sabato 17 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
22.12.2019 A Betlemme una nuova opera di propaganda contro Israele firmata Banksy
Commento di Enrico Franceschini

Testata: La Repubblica
Data: 22 dicembre 2019
Pagina: 33
Autore: Enrico Franceschini
Titolo: «Un presepe shock firmato Banksy»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 22/12/2019, a pag.33 con il titolo "Un presepe shock firmato Banksy", il commento di Enrico Franceschini.

Ancora una volta Banksy realizza un'opera di propaganda contro Israele che allude esplicitamente ai tradizionali e secolari stereotipi antisemiti cristiani del deicidio, cioè della presunta uccisione di Gesù da parte degli ebrei, dimenticando l'appartenenza storica dello stesso Gesù al popolo ebraico.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Enrico Franceschini

Risultati immagini per banksy presepe betlemme
L'opera di Banksy

Compare un nuovo Banksy, appena in tempo per il Natale. E compare nel luogo in cui il Natale ha avuto inizio, a Betlemme. Dove da due anni sorge il Walled-Off Hotel, l'albergo «con la vista più brutta del mondo», come lo ha soprannominato l'artista inglese, perché è affacciato sul muro costruito da Israele per separarsi dai Territori Autonomi Palestinesi. Sul muro esterno dell'edificio, internamente già adornato di opere del misterioso re della street art, è ora apparsa una sua nuova installazione. La cicatrice di Betlemme ritrae la scena della Natività cristiana, con il bambino Gesù nella mangiatoia, Giuseppe e Maria, il bue e l'asinello. Ma sopra questo mini presepe, invece della stella cometa che attirerà i Re Magi, c'è il foro lasciato da un proiettile, in qualche modo simile a un astro, chiara allusione al conflitto che dilania da settant'anni la Terra Santa. «Una cicatrice della vergogna» l'ha definita il direttore del Walled-Off Hotel, Wissam Salsaa. «Una cicatrice che - ha continuato - dovrebbe suscitare vergogna in tutti quelli che sostengono il Muro e l'occupazione dei Territori Palestinesi da parte di Israele». Come è costume di Banksy, l'opera, la cui immagine è stata postata sul profilo Instagram dell'artista, non è accompagnata da annunci, comunicati o spiegazioni: ma parla da sola. Nei giorni scorsi c'era già stato un altro graffito che porta la firma di Banksy: in Inghilterra, una slitta trainata dalle renne - anch'essa disegnata su un muro - dove al posto di Babbo Natale c'è la panchina che fa da occasionale giaciglio a un senzatetto. Come se la slitta potesse portarlo verso il cielo. In quel caso, un messaggio sul Natale di pace consumista che ci accingiamo a celebrare in Occidente. Nel caso della "Natività con il proiettile", invece, un messaggio sul Natale di guerra, sia pure intermittente, che continua a infiammare il Medio Oriente. Nonostante varie ipotesi che lo hanno identificato via via come un artista di Bristol, o come il musicista della band Massive Attack Robert Del Naja, nato nella stessa città, Banksy è finora riuscito a mantenere l'anonimato. E i suoi murales sono sempre più popolari.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT