sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
25.01.2019 Il libro di Cynthia Ozik su Anne Frank, letto senza capirne a fando il contenuto
Commento (ambiguo nel finale) di Guido Caldiron

Testata: Il Manifesto
Data: 25 gennaio 2019
Pagina: 10
Autore: Guido Caldiron
Titolo: «Nel Diario di Anne Frank non c'è spazio per alcuna speranza»

Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 25/01/2019, a pag. 10, con il titolo "Nel Diario di Anne Frank non c'è spazio per alcuna speranza", il commento di Guido Caldiron.

Il commento di Guido Caldiron si chiude, nelle ultime righe, in modo ambiguo: "Resta da chiedersi cosa ne sarebbe della memoria di tutto ciò senza i milioni di lettori che il Diario ha avuto fino ad oggi". Senza il Diario di Anne Frank la Memoria della Shoah avrebbe perso una importante testimonianza. Ma l'acuta analisi che ne fa Ozick solleva il pesante strato di ipocrisia che ha coperto un testo di forte accusa, trasformandolo in uno 'buonista', cancellando le intenzioni di Anne. La stessa operazione fatta da Hannah Arendt, il titolo  del suo libro "La banailità del male" stava per far assolvere Eichmann nel processo di Gerusalemme, in base alla sua analisi del nazismo.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Cynthia Ozik

Immagine correlata

Sono in molti ad essersi interrogati su quella che è stata definita come la fine dell'«era del testimone». Perché, malgrado dovette passare molto tempo dopo la fine della Seconda guerra mondiale perché i sopravvissuti dei Lager nazisti trovassero ascolto e si formasse, a partire dai loro racconti, la consapevolezza e la memoria pubblica dell'Olocausto che diamo oggi per acquisita, il trascorrere del tempo porta con sé inesorabilmente nuove sfide e quesiti. Allo stesso tempo, le forme attraverso le quali il ricordo di quella tragedia ha finito per assumere uno spazio significativo nel nostro presente, non cessano di essere terreno di confronto e analisi. È questo il caso del pamphlet di Cynthia Ozick, Di chi è Anne Frank? (pp. 80 , euro 7), uscito sul New Yorker nel 1997 e pubblicato ora nel nostro paese da La Nave di Teseo nella traduzione di Chiara Spaziani. Ozick, una delle maggiori scrittrici ebreo-americane, nata a New York da genitori sfuggiti ai pogrom dell'impero russo - tra le sue numerose opere, Eredi di un mondo lucente (Feltrinelli, 2005) e Le carte della Signorina Puttermesser (La Nave di Teseo, 2017), prende esplicitamente di mira quella che considera come una lettura edulcorata del Diario della giovane ebrea morta in seguito alla deportazione. Fin da quella frase - «Nonostante tutto, credo tuttora all'intima bontà dell'uomo» - che estrapolata dal testo ha finito per esserne considerata l'emblema, si è operata, a detta di Ozick una profonda mistificazione, tale da rendere un documento intriso di dolore e paura, una pagina sì drammatica ma in qualche misura anche consolatoria.

LA STORIA di ANNE FRANK, spiega la scrittrice, è stata «censurata, distorta, tramutata, tradotta, ridotta; è stata resa infantile, americana, uniforme, sentimentale; è stata falsificata, volgarizzata, e, di fatto, spudoratamente e arrogantemente negata». Quello che è stato di volta in volta presentato come «un inno alla vita» o «una commovente meraviglia nell'infinito spirito umano», sottolinea Ozick, è in realtà un diario «incompleto, troncato, spezzato; o, meglio, è completato da Westettiork (il campo di transito da cui gli ebrei olandesi erano deportati), da Auschwitz, e dai venti fatali di Bergen-Belsen». Hollywood e il teatro, ma anche lo stesso padre di Anne che censurò alcune parti del Diario, uscito in forma integrale solo negli anni Novanta, nonché «il pubblico, di lettori e spettatori, in tutto il mondo», sono stati parte di questa «falsificazione», per «permettere a se stessi di crogiolarsi in un'inverosimile e squallida innocenza», indicando una qualche luce oltre il buio più nero delle camere a gas. Ma, per Ozick, al contrario, il vero «trionfo di Bergen-Belsen» risiede nel suo «cancellare ogni possibilità di coraggio, dal suo provami capace di ricordare quanto facile sia distruggere l'animo umano». Questo annunciavano le pagine di Anne Frank, questo è stato volutamente celato. Resta da chiedersi cosa ne sarebbe della memoria di tutto ciò senza i milioni di lettori che il Diario ha avuto fino ad oggi.

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/ 689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@ilmanifesto.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT