martedi` 23 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
10.07.2019 La domanda che Michele Giorgio non rivolgerà mai agli arabi israeliani
Gli arabi israeliani non vogliono uno Stato arabo palestinesi: ecco perché

Testata: Il Manifesto
Data: 10 luglio 2019
Pagina: 11
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Palestinesi a scuola di propaganda. O la gita all'estero è off limits»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 10/07/2019, a pag.11 con il titolo "Palestinesi a scuola di propaganda. O la gita all'estero è off limits" l'analisi di Michele Giorgio.

Michele Giorgio riporta le proteste di alcuni arabi israeliani (che però definisce "palestinesi") di Nazareth. Quello che omette è l'opinione degli arabi israeliani su un possibile futuro Stato arabo palestinese: i sondaggi mostrano che la grande maggioranza degli arabi con passaporto israeliano, che godono delle libertà e dei diritti che solo una democrazia può garantire, sono favorevoli alla nascita di uno Stato arabo palestinese ma mai vorrebbero esserne cittadini. Sanno bene, infatti, che questo Stato sarebbe una dittatura oppressiva, islamista, corrotta. Ma tutto questo sulle pagine del quotidiano comunista non compare.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Michele Giorgio

 

La Hasbara, «spiegazione» in ebraico, si può descrivere come una sorta di «diplomazia pubblica». Ed è rivolta in particolare ai paesi occidentali. A svolgerla nella maggior parte dei casi sono privati cittadini israeliani e responsabili di associazioni e gruppi di pressione. Il suo scopo è influenzare le discussioni con i cittadini di altri paesi in modo da far apparire Israele in una luce positiva e oscurare la questione palestinese e l'occupazione di Cisgiordania, Gaza e Gerusalemme Est. La Hasbara punta a dare spazio ai progressi di Israele nella tecnologia, l'istruzione, la cultura, la tutela dell'ambiente, il sostegno ai diritti degli omosessuali, temi cari all'opinione pubblica occidentale. Progressi da contrapporre alla «arretratezza» dei palestinesi così da generare simpatia per lo Stato di Israele e sostegno alle sue politiche. Un tempo la «spiegazione» coinvolgeva la parte più motivata e nazionalista dei cittadini ebrei di Israele; ora anche gli "ambo israeliani", ossia i palestinesi (un milione e 700mila) con passaporto israeliano. E le reazioni non mancano.

Immagine correlata

LA STAMPA LOCALE riferisce che la scuola Masar di Nazareth, città della Galilea popolata da palestinesi cristiani e musulmani, ha chiesto al ministero della pubblica istruzione di interrompere il corso online che tutti gli studenti, anche arabi, devono completare prima di intraprendere viaggi all'estero. Il corso presenta, hanno scritto i dirigenti della Masar in una lettera di denuncia, «contenuti politici diffusi con una prospettiva unilaterale, privi di qualsiasi rispetto per le differenze culturali e l'unicità della minoranza araba in Israele». I video rivolti agli studenti, aggiunge la scuola, «mostrano solo persone bianche, attraenti ed eloquenti che, di fatto, sono indicate come modelli per gli studenti». In un filmato l'ex ministro dell'istruzione Naftali Bennett (un nazionalista religioso) si rivolge così ai ragazzi: `Che tu lo voglia o no andrai come un ambasciatore di Israele e incontrerai persone che potrebbero non essersi mai imbattute in Israele o che lo conoscono solo come un paese dell'Intifada, dove i soldati israeliani sparano ai palestinesi». Il filmato prosegue elencando i successi israeliani, dai microchip per cellulari al sistema Gps Waze fino all'irrigazione a goccia. L'ex ministro ricorda agli studenti che il 99,9% della diplomazia pubblica è come ci si comporta con gli interlocutori e li esorta a «sorridere, essere educati e non aggressivi».

Immagine correlata
Hasbarà: indispensabile per distinguere miti e fatti

A SOSTEGNO DELLA SCUOLA è intervenuta l'ong Adalah, che si occupa della tutela legale della minoranza palestinese in Israele. «I bambini non possono essere agenti di propaganda dello Stato — ha detto a Media Line l'avvocata Nariman Shehadeh Zoabi — Con questo corso obbligatorio le autorità israeliane costringono i ragazzi palestinesi ad assorbire valori razzisti anti-arabi. Al ministero dell'istruzione partono dal presupposto che ogni ebreo o palestinese in Israele debba pensarla come loro. Non danno spazio a un punto di vista differente». Secondo Shehadeh-Zoabi il corso viola «le sezioni della legge sull'istruzione che tutelano la minoranza araba palestinese, i principi di uguaglianza e la pluralità educativa». I genitori di molti studenti palestinesi accusano le autorità di voler diffondere attraverso i loro figli una narrazione che i cittadini arabi di Israele non possono e non vogliono condividere perché sono in contraddizione con la loro storia e la loro vicenda nazionale. Proteste sono giunte anche da cittadini e studenti ebrei.

Per inviare al Manifesto la propria opinione, telefonare: 06/ 687191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT