mercoledi` 23 luglio 2014
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter


Clicca qui



Il Manifesto Critica
22.06.2006 Un attacco alla credibilità di Memri e di Magdi Allam
da parte di Sherif El Sebaie

Testata: Il Manifesto
Data: 22 giugno 2006
Pagina: 2
Autore: Sherif El Sebaie
Titolo: «Un ponte manipolato fra Oriente e Occidente»

Sulla base della denuncia del sindaco antisemita di Londra Ken Livingstone e di Yussuf al Qaradawi, predicatore che ha legittimato il terrorismo contro israeliani   e stranieri in Iraq e di supposti errori minori Sherif El Sebaie sostiene sul MANIFESTO  del 22 giugno l'inattendibilità di Memri e, per proprietà transitiva, di Magdi Allam che lo cita.
Nessuna confutazione diretta (impossibile) dell'immensa documentazione che Memri e altri ( a incominciare da Bernard Lewis) hanno raccolto sull'antisemitismo in ambito arabo-islamico e dei Fratelli musulmani in particolare.
Ma una inconsistente negazione della credibilità delle denunce di un fenomeno centrale per comprendere il conflitto arabo-israeliano. Di fronte al quale l'Europa sarebbe tenuta a non rimanere inerte.

Ecco il testo:

Il titolo è: «Ebrei assassini. Sito islamico educa i bimbi all'odio». Con uno dei suoi soliti giochi di prestigio Allam collega quiz e video giochi antiebraici, presenti nelle pagine di un sito web arabo dedicato ai bambini, al movimento dei Fratelli Musulmani, quindi all'Unione delle Comunità ed Organizzazioni islamiche in Italia. In realtà, è assai difficile stabilire se il sito faccia veramente capo al movimento e lo è ancora di più alla luce della complessità dello stesso: a quale corrente della Fratellanza questo sito farebbe capo?
-La fonte, risalente al 18 aprile scorso, di quella che si potrebbe definire una «non notizia» è un ente discutibilissimo denominato Memri.
Ma non è la prima volta che Allam attinge da fonti discutibili: già il 4 maggio del 2004 spacciò come «giornalista yemenita di Aljazira» un cittadino americano di origini arabe che all'epoca lavorava presso la «Voice of America», senza specificarlo. Il Memri è già conosciuto per via della violenta campagna condotta contro la visita dello sceicco Al-Qardawi a Londra.
Era il giugno 2004 e per scrupolo di coscienza, il sindaco di Londra, Ken Livingstone, commissionò uno studio al termine del quale ha concluso che l'offensiva si inseriva, «con ogni evidenza, in un'ondata di islamofobia che mirava a impedire un dialogo tra musulmani progressisti e l'Occidente».
I servizi del comune di Londra scoprirono che le proteste erano state originate da informazioni provenienti da «un'organizzazione di nome Memri», un istituto diretto da un ex funzionario del Mossad, l'intelligence israeliana. Fondato nel 1998 dal colonnello Yigal Carmon, ex membro dei servizi israeliani di intelligence, già consigliere per l'antiterrorismo di due primi ministri, Itzhak Shamir e Itzhak Rabin, il Memri dichiara di essere un semplice «centro di ricerca», «un'organizzazione indipendente, al di fuori delle parti, senza fini di lucro» creata per fungere da «ponte tra Occidente e Medio Oriente, attraverso le traduzioni».
La tendenza però è quella di presentare come maggioritarie alcune correnti di idee fortemente minoritarie nella stampa e nei media arabi. Lo studio commissionato dal Comune di Londra sulle «140 opere scritte dal dottor Al Qardawi» produceva infatti risultati scioccanti.
Gli analisti concludevano che si trattava «di una evidente manipolazione degli scritti» dello studioso musulmano, di «scoperte menzogne» e che «travisa sistematicamente i fatti, non soltanto quello che dice il dottor Al Qardawi, ma anche quello che dicono molti altri esperti musulmani. Nella maggior parte dei casi, si tratta di una deformazione totale».
La ricerca segnala anche alcuni «casi»: secondo gli «esperti» del Memri, Abdel Karim Abu Al-Nasr - un giornalista libanese ben noto - è saudita, per il semplice fatto che scrive su un giornale saudita.
Il prof. Halim Barakat, della Georgetown University, denunciò invece la sostituzione della parola «sionismo» nella traduzione dei suoi articoli apparsi su Al-Hayat con «ebraismo» per dare l'impressione che fosse antisemita.
Una ricerca pubblicata su Le Monde Diplomatique afferma che «l'efficacia del Memri consiste nel coordinamento molto stretto delle sue attività con i responsabili delle campagne di propaganda sul campo. Le liste dei giornalisti arabi che loda o denigra costituiscono un sistema di sanzioni e di ricompense».
Interessante notare come Allam abbia ritirato il 21 maggio scorso un premio di 250.000 dollari circa dalla Fondazione Dan David di Tel Aviv.

Cliccare sul link sottostante per inviare una e-mail alla redazione del Manifesto


redazione@ilmanifesto.it
www.jerusalemonline.com