sabato 20 luglio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Benjamin Netanyahu con John Bolton sul Golan (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
06.04.2019 Gerusalemme capitale d'Israele: l'ebraismo italiano prende posizione contro il documento firmato da Papa Bergoglio e Mohammad VI del Marocco
Cronaca di Paolo Rodari

Testata: La Repubblica
Data: 06 aprile 2019
Pagina: 12
Autore: Paolo Rodari
Titolo: «I rabbini contro Francesco: 'Errore sconcertante dire che Gerusalemme è di tutti'»
Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 06/04/2019, con il titolo "I rabbini contro Francesco: 'Errore sconcertante dire che Gerusalemme è di tutti' ", il commento di Paolo Rodari.

Immagine correlata
Paoa Bergoglio

Gli ebrei e Francesco. Un rapporto che rischia di incrinarsi dopo l’appello firmato dal Papa in Marocco assieme al re Mohammed VI su Gerusalemme, città «delle tre religioni monoteiste » nella quale tutte abbiano «piena libertà di accesso» e il «diritto di esercitarvi il proprio culto». In queste ore, infatti, è una parte del mondo ebraico italiano a reagire sul notiziario di Pagine Ebraiche: « Visto che Gerusalemme è di tutti, allora anche il Vaticano sia di tutti. Aspettiamo quindi con impazienza l’apertura di una sinagoga e di una moschea all’interno del suo territorio, così da assicurare libertà di culto a tutti i fedeli delle religioni abramitiche » , scrive Sergio Della Pergola, illustre demografo e figura di riferimento degli Italkim, la comunità degli italiani residenti in Israele. Della Pergola bolla l’iniziativa come «sconcertante e al tempo stesso demagogica, che rimanda a un’epoca in cui il dialogo tra ebrei e cristiani era a un livello assai meno sviluppato».

Immagine correlata
Sergio Della Pergola

Fra gli scontenti ci sono anche il rav Giuseppe Momigliano, rabbino capo di Genova e membro di Giunta Ucei e il rav Elia Richetti, già presidente dell’Assemblea Rabbinica Italiana. Per il primo «Israele è l’unico Paese che, in Medio Oriente, tutela i suoi cittadini cristiani. E in questi anni, nei confronti di ogni comunità religiosa, ha assicurato la massima disponibilità e collaborazione. Eppure tutto questo nella dichiarazione non traspare » . Mentre per il secondo Bergoglio negherebbe l’origine stessa del cristianesimo: « Ponendo l’identità ebraica di Gerusalemme in una posizione non preminente rispetto a quella delle altre tradizioni religiose e negando di conseguenza il diritto che Gerusalemme sia riconosciuta come capitale di uno Stato ebraico il Papa sembra dimenticare chi era Gesù e in quali luoghi ha agito». Certo, non mancano le posizioni più morbide, segno di come anche nel mondo ebraico i giudizi siano diversificati. Fra queste la lettura di altro tenore che fa Ruben Della Rocca, vicepresidente della Comunità ebraica di Roma. Dice: « Bergoglio, con questo appello, sta riconoscendo che Israele è l’unico Paese ad avere la capacità di tutelare i luoghi sacri di Gerusalemme. Una politica che attua costantemente dal 1967, da quando cioè ne ha avuto la possibilità » . A suo dire, insomma, altre interpretazioni non sono possibili. Le reazioni cadono in un momento particolare.

Immagine correlata
Gerusalemme, capitale d'Israele


Il Vaticano, infatti, sta lavorando tramite il Centro Cardinal Bea della Gregoriana assieme al Global Jewish Advocacy a uno studio di riabilitazione del termine “ fariseo” che, soprattutto nel cristianesimo, è sinonimo di “ ipocrita”, “ doppiopesista”. Anche nel magistero dei Papi non manca un uso del termine negativo e così nei Vangeli. «Ci dovrebbe essere un ebreo ad ogni messa per sincerarsi che le omelie sui farisei non propaghino l’antisemitismo, ma presentino correttamente il Vangelo della pace», dice la professoressa ebrea Amy Jill Levine. Ma intanto lo studio è già un passo in avanti nei rapporti fra le due religioni nonostante Gerusalemme e le polemiche di queste ore.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT