di sicurezza Anp. Come fanno sorridere le critiche di Hamas alla magistratura a Ramallah: a Gaza la polizia del movimento islamico è accusata di tenere il fiato sul collo della stampa locale e nei giorni scorsi ha arrestato il reporter Hani al-Agha, colpevole di aver criticato le autorità sui social. Sorte simile è toccata in Cisgiordania al giornalista Radwan Qatanani di Nablus. La mobilitazione contro la Cyber crime law va avanti, con la partecipazione di docenti universitari, organizzazioni per i diritti umani, partiti politici, con in testa il Fronte popolare (sinistra), e tante persone comuni. Ed è stata lanciata anche una campagna online con l'hashtag #BlockingisACrime.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare:06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT