domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
05.01.2021 L'Iran sempre più vicino al nucleare: il regalo di Obama si realizza
Commento di Gabriella Colarusso

Testata: La Repubblica
Data: 05 gennaio 2021
Pagina: 18
Autore: Gabriella Colarusso
Titolo: «L’Iran tira dritto sull’uranio. E sequestra una nave sudcoreana»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 05/01/2021, a pag.18, con il titolo "L’Iran tira dritto sull’uranio. E sequestra una nave sudcoreana", il commento di Gabriella Colarusso.

Risultati immagini per gabriella colarusso repubblica
Gabriella Colarusso

Iran Says Fire At Natanz Nuclear Facility Caused Significant Damage
La centrale di Natanz

Mancano due settimane all’insediamento di Joe Biden alla Casa Bianca e l’Iran manda un messaggio al prossimo presidente americano: via le sanzioni o andremo avanti con il programma nucleare. Da ieri Teheran ha avviato l’arricchimento dell’uranio al 20% nel sito di Fordow, un bunker scavato sotto le montagne a circa 30 chilometri a est di Qom per evitare che venga colpito da attacchi aerei. Il 20% non è ancora una soglia di allarme, per produrre una bomba nucleare servirebbe uranio arricchito al 90%, ma è «un notevole allontanamento dagli impegni sul nucleare », dice l’Unione europea. L’intesa sul nucleare che l’Iran aveva negoziato nel 2015 con Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Cina, Russia, Germania e Ue fissava il limite al 3,67%. Biden ha già detto che è pronto a riesumare gli accordi rinnegati da Trump ma il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Jake Sullivan, ha subordinato il rientro americano al rispetto iraniano dei limiti fissati dal Jcpoa, il contrario di quello che chiede Teheran che vorrebbe subito un alleggerimento delle sanzioni. Nelle ultime settimane il dialogo tra i due Paesi è avvenuto soprattutto manu militari : il 21 dicembre il sottomarino missilistico USS Georgia ha attraversato lo stretto di Hormuz insieme a due incrociatori e il Pentagono ha annunciato di aver cancellato il rientro della portaerei Nimitz dal Golfo anche a causa delle «recenti minacce» dell’Iran. Ieri i Pasdaran hanno fermato nello stretto di Hormuz un mercantile sudcoreano perché — versione ufficiale — violava le regole contro il rischio di “inquinamento ambientale”, l’equipaggio è in arresto: tra Teheran e Seul ci sono diversi contenziosi aperti, la Corea del Sud ha sequestrato 7 miliardi di dollari di beni. Per oggi è prevista una esercitazione di droni nell’Iran centrale. Su questa tensione latente pesano anche questioni di politica interna: a giugno si vota per le presidenziali in Iran, e il Parlamento controllato dai conservatori non vuole lasciare margini di azione al governo uscente dei riformisti di Rouhani. La decisione di alzare la soglia di arricchimento deriva da una legge approvata a dicembre dal Parlamento che obbligava il governo ad arrivare al 20% se Usa e Ue non avessero rimosso le sanzioni.

Per inviare la propria opinione a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT