martedi` 21 gennaio 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La storia di Chanukkah (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
10.12.2019 Iran: la rivolta anti-regime coinvolge anche il calcio
Cronaca di Angelo Carotenuto

Testata: La Repubblica
Data: 10 dicembre 2019
Pagina: 14
Autore: Angelo Carotenuto
Titolo: «Rivolta in Iran la piazza tifa Stramaccioni»
Riportiamo da REPUBBLICA di oggi, 10/12/2019, a pag. 14, il commento di Angelo Carotenuto dal titolo "Rivolta in Iran la piazza tifa Stramaccioni".

Risultati immagini per Stramaccioni
Andrea Stramaccioni

Senza rinunciare alla propria voglia di normalità, come se fosse una storia uguale a tante altre in Italia, in Francia o in Inghilterra, i tifosi dell'Esteghlal di Teheran sono andati sotto la sede del club a protestare contro il divorzio dal loro allenatore, l'amatissimo Stramaccioni o Stamacconi, come provano a scrivere in italiano sui social network per far arrivare le parole della loro rabbia fino in Occidente. Se le strade dell'Iran sono state nelle settimane scorse il luogo delle manifestazioni contro l'aumento del prezzo della benzina, fino a crescere e diventare rivolta politica contro le élite, le autorità e il governo, con centinaia di morti e migliaia di arresti, cosa poteva esserci allora di più ordinario e più comune, di più globale, che prendersi ancora la piazza, tornare a occuparla pure per il calcio, il football, le foot, come fanno in ogni altra parte del mondo gli uomini liberi? Tutto in questi giorni diventa presto malessere comune nella terra degli ayatollah, scossa dalle proteste più estreme degli ultimi decenni. Finanche una vertenza economica tra una squadra di calcio e il suo allenatore italiano che perciò saluta e se ne va, dopo aver portato i suoi al primo posto in classifica nonostante le promesse tradite dei dirigenti e una situazione francamente complicata. Andrea Stramaccioni aveva un contratto di due anni ed è tornato in Italia ieri mattina dichiarandolo risolto per giusta causa. «Siamo stati costretti ad andar via, nonostante il dispiacere di lasciare la squadra. II club non è in grado di adempiere ai propri doveri e dal punto di vista legale non può mantenere un rapporto con un allenatore professionista. Trattandosi di una società statale, probabilmente la situazione è diventata anche politica e questo dispiace, perché il calcio deve essere soltanto fonte di gioia.

Risultati immagini per iran regime
Una protesta contro il regime assassino di Teheran, dopo la Cina il Paese che commina più condanne a morte al mondo

Se le condizioni si risanassero, tornerei domani». Dichiarazione a cui Bbc Persia ha dato grande risalto nella serata di ieri. Quelle che per Stramaccioni sono condizioni legali, dalle autorità iraniane vengono chiamate sanzioni. L'Esteghlal ritiene che il contratto con il suo allenatore sia valido perché i mancati pagamenti sono imputabili al blocco delle transazioni bancarie tra l'Iran e i Paesi esteri. Né più né meno che un nuovo riflesso di quella condizione cui Khamenei dà il nome di complotto. Gli Usa, l'Arabia, i mercenari. A fine agosto, Stramaccioni si era visto bloccare in aeroporto con il visto scaduto e senza ancora un permesso di lavoro. Qualche giorno prima, gli era stato tagliato l'interprete. «Se voi venite in Italia e ve lo tolgono», disse ai giornalisti, «come lo chiamate? Per me è sabotaggio». Ai tifosi importa solo aver rivisto grazie a lui l'Esteghlal in testa al campionato dopo sei anni. È una squadra a cui tutti i governi hanno cambiato il nome. I militari la fondarono come Ciclisti. Nel '49 per lo scià diventò Corona, con gli ayatollah fu Esteghlal, cioè Indipendenza. Quando otto anni fa Julio Velasco arrivò a Teheran per allenare la nazionale di pallavolo ai tempi di Ahmadinejad, disse che lo sport rappresentava tutte le contraddizioni del Paese, «l'espressione più mista e complessa della gente che non sta in parlamento». I video dall'Iran mostrano ora persone furibonde che danno del bastardo al presidente dimissionario e al ministro. Per evitare incidenti, la partita di ieri contro il Paykan è stata giocata in un altro stadio. È finita 2-2 e il primo posto è un po' più a rischio. I tweet sottolineano che in strada ci sono molte donne, perla prima volta coinvolte nella storia del club. Per capire come sia stato possibile, bisogna seguire il filo che conduce a un'altra donna, stavolta italiana, Dalila Stramaccioni, la moglie di Andrea, amatissima per essersi calata nella cultura del Paese. Il 24 novembre sul suo account Instagram aveva rivelato il blocco di internet da parte del governo durante i moti iniziati il 15. Lei è a Roma già da qualche giorno. «Sono tornata e mi mancano già molto Iran e Teheran — questo è un post di giovedì — mi mancano mio marito, gli amici e le persone fantastiche pronte a sostenerci. Spero di tornare, presto o tardi». A lei adesso scrivono i tifosi e le tifose, con l'hashtag #comebackstrama. Anche col calcio si alzano le voci delle rivoluzioni.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare; 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT