giovedi` 21 novembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Chi sono veramente i palestinesi? Lo spiega lo storico Benny Morris (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
11.08.2019 A Michele Giorgio la cattedra di disinformazione quotidiana
di cui si nutrono molti odiatori di Israele

Testata: Il Manifesto
Data: 11 agosto 2019
Pagina: 1
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Uccisi quattro palestinesi alla barriera con Israele»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 11/08/2019, a pag.8, con il titolo "Uccisi quattro palestinesi alla barriera contro Israele" un pezzo di Michele Giorgio

Perchè continuiamo a riprendere i servizi da Israele di Michele Giorgio? Una domanda che ci pongono spesso i lettori, con buone ragioni, essendo un condensato di menzogne che si ripetono in modo quasi identico.
Il motivo è presto detto, Giorgio in anni ha accumulato una tale capacità di trasformare la verità in menzogna, raffinando le tecniche della disinformazione, da diventare un maestro a cui attingono poi, aggiustando il tiro, quella parte di cronisti che, avendo eletto l'ostiità  verso tutto ciò che richiama Israele a propria guida, ne riproducono lo 'stile'.
Alcuni esempi nel pezzo che segue:
1. Il confine, anche se non ufficiale, diventa una 'barriera', qualcosa che giustificherà gli attacchi di Hamas di fronte all'opinione pubblica internazionale. 'Barriera' è una parola negativa, non occorre spiegarla.
2. Giorgio condivide la definizione di '4 giovani arrabbiati, che hanno compiuto un atto dovuto alla condizione in cui Gaza è tenuta da Israele'.
Non potendo negare che erano armati di mitra, lanciarazzi e granate a mano per uccidere i soldati israeliani,lascia intendere una loro appartenenza a vari gruppi - tra i quali persino un 'Fronte democratico'!- per non coinvolgere Hamas. Il fatto di non citare mai l'obiettivo per cui Hamas si è impadronita di Gaza con un colpo militare- il che spiegherebbe la presenza al confine dell'esercito israeliano di difesa- permette a Giorgio di chiudere il pezzo citando le 200 vittime 'uccise dai tiratori scelti israeliani', una specie di plotone di esecuzione sistemato al confine per impedire il successo della 'marcia del ritorno':
Le tecniche disinformative di Giorgio, diventano poi i reportages che troviamo su quotidiani e settimanali.

Visualizza immagine di origine
Michele Giorgio

Ecco il pezzo di oggi:

Gerusalemme- Hamas ha smentito l'appartenenza alla sua ala militare dei quattro palestinesi di Gaza rimasti uccisi nella notte tra venerdì e sabato sulle barriere di demarcazione durante un tentativo di infiltrazione in Israele all'altezza di Deir al Balah. Secondo il movimento islamico i quattro erano «dei giovani arrabbiati» e si sarebbe trattato di un «atto individuale frutto della pressione inflitta (dal blocco israeliano) alla nostra gente». Una versione non infondata considerando la dura condizione in cui Gaza è tenuta da oltre dieci anni. Ma è difficile credere che i quattro uccisi non avessero alcun legame con organizzazioni. Infatti avevano mitra Kalashinkov, lanciarazzi e granate a mano, una delle quali sarebbe stata scagliata contro i militari israeliani. Uno dei quattro è riuscito a superare le barriere e, pare, anche ad aprire il fuoco prima di essere abbattuto assieme ai suoi compagni dai soldati. A Gaza solo uno del gruppo era noto, come ex membro del Fronte democratico. Gli altri sono definiti vicini alla galassia delle piccole formazioni salafite che agiscono nell'area tra Khan Yunis e Rafah. Israele ha descritto il tentativo di infiltrazione come parte di una operazione armata più ampia sventata sul nascere e ha bombardato postazioni di Hamas a Deir al Balah. L'episodio è avvenuto alla vigilia dell'Eid al Adha, i quattro giorni della festa del sacrificio che coincide con l'Hajj, il pellegrinaggio alla Mecca Proprio per l'Adha venerdì Hamas aveva annullato le manifestazioni della «Grande Marcia del Ritorno» contro il blocco di Gaza che vanno avanti dal marzo 2018 e in cui sono rimasti uccisi oltre 200 palestinesi, colpiti dai tiratori scelti israeliani


Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT