Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

La Repubblica Rassegna Stampa
06.12.2017 Gerusalemme: ecco chi disinforma
Antonello Guerrera, Abraham B. Yehoshua, Repubblica, Corriere della Sera, Stampa, Avvenire

Testata: La Repubblica
Data: 06 dicembre 2017
Pagina: 3
Autore: Antonello Guerrera
Titolo: «'Lui e Netanyahu combinano soltanto guai. La destra è uno tsunami'»

Riprendiamo da REPUBBLICA di oggi, 06/10/2017, a pag. 3, con il titolo 'Lui e Netanyahu combinano soltanto guai. La destra è uno tsunami' l'intervista a Abraham B. Yehoshua di Antonello Guerrera.

Abraham B. Yehoshua sostiene che "Trump non sa di cosa parla. Gerusalemme è già la nostra capitale e non abbiamo bisogno di lui per saperlo": una buona posizione di partenza dunque - Gerusalemme è di fatto la capitale di Israele, che piaccia o no a chi vorrebbe la distruzione dello Stato ebraico - ma finisce per attaccare Trump e Netanyahu.

Largo spazio alla disinformazione contro Israele sui quotidiani italiani. Sulla stessa Repubblica, a pag. 33, Bernardo Valli si trasforma in trombettiere del fronte anti-Israele, scrivendo che lo spostamento annunciato dell'ambasciata sarebbe "un colpo fatale sul cammino della pace". Non è chiaro a quale cammino di pace faccia riferimento Valli: forse a quello propugnato dai terroristi arabi palestinesi, che mira alla "pace eterna" di Israele, cioè alla sua eradicazione? Valli rovescia il problema, ignorando il terrorismo e scagliandosi contro la decisione di Trump, che viene a confermare una situazione di fatto già evidente - come sostiene perfino Yehoshhua - e cioè che Gerusalemme è la capitale di Israele.

Sul Corriere della Sera i servizi di Francesco Battistini, Viviana Mazza a pag. 2-3 sono poco equilibrati. Anche in questo caso, anche se senza gli eccessi di ostilità anti-Israele di Valli, viene riportato solo un lato della vicenda. Battistini sostiene che la scelta di Trump non avrebbe appoggi in nessun Paese del mondo, e si dilunga sul timore di terrorismo in reazione allo spostamento dell'ambasciata, dimenticando che il terrorismo palestinese esiste da quasi un secolo e non ha mai avuto bisogno di pretesti. Assaf Gavron intervistato da Viviana Mazza insiste sul timore di reazioni e attentati, ma come Yehoshua afferma che Gerusalemme è di fatto la capitale di Israele, e aggiunge che "sia un po' ipocrita da parte del mondo opporsi allo spostamento dell'ambasciata a Gerusalemme".

Sulla Stampa, a pag. 2., Francesca Paci intervista l'israeliano Giora Eiland, che insiste - ancora una volta - sui pericoli del trasferimento. Non è un problema pubblicare simili opinioni (come  anche Yehoshua o Gavron), ma è disinformante pubblicare soltanto e sistematicamente opinioni di israeliani contrari a Trump e al governo Netanyahu.

Avvenire, a pag. 2, scrive di "violazione di un simbolo" con lo spostamento dell'ambasciata. Il giornale dei vescovi scrive di Gerusalemme "città di Dio" e pubblica un articolo fumoso e denso di ostilità contro Israele. Tre quarti dell'articolo è una sequenza di citazioni dei Vangeli, Ezechiele, Isaia, i Salmi: testi indubbiamente importanti, ma che non bastano per spiegare la realtà di Gerusalemme, capitale d'Israele, oggi.
Abu Mazen ha pure telefonato al Papa, scommettiamo che quest'ultimo non gli chiederà perchè i cristiani fuggono dai territori governati dall'Olp?

Immagine correlata
Gerusalemme

Ecco l'articolo di Antonello Guerrera: 

Risultati immagini per Antonello Guerrera
Antonello Guerrera

Immagine correlata
Abraham B. Yehoshua

«Trump così combina solo guai». Abraham Yehoshua risponde da Tel Aviv con la voce consunta di chi negli anni e nelle opere ha scolpito con passione la necessità del dialogo tra ebrei e palestinesi per colmarne le crepe sempre più profonde. Non a caso, a 80 anni il grande scrittore israeliano si è convertito alla soluzione di un solo stato per israeliani e palestinesi: «Ora è impossibile sradicare i coloni israeliani, cambiamo se non vogliamo diventare una società di apartheid». Un castello di parole e speranze che vacilla di fronte all’imminente tempesta del riconoscimento americano di Gerusalemme capitale e sede dell’ambasciata in Israele.

 

Yehoshua, che conseguenze avrà Gerusalemme capitale riconosciuta dagli Usa? «Il presidente Trump non sa di cosa parla. Gerusalemme è già la nostra capitale e non abbiamo bisogno di lui per saperlo. Così facendo, combina solo guai. Sarebbe l’ennesimo ostacolo alla pace tra israeliani e palestinesi. Una pace che dovranno raggiungere i due popoli, senza influenze esterne deleterie».

Trump dice di avere anche uno - sinora sconosciuto - piano di pace per il Medio Oriente. «Vedremo. Durante la presidenza Obama, John Kerry è stato qui decine di volte come Segretario di Stato e non ha cavato un ragno dal buco. Difficile fare peggio».

Crede che così Trump infiammerà nuove proteste e violenze in Medio Oriente? «Non credo sarà così decisivo, perché i palestinesi sono già molto arrabbiati. Eppure qualche speranza di accordo c’era: dopo il recente riavvicinamento tra Hamas e Anp, il presidente palestinese Abu Mazen avrebbe potuto moderare gli estremismi di Gaza e intraprendere un vero percorso di pace».

E Israele che cosa dovrebbe fare, nell’idea di un unico Stato binazionale? «Fermare l’avanzata delle colonie in Cisgiordania, offrire ai palestinesi la cittadinanza, più territorio e allo stesso tempo maggiore autonomia. Purtroppo però oggi abbiamo un governo di destra e il premier Netanyahu non ha un approccio positivo verso i palestinesi che si comportano bene in Cisgiordania».

Netanyahu, tra l’altro, è in grande sintonia con Trump. «Prego soltanto che dalle prossime elezioni in Israele possa uscire un esecutivo più ragionevole. La destra è oramai tornata ovunque, non solo nel mio Paese. È uno tsunami».

Intanto Israele sembra avvicinarsi a un altro conflitto: il fronte sciita di Iran, Hezbollah in Libano e Assad in Siria, tutti sostenuti dalla Russia, è sempre più minaccioso. Un fronte che più volte ha auspicato la distruzione di Israele. E così Netanyahu flirta con l’ex nemico Arabia Saudita. «È chiaro che l’Arabia Saudita ha molti problemi con l’Iran e noi lo stesso. Allo stesso tempo Teheran ha aumentato notevolmente la sua presenza nella vicina Siria e questo è un problema per Israele. Ma di una cosa sono sicuro: Israele non farà mai una guerra per Riad».

Però Israele si sente sempre più minacciata da Teheran. «L’Iran è un nemico estremista e assolutamente metafisico tra l’altro, perché Israele non ha mai rubato materialmente un centimetro di territorio a Teheran. Anche Hezbollah vuole attaccarci ma sarebbe controproducente per tutto il Libano, per il suo popolo e l’economia. Non c’è alcuna ragione sensata per una guerra ma purtroppo gli sciiti sbandierano questa minaccia perché per loro Israele è un capro espiatorio e lo sfruttano per cementare il consenso interno. La minaccia è reale e si sente nel mio Paese. Ma credo che alla fine non andremo in guerra. La Russia, sempre più influente nell’area ma stanca del conflitto in Siria, non vuole altri disastri in Medio Oriente. Non permetterà ai suoi alleati iraniani e libanesi di attaccarci. O almeno, questa è la mia speranza».

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telefonare: 06/ 49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it