martedi` 22 maggio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Video: la propaganda dei terroristi di Hamas a Gaza (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Gaza: le responsabilità sono di Hamas (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Repubblica Rassegna Stampa
11.02.2018 Proteste in Iran: ma nel guanto di Repubblica non c'è una mano forte
Il commento di Vanna Vannuccini, che non conosce la storia della Persia-Iran

Testata: La Repubblica
Data: 11 febbraio 2018
Pagina: 9
Autore: Vanna Vannuccini
Titolo: «Le incognite di Teheran al bivio del khomeinismo»
Riprendamo da REPUBBLICA di oggi, 11/02/2018, a pag.9, con il titolo "Le incognite di Teheran al bivio del khomeinismo" il commento di Vanna Vannuccini.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Vanna Vannuccini

 Risultati immagini per nuclear iran

Nella capitale che celebra il 39esimo anniversario della rivoluzione, i murales con le immagini degli imam e dei martiri che da quarant’anni segnano il panorama urbano sono quasi scomparsi: al loro posto spiccano prati verdi, cascate, cieli azzurri e giovani sorridenti che sventolano il diploma. Gli abitanti dei palazzi cui spetta decidere sulle decorazioni delle loro case, optano per visioni più anodine rispetto a quelle che per decenni erano state l’emblema di un popolo che credeva in quegli ideali di giustizia sociale che erano stati l’obbiettivo dei rivoluzionari. La rivoluzione del ’79 era stata una delle poche rivoluzioni veramente popolari della storia. Nazionalisti, comunisti e religiosi, tutti erano insorti per rovesciare lo scià “americano”, come veniva chiamato perché era stato riportato sul trono del Pavone dal colpo di stato della Cia contro Mossadegh, il primo ministro che aveva nazionalizzato il petrolio. Ma oggi, se si tenesse un referendum, il 70 per cento degli iraniani direbbe no alla repubblica islamica, sostiene Sadegh Zibakalam, professore all’università Azad di Teheran. I giovani che hanno manifestato il mese scorso in quasi ottanta città chiedevano per la prima volta la fine della Repubblica islamica, non una liberalizzazione come aveva chiesto l’Onda Verde ancora nel 2009. Zibakalam era stato un rivoluzionario della prima ora, poi sostenitore del presidente Khatami quando questi cercò di riformare la Repubblica islamica e liberare religione e politica da un matrimonio forzato. Il timore dei riformatori è che se ci saranno sono nuove sanzioni americane, e se Trump farà uscire l’America dal Trattato nucleare, l’Iran si troverà di nuovo isolato dal mondo e la risposta dei fondamentalisti potrebbe essere un colpo di mano che metta lo Stato sotto il controllo dei pasdaran facendo appello alla difesa della nazione. Stroncando così ancora una volta quel sogno di democrazia che il popolo iraniano insegue da quando fece la rivoluzione per la Costituzione nel 1906, e poi con Mossadegh nel ’53 e infine nel ’79. Sempre scontrandosi con l’America: Marg bar Amrika, morte all’America, era lo slogan dei rivoluzionari che sembrava finalmente esser stato superato con la presidenza Obama e la firma del Trattato nucleare. Si racconta a Teheran che Khatami vada ogni settimana a visitare il Leader Supremo per cercare di convincerlo a prendere posizione, dall’alto della sua autorità, a sostegno del presidente Rouhani e delle riforme. I conservatori vedono nel fallimento del trattato nucleare l’occasione d’oro per dare il colpo di grazia alle riforme che considerano propedeutiche al disfacimento del regime. La posta in gioco è tanto più alta perché si profila il momento della successione all’ottantenne Khamenei e loro vogliono ad ogni costo impedire che la carica più alta dello Stato vada a un moderato come Rouhani. Perfino Medhi Karroubi, l’ex presidente del Parlamento che pur essendo da otto anni agli arresti domiciliari non ha smesso di credere in una ideale Repubblica islamica, ha rivolto un pubblico appello al Leader Supremo: «Prima che sia troppo tardi, apri la strada a una riforma strutturale. Il sistema sta precipitando a tale velocità da essere messo in pericolo da qualche migliaia di persone che protestano. Invece di accusarli di legami con l’estero e reprimerli con la forza, ascoltali». «Il potere d’acquisto degli iraniani è diminuito del 35 per cento rispetto al 2005», spiega Said Leylaz, economista ed ex viceministro. Il 2005 è l’anno in cui andò al governo Ahmadinejad che con la sua politica populista vuotò le casse dello Stato (quando il petrolio era a 130 dollari al barile!) e portò l’inflazione al 40 per cento. Rouhani è stato costretto a una politica di austerità che ha riportato l’inflazione sotto le due cifre, ma la disoccupazione è aumentata e se il Trattato nucleare non funziona nessuno riuscirà ad abbassarla, dice Leylaz. Ogni anno si dovrebbero poter creare 900mila posti di lavoro solo per non far aumentare il tasso di disoccupazione. La demografia iraniana sta cambiando rapidamente e il tasso di natalità è oggi quasi a livelli italiani, ma i 18 milioni di giovani nati negli anni 80 in obbedienza al regime che chiedeva figli per la patria sono stati come una slavina di cui si sentono ancora le conseguenze. La disoccupazione dei giovani tra i 20 e i 24 anni ha raggiunto picchi del 25 % nelle province, mentre da novembre anche l’inflazione ha ripreso a crescere. A tutto questo si aggiunge una siccità che devasta le campagne. Quasi trenta milioni di iraniani vivono sotto la soglia della povertà, 11 in povertà estrema, dice Leylaz. La popolazione delle borgate è aumentata di dieci milioni dal ‘79. Che succederebbe se a protestare non fossero poche migliaia ma queste masse che si sentono abbandonate, tradite dalle élite che vivono in appartamenti che costano al metro quadro tre anni di stipendio del muratore precario che lavora in nero, senza assicurazioni sulla salute o sugli infortuni, a costruire il prossimo grattacielo di lusso? Nella storia dell’Iran sono sempre state queste masse a travolgere i governi. Dopo le proteste dei disoccupati sono venute quelle delle donne che si tolgono il velo. E quando la polizia ha arrestato 29 donne che avevano sventolato il loro foulard davanti ai passanti, Rohani ha risposto facendo pubblicare un rapporto fatto dall’Iranian Center for strategic studies, un istituto di ricerca che dipende dalla presidenza, da cui risulta che la metà degli iraniani sono favorevoli a considerale il velo una questione privata su cui le donne dovrebbero poter decidere. Non è detto però che il gesto abbia conseguenze positive per le arrestate perché il potere giudiziario è in mano ai conservatori che considerano il velo uno dei pilastri su cui poggia la Repubblica islamica.

 

 

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT