domenica 11 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
24.11.2020 Netanyahu in Arabia Saudita/2
Commento di Sharon Nizza

Testata: La Repubblica
Data: 24 novembre 2020
Pagina: 17
Autore: Sharon Nizza
Titolo: «Israele, viaggio lampo di Netanyahu in Arabia Saudita: con Pompeo da Mohammed bin Salman»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA, di oggi 24/11/2020, a pag. 17, con il titolo "Israele, viaggio lampo di Netanyahu in Arabia Saudita: con Pompeo da Mohammed bin Salman" il commento di Sharon Nizza.

Immagine correlata
Sharon Nizza

Pompeo, Netanyahu and Saudi crown prince 'attend secret meeting' | The  Independent
Mike Pompeo in Arabia Saudita con Mohammed bin Salman

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu, insieme al capo del Mossad Yossi Cohen, si è recato ieri sera in Arabia Saudita dove ha incontrato l'erede al trono saudita, Mohammed bin Salman (MBS) e il segretario di Stato americano Mike Pompeo, all'ultima tappa del suo tour mediorientale. L'incontro è avvenuto a Neom, la "città del futuro" sulle rive del Mar Rosso, progetto urbanistico con il quale Riad ambisce a creare la più grande smart city al mondo e per cui si vocifera di collaborazioni con cervelli provenienti dalla "Start-up nation", Israele appunto. Una visita lampo: Netanyahu è decollato da Israele alle 17 a bordo di un jet privato e ha fatto rientro poco dopo la mezzanotte, secondo le coordinate dei radar riportate da Haaretz. La visita non è stata ufficialmente confermata: fonti saudite l'hanno confermata ai media Usa e i giornali israeliani ne hanno avuto conferma da fonti vicine a Netanyahu, ma nessuna nota ufficiale, piuttosto la smentita del principe Faisal bin Farhan Al Saud, ministro degli Esteri del regno. Da quando sono stati ufficializzati i rapporti diplomatici tra Israele ed Emirati Arabi Uniti ad agosto, non è più un segreto che negli ultimi dieci anni si sono tenuti svariati incontri ufficiosi tra personalità israeliane - in primis il capo del Mossad, ma anche Netanyahu stesso - e leader arabi sunniti dei Paesi del Golfo. Quello che però colpisce di questa visita è che sia stata estensivamente riportata dai media e che la censura militare israeliana ne abbia approvato la pubblicazione. L'ufficio del primo ministro israeliano non ha smentito la notizia. La volontà di rendere pubblico questo incontro, avvenuto alla presenza di Pompeo, e con ogni probabilità per sua mediazione, è fortemente legata al cambio in vista alla Casa Bianca tra meno di due mesi. Riad sta valutando come procedere rispetto alla possibilità di aggiungersi a Eau, Bahrein e Sudan nella normalizzazione con Israele. Di fatto, è un percorso già iniziato: il consenso dato da Riad, a partire dallo scorso agosto, a tutti i voli israeliani di sorvolare il proprio spazio aereo ne ha rappresentato la punta dell'iceberg. È noto che nessuno di questi Paesi avrebbe aperto a Israele senza il tacito consenso dell'Arabia Saudita, che guida l'asse dei Paesi sunniti definiti moderati, contrapposti alla sfera di influenza dell'Iran e della Turchia. In vista dell'insediamento di Biden, che ha espresso la volontà di impegnarsi nuovamente in sforzi diplomatici con Teheran rispetto all'accordo sul nucleare, la comunione di intenti tra Arabia Saudita con Israele risulta sempre più evidente e impellente. Domenica il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan Al Saud, ha dichiarato che il suo Paese è pronto a riconoscere Israele solo nell'ambito di un "accordo permanente che garantirebbe ai palestinesi uno Stato nei confini del '67". Questa è la posizione della vecchia guardia, compresa quella del Re Salman, l'84enne reggente. Il principe ereditario MBS invece spinge per accelerare con Israele anche nella consapevolezza che, con Biden alla Casa Bianca che ha già dichiarato che i suoi Stati Uniti non chiuderanno più un occhio sulle violazioni di diritti umani da parte di Riad (vedi omicidio Khashoggi e guerra in Yemen), non lo attenderanno più i tappeti rossi dispiegati a Washington come nell'era Trump. E in questo senso, l'alleanza con Israele diventa doppiamente strumentale. Per questo, un altro fronte su cui si sembra si stia muovendo MBS, per cercare di smuovere le resistenze di casa, è Islamabad: ieri la stampa pakistana riportava che Riad sta esercitando pressioni perché il Pakistan apra a Israele. Si tratta del secondo Stato musulmano più popoloso al mondo e per l'Arabia Saudita sarebbe un test della reazione popolare decisamente più significativo rispetto a quanto non avvenuto con le piccole monarchie del Golfo. Dal canto suo, Netanyahu registra un'altra vittoria politica, mettendo ora in secondo piano le polemiche interne e la minaccia di nuove elezioni (potrebbero essere le quarte in meno di due anni) sollevate ieri dall'annuncio del ministro della Difesa e premier alternato Benny Gantz di aprire una "commissione di controllo" sul procedimento di acquisizione da parte di Israele di nuovi sottomarini dalla tedesca Thyssenkrupp. Si tratta del "Caso 3000", in realtà l'unico per cui Netanyahu non è stato rinviato a giudizio - ma sono a processo suoi stretti collaboratori. Il processo del premier - imputato di frode, corruzione e abuso di potere in tre casi diversi - entrerà invece nel vivo nelle prossime settimane con l'avvio della fase dibattimentale.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppre cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT