venerdi 14 dicembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Parla il Gen. Yossi Kuperwasser: 'Ecco le prospettive strategiche per il Medio Oriente' (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






La Repubblica Rassegna Stampa
21.02.2018 Israele 'fragile' di fronte all'Iran?
Commento di Vincenzo Nigro, ma il desk esteri titola senza aver letto il pezzo

Testata: La Repubblica
Data: 21 febbraio 2018
Pagina: 2
Autore: Vincenzo Nigro
Titolo: «Iran alle porte, Israele si scopre debole»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 21/02/2018, a pag.2 con il titolo "Iran alle porte, Israele si scopre debole" il commento di Vincenzo Nigro

Se chi ha fatto il titolo avesse letto il pezzo di Nigro, non l'avebbe titolato "
Iran alle porte, Israele si scopre debole". Un aggettivo che riflette piuttosto come la pensano al desk esteri. Nigro scrive invece che i responsabili della sicurezza di Israele sono 'preoccupati', e chi non lo sarebbe di fronte a un Iran che vuole impadronirsi del Medio Oriente.

Immagine correlata
Vincenzo Nigro

TEL AVIV L'Iran alle porte di Israele. «Non ho mai avuto paura, mai. In questa regione Israele è sempre riuscito a godere di una situazione di solidità strategica che nei momenti più difficili ci dava possibilità di sperare. Adesso, diciamo, ho qualche timore... dovremo lavorare di più... »."Timore", è il massimo che si riesce a far ammettere a Siva Shine. Questa donna sui 60 anni adesso lavora all'Inss, l'istituto di studi per la sicurezza di Israele, ma fino a ieri è stata il capo dell'unità di analisi del Mossad, dopo essere stata per anni prima agente operativo e poi una dei coordinatori dell'intelligence in vari governi. «Sappiamo, tutti noi, che le cose sono cambiate, e anche molto: adesso che l'Iran è alle porte, e non è uno scherzo». Dopo l'abbattimento del drone iraniano entrato in Israele, e dopo la perdita dell'F-16 al confine con la Siria, dopo quello che sta succedendo ad Affin fra turchi, curdi, siriani e russi, tutte le rotelline del sistema di sicurezza e di intelligence israeliano si sono rimesse in moto, silenziose ma impazzite. Nella piccola palazzina dell'Inss alla periferia di Tel Aviv le riunioni si inseguono a catena, in vari formati: militari, esperti di Iran, di Russia, di Turchia. Ma anche esperti di politica intema, perché ancora una volta il "fronte interno", con il premier Netanyahu impegnato a difendersi da ben 4 inchieste giudiziarie, potrebbe essere fonte di mille problemi. Una serie di incontri con ricercatori, giornalisti, uomini delle forze armate chiesti dopo l'abbattimento dell'F-16 offrono varie conferme. Primo: ormai la "superpotenza" nella regione è la Russia di Putin. Il grande alleato americano, con tutta l'amicizia fra Trump e Netanyahu, con le portaerei al largo di Israele e centinaia di cacciabombardieri pronti, sembra «un ricco signore in pensione, incapace di gestire i milioni del suo conto in banca». Secondo: per la Russia è già arrivato il momento delle scelte difficilissime: «Quella che ci riguarda direttamente è chiara», dice Amos Harel, analista di Haaretz, «devono scegliere se sostenere Israele o l'Iran adesso che in Siria siamo arrivati a scontrarci direttamente». Terzo: la Russia dovrà fare scelte ancora più complesse. Scelte difficili, peresempio fra turchi e curdi, fra turchi e i siriani di Assad. Con la presenza di Iran, benedetta per la guerra di Siria, ma ormai assai ingombrante, adesso Mosca avrà altri problemi. «Netanyahu in poco più di un anno è stato a Mosca sette volte: sette volte per parlare con Putin. Si è portato i capi militari, i capi dell'intelligence, quelli dell'aviazione: per avvertire Mosca di quello che poi è accaduto, che gli iraniani non si sarebbero fermati e che noi, se loro continuano, dovremo fermarli», dice una fonte vicini all'Idf, l'esercito israeliano. Per questo Israele ha deciso, almeno a parole, di cambiare messaggio, di cambiare obiettivo. Adesso Israele minaccia direttamente Teheran, come ha fatto il generale Nitzan Alon: «Fino ad oggi i nostri avvertimenti erano stati verso il Libano, verso la Siria. Dicevamo chiaramente "vi riporteremo all'età della pietra", colpiremo direttamente il regime di Assad. Ma ormai è chiaro, non è Assad, non è Hariri che controlla il gioco: è Teheran. E noi colpiremo lì». E così anche sui giornali vengono fatte filtrare notizie su riunioni della Israeli Air Force in cui si pianificano attacchi a obiettivi strategici dentro l'Iran. Teheran ha capito perfettamente, e adegua la sua propaganda. Fino a qualche tempo fa "distruggeremo Israele" (anzi "l'entità sionista") era come una giaculatoria, un rito verbale violento ma consuetudinario. Ieri Moshen Rezai, uno dei capi del sistema politico-religioso, ha parlato come un militare: «Tel Aviv sarà rasa al suolo se il regime israeliano dovesse compiere azioni militari contro la Repubblica islamica. E anche lui, come fanno spesso gli stessi israeliani, lancia un avvertimento personale, quasi mafioso: «Le nostre forze militari non daranno alcuna possibilità di fuggire a Netanyahu se farà una mossa poco saggia», dice Rezai. Una guerra di parole. Che due sabati fa, sui cieli di Una Siria ormai provincia iraniana, pere la prima volta è diventata una guerra combattuta.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mil sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT