martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
05.03.2019 Il solito pezzo di disinformazione contro Israele di Michele Giorgio
Che attacca ancora Donald Trump per la chiusura del consolato Usa a Gerusalemme est

Testata: Il Manifesto
Data: 05 marzo 2019
Pagina: 11
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Trump lascia solo la Gerusalemme palestinese»
Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 05/03/2019, a pag. 11, con il titolo "Trump lascia solo la Gerusalemme palestinese", il commento di Michele Giorgio.

Il Manifesto è costantemente contro Israele e a favore delle peggiori dittature del mondo in nome del terzomondismo. Tra queste, in prima fila si distinguono quelle arabe, inclusi Hamas a Gaza e Abu Mazen a Ramallah. Giorgio oggi torna a disinformare sulla chiusura del consolato americano che era dedicato esclusivamente agli arabi palestinesi a Gerusalemme est, interpretando quella che è una normale razionalizzazione amministrativa come un atto di discriminazione voluto dall'Amministrazione Trump.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Michele Giorgio

Gerusalemme toma al centro dell'attenzione. Washington ieri ha completato il trasferimento dell'ambasciata Usa da Tel Aviv nella città santa voluto da Trump. Ed ha chiuso il consolato americano, per decenni sorta di sede diplomatica statunitense per i Territori palestinesi occupati. Un passo mosso mentre di Gerusalemme e della protezione dei luoghi santi discutevano a Baghdad il capo di stato iracheno, Barham Salih, e il presidente palestinese Abu Mazen.

Immagine correlata

GERUSALEMME INTANTO non sembra più un ostacolo nelle relazioni tra Indonesia e Australia che hanno firmato l'accordo di partenariato economico dopo un ritardo di mesi dovuto anche al disappunto degli indonesiani perla decisione del primo ministro australiano, Scott Morrison, di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. A dicembre Morrison ha chiarito di riconoscere solo la parte ebraica della città capitale di Israele e che il trasferimento dell'ambasciata australiana non avverrà fino a un accordo tra palestinesi e israeliani. Il Dipartimento di Stato ha provato a ridimensionare la portata della chiusura del consolato Usa e del trasferimento definitivo a Gerusalemme dell'ambasciata. «Vogliamo aumentare l'efficienza dei nostri impegni diplomatici, non è un segnale di cambiamento della politica americana su Gerusalemme, la Cisgiordania o la Striscia di Gaza», ha spiegato il portavoce Robert Palladino.

MA IL CAMBIAMENTO è molto netto. Da ieri le questioni palestinesi saranno affrontare da un ufficio che fa capo all'ambasciatore Usa, David Friedman, convinto sostenitore e finanziatore del movimento dei coloni israeliani. Il solco tra palestinesi e Usa si amplia. Già a ottobre, quando il segretario di Stato Mike Pompeo aveva annunciato la chiusura del consolato, il segretario dell'Olp Saeb Erekat aveva parlato di «ultimo chiodo nella bara» della mediazione americana nel conflitto. Ieri Erekat è tornato all'attacco: «Questo nuovo passo non ha nulla a che fare con l'efficienza, piuttosto riguarda il piacere di un team ideologico statunitense che vuole frantumare le fondamenta del sistema internazionale». Nel frattempo il genero e inviato per il Medio oriente Jared Kushner prosegue gli incontri in vista della presentazione del piano di pace Usa, l'accordo del Secolo», dopo le elezioni israeliane del 9 aprile. Cosciente che i palestinesi non lo accetteranno mai — stando alle indiscrezioni prevede l'autonomia amministrativa di Gaza e di alcune aree palestinesi in Cisgiordania e la fine del diritto al ritorno dei profughi in cambio di un risarcimento economico —, Kushner nei giorni scorsi ha provato a vendere il piano ai sauditi, i turchi e ad altri nella regione, non si sa con quale risultati, per isolare i palestinesi. Ciò di cui il genero di Trump non è cosciente è la tensione in costante aumento nella Cisgiordania occupata. Ieri non lontano da Ramallah un drappello di soldati israeliani ha ucciso due giovani, Amir Darraj e Youssef Angawi, entrambi ventenni.

SECONDO LA VERSIONE israeliana, due soldati erano fermi sul lato della strada vicino all'uscita dal villaggio di Niima quando sono stati investiti intenzionalmente e feriti da un'auto palestinese. Gli altri militari hanno aperto il fuoco uccidendo due delle tre persone nell'auto. I palestinesi smentiscono categoricamente che i due fossero attentatori. Ripetono che erano solo manovali che recavano al lavoro e che a causa delle cattive condizioni stradali hanno perso il controllo del veicolo. NETANYANU DICE che farà in modo da accelerare la demolizione delle case dei due «terroristi». I palestinesi chiedono alla Corte penale internazionale di indagare anche su questo episodio nel procedimento che invocano da tempo contro Israele.

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/ 689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT