lunedi` 23 aprile 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Nuovi metodi di educazione islamica (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: la bandiera con la svastica e la tentata invasione dei terroristi di Hamas. Neonazi Hamas? Nooooooo! (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Repubblica Rassegna Stampa
14.04.2018 Gaza/Hamas, su Repubblica la demonizzazione di Israele: 'Bersaglia i manifestanti'
Ad opera di Vincenzo Nigro

Testata: La Repubblica
Data: 14 aprile 2018
Pagina: 14
Autore: Vincenzo Nigro
Titolo: «A Gaza un nuovo venerdì di sangue»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 14/04/2018, a pag.14, con il titolo "A Gaza un nuovo venerdì di sangue", il commento di Vincenzo Nigro.

Il commento di Vincenzo Nigro è una ignobile difesa dei terroristi di Hamas, il cui obiettivo, che il giornalista nasconde, è la distruzione di Israele. Nigro scrive di "proteste" e "manifestazioni" invece che di violenze e terrorismo e aggiunge che i soldati israeliani avrebbero "bersagliato" gli arabi palestinesi. Un concentrato di disinformazione, menzogna omissiva e demonizzazione dello Stato ebraico che tace completamente l'obiettivo dei terroristi, la natura e gli scopi di Hamas, la pratica degli scudi umani e lo stesso fatto che quasi tutte le vittime di queste settimane sono terroristi.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Vincenzo Nigro

Immagine correlata
Terroristi di Hamas

Terzo venerdì di proteste dei palestinesi di Gaza alla frontiera con Israele. È la cosiddetta “marca del ritorno”, una protesta che da Gaza dovrebbe portare a superare i confini di Israele, in quella terra che 70 anni fa in parte era ancora palestinese e oggi è israeliana. I palestinesi però sono costretti a fermarsi prima della recinzione che segna il confine, chi va avanti viene bersagliato dai soldati israeliani, che per non fare avvicinare la folla alla rete sparano proiettili veri e di gomma e lanciano anche centinaia di candelotti lacrimogeni. Le vittime questa volta sarebbero di meno: un morto, rispetto alle decine dei due venerdì scorsi, e circa 700 feriti, fra cui però i colpiti da colpi d’arma da fuoco sono solo alcune decine (gli altri sono intossicati dai gas). Sulla stampa israeliana, occupata da decine di articoli e analisi in vista del possibile blitz contro Usa in Siria, le valutazioni sulla battaglia di Gaza sono ancora incerte. Sul Jerusalem Post l’ex capo dell’intelligence militare Amos Yadlin ricorda che in effetti «sia Hamas che Israele cantano vittoria a Gaza». Israele perché in effetti i manifestanti per ora non sono riusciti ancora a superare il confine in massa, e l’esercito è riuscito a controllare la situazione, facendo un numero di vittime sempre inferiore. Hamas invece canta vittoria perché comunque è riuscita ad offrire al popolo di Gaza una dinamica diversa da quella che la Striscia viveva nei mesi scorsi: è stata organizzata una manifestazione a cui migliaia di palestinesi comunque ogni settimana aderiscono. Un evento che distoglie dalla incapacità, dai fallimenti economici e politici del movimento islamico nella gestione della Striscia. Un collaboratore palestinese dell’agenzia Ansa scriveva di come Hamas abbia organizzato ieri la marcia, con decine di autobus che hanno raccolto manifestanti alla fine dalla preghiera nelle moschee e hanno percorso strade tenute libere dal traffico privato anche per lasciare spazio alle ambulanze. In questi giorni anche la propaganda di Hamas è cambiata: i cartelloni lungo le strade oltre ad esaltare i “martiri”, i terroristi uccisi in varie azioni, adesso hanno i volti del Mahatma Gandhi, di Martin Luther King e Nelson Mandela. Leader pacifisti utilizzati da un movimento classificato terroristico dagli Usa e dalla Ue oltre che da Israele.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT