mercoledi` 17 gennaio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele costruisce un ospedale in Siria (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dimostranti di Stoccolma invitano a uccidere ebrei (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Repubblica Rassegna Stampa
11.01.2018 Caso Regeni: come era chiaro fin dall'inizio, ecco le responsabilità della tutor Maha Abdel Rahman
Commento di Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Testata: La Repubblica
Data: 11 gennaio 2018
Pagina: 14
Autore: Carlo Bonini, Giuliano Foschini
Titolo: «Diecimila sterline agli ambulanti così la tutor mise nei guai Regeni»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 11/01/2018, a pag.14, con il titolo "Diecimila sterline agli ambulanti così la tutor mise nei guai Regeni", il commento di Carlo Bonini, Giuliano Foschini.

A destra: Giulio Regeni, la tutor Maha Abdel Rahman,
il cui cinismo solo adesso si rivela sui media italiani

E' evidente la responsabilità di chi aveva mandato in Egitto Giulio Regeni, in questo caso una docente musulmana di Cambridge, militante dei Fratelli Musulmani, in una missione che chiunque poteva giudicare estremamente rischiosa. Come infatti è avvenuto a Regeni, innamorato delle 'primavere arabe', talmente condizionato nei confronti dell'islamismo dai lavaggi del cervello tanto da ricordare il caso di Vittorio Arrigoni ucciso nella Gaza che tanto amava in odio a Israele, da rimetterci la vita. Ma la 'tutor' a Cambridge, responsabile del lavaggio del cervello del povero Regeni, non interessava ai nostri cronisti.

Ecco l'articolo:

Immagine correlataImmagine correlata
Carlo Bonini                  Giuliano Foschini

 

Prometteva di essere un redde rationem. È stato qualcosa di più e di peggio da cui Maha Abdel Rahman, tutor di Giulio Regeni a Cambridge, esce ora nuda nei suoi « non ricordo, non so » . Interrogata martedì pomeriggio, alla presenza dei suoi due avvocati di fiducia, in un ufficio dell’università, dal sostituto procuratore di Roma Sergio Colaiocco, da un ufficiale del Ros dei Carabinieri, da un funzionario dello Sco e da uomini della polizia inglese del Cambridgeshire, ha girato in tondo per un’ora e un quarto su almeno tre circostanze chiave dei suoi rapporti con Giulio e sulle modalità della sua ricerca. Ha evitato di fornire qualsiasi spiegazione plausibile su fatti che la coinvolgono e per giunta documentalmente provati da una chat e due e- mail recuperate nel pc del ricercatore.

Al punto che, ieri mattina, i suoi uffici e la sua piccola abitazione di 50 metri quadri a Cambridge sono stati messi sotto sopra in una lunghissima perquisizione chiesta dalla Procura di Roma e condotta dalla polizia inglese, al termine della quale le sono stati sequestrati cellulari, pen drive, personal computer e memorie esterne. E questo mentre la stessa università, andando persino al di là di quanto chiesto dalla magistratura italiana, le congelava l’intera posizione informatica (traffico mail e file archiviati sul server dell’ateneo) affinché tutti questi dati possano essere ora copiati e diventare “ prova forense” nell’inchiesta. La Abdel Rahman è e resta una testimone per la giustizia italiana. Gli assassini di Giulio Regeni (mandanti ed esecutori) sono e restano da cercare negli apparati del regime egiziano. Per la giustizia italiana e ora anche per quella egiziana (se non è un falso movimento l’esito dell’ultimo vertice al Cairo tra le due Procure). E tuttavia, la perquisizione e il sequestro dei supporti informatici della Abdel Rahman comunicano evidentemente con una qualche drammaticità non solo il precipitare di una situazione per molti aspetti inedita ( è raro che la cooperazione giudiziaria inglese si spinga al punto di autorizzare la perquisizione di una testimone), nonché la decisione del governo inglese di uscire da un’afasia durata due anni, ma una novità nella ricostruzione dei fatti che hanno portato alla fine di Giulio. Una circostanza emersa durante l’interrogatorio e che, all’osso, si può raccontare così. La mossa che, oggettivamente, segnò e accelerò il destino di Giulio Regeni, ingrassando la paranoia degli apparati di sicurezza egiziani che lo avevano messo nel loro cono di attenzione, porta la firma della professoressa.

Fu Maha, come documenta una mail che Giulio inviò alla madre il 14 novembre del 2015, poco più di due mesi prima di essere sequestrato, torturato e ucciso dai Servizi del regime di Al Sisi, a suggerire a Giulio, inviandogli il link per un’application, di fare in modo che il sindacato su cui stava conducendo la sua “ ricerca partecipata” concorresse all’assegnazione di 10 mila sterline messe a disposizione della fondazione Antipode, consentendogli così di finanziare un proprio “progetto dal basso”. Cosa che scatenò gli appetiti dell’allora capo del sindacato degli ambulanti, Mohamed Abdallah, l’uomo che avrebbe tradito Giulio e che di Giulio era appunto la principale fonte di ricerca. La possibilità di accedere a quei soldi, come è noto, sarebbe rimasta sulla carta. Giulio, infatti, dopo averne parlato con Adballah, avrebbe fatto cadere la cosa. Aveva capito, infatti, che l’ambulante stava pensando di utilizzare quel denaro per motivi personali. Di più: quei fondi non solo non erano nella disponibilità di Giulio, ma rischiavano di essere incompatibili con la legge egiziana che vieta il finanziamento diretto o indiretto di sindacati e associazioni. Ebbene, durante la sua deposizione, la Abdel Rahman non solo non è stata in grado di spiegare perché diede quel suggerimento o perché, essendo egiziana, non ne colse tutti gli elementi di rischio che, al contrario, Giulio aveva ben colto.

Ma non è stata in grado di spiegare neppure almeno altre due circostanze per certi aspetti neutre. Ha negato l’evidenza — documentata da una chat di Giulio con un suo amico del 15 luglio 2015 — di essere stata lei a suggerire a Giulio il tema della ricerca. Ha negato di aver mai ricevuto da Giulio, durante il loro incontro del 7 gennaio 2016 al Cairo, i dieci report che rappresentavano il risultato della prima fase del suo lavoro. Ha ribadito come non vi fossero elementi oggettivi di rischio nelle modalità della ricerca di Giulio. Circostanza, questa, in cui i nostri investigatori vedono al contrario una negligenza o un tentativo di coprirla a posteriori. Tanto da aver deciso, tra martedì e ieri, di far compilare a 66 studenti di Cambdridge che prima di Giulio avevano svolto ricerca al Cairo e in Egitto altrettanti questionari che chiariscano quali procedure hanno governato in questi anni il lavoro dell’università. Chi decide i temi delle ricerche, che tipo di rapporti esistono con i tutor, se vi siano mai state pressioni dell’università per condurre le ricerche in Egitto, chi sceglieva i tutor in loco. C’è infine un ultimo dettaglio che consente oggi di dimostrare come il braccio di ferro che la professoressa Abdel Rahman ha condotto con la Procura di Roma per due anni (sostenuta anche da un pezzo di comunità accademica che si è sentita ferita nella libertà di insegnamento) dissimuli in realtà un quadro assai meno edificante. Quanto meno umanamente. Giulio aveva regalato alla Maha, di cui si fidava, una copia di “ Gomorra” di Roberto Saviano. Lo aveva fatto dopo averci pensato a lungo. Come gesto di stima. Martedì pomeriggio, il pm Sergio Colaiocco per verificare l’attendibilità della donna che aveva di fronte le ha chiesto se avesse mai ricevuto un regalo da Giulio. “ Non ricordo” è stata la risposta. Come se Giulio fosse stato uno studente qualunque. Lontano nel tempo. Come se la sua vita non fosse finita come è finita.

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT