martedi` 16 gennaio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele costruisce un ospedale in Siria (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dimostranti di Stoccolma invitano a uccidere ebrei (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Repubblica Rassegna Stampa
10.01.2018 Israele: esercizi commerciali di sabato
Il commento disinformante e disinformato di Francesca Caferri

Testata: La Repubblica
Data: 10 gennaio 2018
Pagina: 14
Autore: Francesca Caferri
Titolo: «Chiusi di sabato. La legge sugli empori che divide Israele»
Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 10/01/2018, a pag.14, con il titolo
"Chiusi di sabato. La legge sugli empori che divide Israele" il commento di Francesca Caferri.

Il commento di Francesca Caferri è disinformato e disinformante perché la legge approvata alla Knesset non proibisce l'apertura di esercizi commerciali di sabato, ma nega questa possibilità soltanto a quelli che vogliono avere un certificato di casherut. E' un provvedimento certamente discutibile, ma non irrazionale. Questo però Caferri non lo scrive.

Ecco l'articolo:

Immagine correlataImmagine correlata
Francesca Caferri    Benjamin Netanyahu

Ha vinto per un voto, Benjamin Netanyahu. Eppure quella di ieri per il premier israeliano ha tutto il sapore della sconfitta: dopo settimane di discussione, la Knesset ha approvato la legge che impone la chiusura dei piccoli supermercati e dei ristoranti nella giornata di Shabbat, il riposo ebraico. La legge era stata voluta dai partiti ortodossi, componenti fondamentali della coalizione di governo di Netanyahu. Ma contestata sia dalla sinistra sia da alcuni deputati dello stesso partito del premier: in prima lettura, la settimana scorsa, la legge era stata bocciata. «Stiamo passando da una democrazia moderna e liberale a uno Stato governato dalle leggi religiose dell’ebraismo», ha detto Ron Huldai, sindaco di Tel Aviv , la più liberale fra le città israeliane.

Per inviare alla Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT