martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
01.02.2019 Michele Giorgio fa festa: il primo studente italiano di medicina va a specializzarsi a Gaza...
...ma i capi terroristi arabi palestinesi sono i primi ad andare in Israele per farsi curare

Testata: Il Manifesto
Data: 01 febbraio 2019
Pagina: 16
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «Da Siena agli atenei palestinesi, arriva il primo studente italiano»

Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 01/02/2019, a pag. 16, con il titolo "Da Siena agli atenei palestinesi, arriva il primo studente italiano", il commento di Michele Giorgio.

 

 

 

Michele Giorgio oggi fa festa per la notizia che il primo studente italiano, da Siena, è arrivato all'Università di Gaza per specializzarsi in medicina. Non appena i leader arabi palestinesi - senza distinzione tra quelli di Fatah e quelli di Hamas - hanno problemi di salute, corrono immediatamente a farsi curare a Gerusalemme e a Tel Aviv: tanta è la fiducia che nutrono nelle strutture ospedaliere e nella medicina di Gaza e Ramallah. C'è quindi da augurarsi che lo sfortunato studente di Siena, dopo l'esperienza a Gaza, vada a specializzarsi anche da qualche altra parte...

Auguriamo allo studente di fare attenzione, Ramallah e Gaza non sono Siena, non dimentichi l'orribile fine (sgozzato) di Vittoria Arrigoni, fanatico odiatore di Israele, credeva di aver trovato il paradiso a Gaza...

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Michele Giorgio

Immagine correlata

Prosegue con successo la collaborazione tra l'Università di Siena e le Università della Cisgiordania e della Striscia di Gaza. Ed è prossimo l'arrivo a Gaza del primo studente italiano, iscritto a Medicina, nell'ambito del Programma ErasmusPlus - International Credit Mobility che offre l'opportunità di borse di mobilità accademica per studenti e insegnanti europei e di paesi partner che non sono parte dell'Ue. La presenza di uno studente italiano a Gaza completa la soddisfazione per la missione, che si è appena conclusa, di alcuni docenti dell'ateneo senese nella Striscia dove hanno tenuto seminari per gli studenti palestinesi e incontri con i colleghi delle università locali. Il rapporto con Gaza è una parte fondamentale del programma alla luce del blocco di questo lembo di terra palestinese che Israele attua dal 12 anni e che incide fortemente sulla libertà di movimento. Importante è stata, lo scorso anno, anche la partenza per Siena di due giovani palestinesi.

Immagine correlata

L'Università di Siena aderisce al Coimbra Group dove fu lanciato un programma di cooperazione con le università palestinesi sottoposte a restrizioni per ordine delle autorità militari israeliane. In seguito i rettori e i presidenti di undici università europee e di sei università palestinesi firmarono l'accordo per il lancio del Programme for Palestinian/European Academic Cooperation in Education (PEACE), basato sui principi del diritto all'educazione e alla cultura e del diritto alla libertà accademica, definito dalla Magna Charta delle università europee del 1988. Da allora lo sviluppo di questi programmi di cooperazione e di scambio sono andati avanti, con lo scopo di superare il rischio di isolamento che i palestinesi corrono sul piano economico, politico, sociale e culturale e anche su quello accademico.

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/ 689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT