domenica 21 ottobre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Mordechai Kedar: la nuova strategia di Hamas minaccia Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Rav Jonathan Sacks: 'Ecco il nuovo antisemitismo' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
09.10.2018 Caso Asia Bibi: sotto l'islam l'accusa di 'blasfemia' conduce alla condanna a morte
Cronaca di Francesca Caferri

Testata: La Repubblica
Data: 09 ottobre 2018
Pagina: 15
Autore: Francesca Caferri
Titolo: «Pakistan, uno spiraglio per la cristiana Asia Bibi»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 09/10/2018, a pag. 15, con il titolo "Pakistan, uno spiraglio per la cristiana Asia Bibi" il commento di Francesca Caferri.

Scontro di civiltà? Nooooooo...

Immagine correlata
Asia Bibi

Risultati immagini per Francesca Caferri +
Francesca Caferri

Per la prima volta in nove anni, si respira un clima di ottimismo intorno al caso di Asia Bibi, una donna cristiana condannata a morte in Pakistan per blasfemia. La Corte suprema pachistana ieri ha deciso di rinviare la decisione finale sul caso, citando le tante discrepanze registrate sia nella testimonianza della donna che in quelle delle vicine di casa che nel 2009 la fecero arrestare accusandola di aver insultato il Profeta Maometto. Se la condanna fosse confermata, Bibi verrebbe messa a morte.
Secondo fonti pachistane, la scelta potrebbe essere stata motivata dalla volontà di preparare l’evacuazione della donna, che verrebbe dunque liberata e portata lontano dal Pakistan. La blasfemia è uno dei temi più divisivi della scena politica pachistana: negli anni passati due uomini politici che si erano schierati in favore della revisione della legge — che prevede la condanna a morte per gli accusati riconosciuti colpevoli — sono stati uccisi. E Mumtaz Qadri, il killer di uno dei due, è diventato un eroe per i radicali. Ieri Tehreek- e- Labbaik, il più radicale dei partiti pachistani ha diffusa una nota per dire che « se la condanna di Asia sarà trattata con indulgenza o con leggerezza o cercherà di fuggire in un altro Paese, ci saranno conseguenze pericolose » . I giudici hanno ammonito la stampa a non parlare del caso per evitare disordini». A giugno, Repubblica era riuscita a raggiungere Asia Bibi nella sua cella grazie a un intermediario: « Vorrei solo riacquistare la mia libertà » , aveva detto la donna rispondendo a domande scritte: 40 anni, Asia Bibi è in carcere dal 2009. Per il suo caso si è mobilitato, fra gli altri, il Vaticano.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT