domenica 25 agosto 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'Europa schierata con l'Iran cerca di conservare l'accordo sul nucleare. La risposta di Benjamin Netanyahu (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
12.02.2019 Congresso Usa: neo-deputati dem musulmani antisemiti e anti Israele
Si scusano ma riconfermano. Il caso di Ilhan Omar

Testata: La Repubblica
Data: 12 febbraio 2019
Pagina: 32
Autore: redazionale
Titolo: «Tweet antisemita, la deputata Omar costretta a scusarsi»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 12/02/2019 a pag.12, il breve redazionale dal titolo "Tweet antisemita, la deputata Omar costretta a scusarsi"

Immagine correlata
La  deputata dem  Ilhan Omar.

Nelle elezioni MidTerm, nel Partito Democratico Usa sono stati eletti alcuni deputati musulmani che sono subito distinti per le loro dichiarazioni antisemite/anti-Israele. Alcuni sono cercato, durante la campagna elettorale, il voto degli ebrei americani, come sappiamo molto disponibili a sostentere gli avversari di Trump, meglio ancora se islamici, per poi rivelarsi, una volta eletti, per quello che sono: nemici di ebrei e di Israele.
E' il caso della deputata Ilhan Omar. Le sue dichiarazioni le sono state rimproverate, lei, si è scusata, per poi però confermare il suo pensiero, come persino Repubblica riporta nelle ultime righe. 

La neo-eletta deputata democratica di religione musulmana, Ilhan Omar del Minnesota, si è scusata pubblicamente per dei tweet ritenuti antisemiti. Dopo che anche Nancy Pelosi e molti leader democratici si erano esposti per criticare le sue posizioni, Omar ha fatto un passo indietro. «L'antisemitismo è reale — ha twittato Omar — e sono grata agli alleati e colleghi ebrei che mi hanno istruita sulla dolorosa storia dei cliché antisemiti. Ma ribadisco il ruolo problematico dei lobbisti nelle nostre politiche, siano essi l'Aipac (l'American Israeli Public Affairs Committee, ndr), l'Anr o l'industria dei combustibili fossili». Omar aveva attaccato sui social la potente lobby filo israeliana (Aipac), facendo intendere che paga i politici americani perché sostengano Israele.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT