mercoledi` 16 gennaio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: le responsabilitÓ sono di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Manifesto Rassegna Stampa
12.01.2019 RealtÓ rovesciata, menzogna omissiva e demonizzazione di Israele: tutto questo nell'articolo di Michele Giorgio
Che descrive invece i terroristi di Hamas come innocui 'manifestanti'

Testata: Il Manifesto
Data: 12 gennaio 2019
Pagina: 9
Autore: Michele Giorgio
Titolo: «L'Egitto smorza, Gaza protesta e Israele spara»

Riprendiamo dal MANIFESTO di oggi, 12/01/2019, a pag. 9, con il titolo "L'Egitto smorza, Gaza protesta e Israele spara", il commento di Michele Giorgio.

Michele Giorgio ci ha abituato al rovesciamento completo della reatÓ, ma l'articolo di oggi Ŕ particolarmente violento e disinformante contro Israele. Fin dal titolo "Israele spara" (ma nell'articolo Giorgio rincara la dose: "Israele bombarda"), mentre non c'Ŕ traccia della violenza dei terroristi arabi palestinesi. L'appoggio pieno di Giorgio per i terroristi Ŕ evidente, anche se nell'articolo questi vengono descritti come semplici "manifestanti". Demonizzazione piena, dunque, per dipingere l'unica democrazia del Medio Oriente come una feroce dittatura militarista e i terroristi assassini come combattenti per la libertÓ.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Michele Giorgio

E' stata una donna di 54 anni, Amal Tramsa, a cadere ieri sotto il fuoco dei tiratori scelti dell'esercito israeliano. Centrata da un proiettile, Ŕ morta mentre veniva trasportata all'ospedale. Israele ha anche bombardato, senza fare vittime, due posti di osservazione del movimento islamico Hamas. Amal Tramsa Ŕ la terza donna che viene uccisa lungo linee tra Gaza e Israele dall'inizio delle proteste, lo scorso 30 marzo, la Grande marcia del ritorno contro il blocco in cui Israele tiene stretta la Striscia di Gaza da 12 anni. Oltre 200 i palestinesi uccisi dal fuoco israeliano negli ultimi 10 mesi.

Immagine correlata


E MOLTE ALTRE migliaia sono stati feriti, non pochi dei quali hanno subito l'amputazione di una gamba o altre mutilazioni per i danni causati dai proiettili usati dai cecchini israeliani che, denunciano i medici palestinesi, sono devastanti per ossa e sistema vascolare. Un bilancio di morti, feriti, disabili che ieri ha rischiato un ulteriore aggravamento. E stata accolta con rabbia a Gaza la decisione di Israele di bloccare il trasferimento dei 15 milioni di dollari della donazione mensile del Qatar a sostegno della popolazione della Striscia. Quei soldi per molti impiegati pubblici rappresentano la possibilitÓ di recuperare almeno in parte il salario mensile (300 euro in media) non versato ai suoi dipendenti dal governo di Hamas. Sono la sopravvivenza per migliaia di famiglie di Gaza. Il blocco dei fondi Ŕ una delle armi che Israele usa per tenere sotto pressione Hamas. E bastata la ripresa del lancio di palloncini incendiari da Gaza verso il sud dello Stato ebraico per spingere il premier e ministro della difesa Netanyahu a bloccare i fondi del Qatar. I palestinesi ieri sono andati in gran numero, oltre 10 mila, verso i cinque accampamenti di tende allestiti lo scorso marzo lungo le linee di demarcazione con Israele. I pi¨ giovani hanno sfidato i militari portandosi fin sotto le postazioni dell'esercito e in qualche caso sono riusciti, sia pure solo per qualche istante, a oltrepassare le barriere. Le proteste tuttavia sono state pi¨ contenute rispetto alle attese della vigilia. Hamas aveva avvertito che non avrebbe fatto nulla per contenere la rabbia dei manifestanti, poi gli uomini della sua sicurezza sono intervenuti per evitare una escalation, con ogni probabilitÓ per le pressioni egiziane.

UNA DELEGAZIONE dell'intelligence egiziana, guidata dal responsabile del dossier palestinese, Ahmad Abdelkhaliq, era giunta giovedý a Gaza per incontrare il leader di Hamas, Ismail Haniyeh, e convincerlo a placare gli animi e discutere della situazione del valico di Rafah con l'Egitto, chiuso in uscita da Gaza dopo il ritiro delle guardie di frontiera fedeli al presidente dell'Anp e leader del partito Fatah, Abu Mazen. Lo scontro tra Fatah e islamisti non ha soste. Sono state proprio le pressioni di Abu Mazen, e pare anche di Israele, a spingere la Russia a cancellare un incontro a Mosca tra il ministro de- gli esteri Lavrov e Haniyeh.

Per inviare la propria opinione al Manifesto, telefonare 06/689191, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

redazione@ilmanifesto.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT