lunedi` 22 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Danny Danon all'Onu: 'E' tempo di dichiarare guerra all'antisemitismo, anche quello mascherato da odio contro Israele' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
12.07.2019 Tifosi estremisti e razzisti: tutte le squadre di calcio ne hanno, non solo il Beitar Jerusalem
Ma la critica di Davide Lerner è a senso unico

Testata: La Repubblica
Data: 12 luglio 2019
Pagina: 22
Autore: Davide Lerner
Titolo: «L’assalto dei tifosi israeliani: 'Mohammed via dalla squadra'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 12/07/2019, a pag.22 con il titolo "L’assalto dei tifosi israeliani: 'Mohammed via dalla squadra' ", il commento di Davide Lerner.

Una semplice domanda per Davide Lerner, solerte nell'evidenziare il razzismo di un noto gruppo di tifosi estremisti del Beitar Jerusalem: in ogni Paese del mondo, Italia inclusa, esistono gruppi di tifosi organizzati che si comportano in modo analogo (in Italia, per esempio, molte tifoserie hanno legami con l'estrema destra extraparlamentare). Perché non scrivere anche su questi gruppi ma soltanto su quello della squadra di Gerusalemme? La risposta è ovvia e non va a merito del cronista di Repubblica.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Davide Lerner

Immagine correlataImmagine correlata

«Muori, Mohammed!», «Morte ad Ali!». Gli ultras del Beitar di Gerusalemme, una delle principali squadre di calcio israeliane, hanno riservato un’accoglienza di fuoco al nuovo centrocampista nigeriano Ali Mohamed, tempestandolo d’insulti xenofobi e minacce durante un allenamento pre-campionato del club. Gli hooligans, noti per il loro razzismo e suprematismo ebraico, si sono opposti all’acquisto del centrocampista durante il calciomercato, desumendo dal nome che fosse musulmano. Era poi arrivata la demenziale rettifica: «Dopo innumerevoli verifiche e controlli sull’identità del calciatore Ali, possiamo confermare che si tratta di un devoto cristiano, e non ci opponiamo dunque al suo approdo nel club. Tuttavia, rimane il problema del nome: deve essere cambiato perché il nome Mohammed non può essere pronunciato nel nostro stadio». Così il comunicato di "La Familia," il famigerato gruppo ultras del Beitar, che in un noto coro scandito prima di ogni partita intona «Eccola che arriva, [il Beitar] è la squadra più razzista del Paese!» La dirigenza ha, in un primo momento, dimostrato fermezza, escludendo di chiedere al calciatore. «Che importanza ha di che religione sia?»," ha detto il proprietario Moshe Hogeg, che avrebbe ricevuto anche minacce di morte. Dopo l’allenamento preso di mira dalle frange più violente del tifo, con tanto di quattro arresti per discriminazione razziale e lancio di granate fumogene, Hogeg ha però minacciato di gettare la spugna, ipotizzando addirittura la vendita del club. Non sarebbe la prima volta che il potente gruppo ultras "La Familia" riesce ad imporre la propria linea sulla società — non è d’altronde un caso se la squadra di Gerusalemme rimane l’unica in Israele a non aver mai avuto un calciatore arabo-musulmano. Il precedente che fa tremare la dirigenza è quello del 2013, quando l’acquisto di due giocatori ceceni — loro sì, musulmani — scatenò una campagna di protesta brutale e instancabile da parte degli ultras. Pur di difendere la "purezza" della squadra, i tifosi la fecero precipitare in una sorta di psicodramma collettivo, raccontato magistralmente nel documentario "Forever pure" (uno striscione dell’epoca). Risultato: il Beitar rischia la retrocessione invece di lottare per lo scudetto, una Molotov distrugge i trofei nella sede del club, i due ceceni allontanati insieme al capitano che aveva appoggiato la linea del presidente.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT