sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
25.04.2019 Gli articoli di Michele Giorgio utili per capire l'odio contro Israele
Continua la delegittimazione dello Stato ebraico sul quotidiano comunista

Testata: Il Manifesto
Data: 25 aprile 2019
Pagina: 8
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Una nuova colonia ebraica sul Golan: si chiamerà 'Trump'»

Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 25/04/2019, a pag. 8, con il titolo "Una nuova colonia ebraica sul Golan: si chiamerà 'Trump' ", il commento di Michele Giorgio.

Michele Giorgio, non sapendo più a che cosa attaccarsi pur di demonizzare Israele, oggi scrive di "colonia ebraica sul Golan" che "si chiamerà Trump". Giorgio arriva in ritardo, perché IC già ieri ha riportato la notizia (http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=2&sez=120&id=74416).
Ci auguriamo che Giorgio continui con i suoi articoli su Israele: è la fonte migliore per capire l'odio contro lo Stato ebraico da parte del quotidiano comunista che li pubblica.
Danni non ne fa, perchè è fin troppo prevedibile, pcoca cosa se lo paragoniamo a Repubblica e il resto del carrozzone targato De Benedetti, iscritto d'ufficio fra i media 'equilibrati', in realtà il veleno peggiore contro Israele, come Augias nella trasmissione pasquale su Gerusalemme/Rai 3. Augias, l'altra faccia di Giorgio.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Michele Giorgio

Immagine correlata
Donald Trump con Benjamin Netanyahu: un boccone indigeribile per il Manifesto

Israele ricambia i regali di Trump. Una nuova colonia ebraica, che sarà costruita sulle alture del Golan, territorio siriano sotto occupazione israeliana dal 1967, porterà il nome del presidente americano. Un ringraziamento all'Amministrazione Usa che da marzo considera il Golan parte integrante dello Stato ebraico. E come per il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele che ha fatto il 6 dicembre 2017, anche per il Golan Trump ha infranto la legalità internazionale. Un regalo quello del Golan fatto dalla Casa Bianca in piena campagna elettorale israeliana: una bella mano alla riconferma del premier di estrema destra e alleato, Netanyahu. Subito dopo la fine della Pasqua ebraica, Netanyahu chiederà al governo di approvare la costruzione del nuovo insediamento coloniale sul Golan dal nome «Trump». «Tutti gli israeliani - ha spiegato in un video sui social si sono profondamente commossi quando il presidente Trump ha preso la sua storica decisione di riconoscere la sovranità israeliana sulle Alture del Golan». Fa bene Netanyahu ad essere grato a Trump. Certo negli ultimi sei decenni tutti i presidenti americani, compreso Obama, hanno fatto del sostegno a Israele il pilastro delle loro politiche in Medio Oriente. Ma nessuno come Trump ha violato sfacciatamente il diritto e le risoluzioni internazionali su questioni centrali come status di Gerusalemme e Golan. E la Casa Bianca pare pronta a riconoscere anche l'annessione a Israele di gran parte della Cisgiordania palestinese sotto occupazione annunciata da Netanyahu in campagna elettorale. Il «piano di pace» Usa per il Medio Oriente, noto come l'Accordo del secolo, nega ai palestinesi la libertà e l'indipendenza e lascia a Israele il controllo di tutta la Palestina storica.

 

 Immagine correlata
Terroristi arabi palestinesi: i grandi assenti dagli articoli di Michele Giorgio

Ma la presidenza Trump non durerà in eterno. Il tycoon punta al secondo mandato ma la vittoria è incerta. E gli avversari democratici guardano a Netanyahu con occhi ben diversi dai suoi. Bernie Sanders, che tanti consensi aveva ottenuto alle primarie democratiche vinte da Hillary Clinton, qualche giorno fa lo ha definito «razzista». «Non sono anti-Israele ma il fatto è che Netanyahu è un politico di destra che penso stia trattando il popolo palestinese in maniera estremamente ingiusta», ha detto Sanders, un ebreo, nel corso di un dibattito alla Cnn. «La mia non è una posizione radicale», ha proseguito, «l'obiettivo deve essere quello di cercare di unire le persone e non solo sostenere un Paese, che è ora gestito da un governo di destra, oserei dire razzista...Gli Stati Uniti devono fare i conti non solo con Israele ma anche con il popolo palestinese». Anche un altro aspirante candidato democratico alla Casa Bianca, Beto O'Rourke, ha bollato come «razzista» Netanyahu.

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/ 689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT