venerdi 23 giugno 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

L'odio dei terroristi Hamas contro Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

La verità su Gerusalemme, capitale dello Stato di Israele (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



La Repubblica Rassegna Stampa
19.06.2017 L'Iran bombarda la Siria: interessa a qualcuno?
Continua la guerra tra sunniti e sciiti

Testata: La Repubblica
Data: 19 giugno 2017
Pagina: 14
Autore: la redazione della Repubblica
Titolo: «Iran, missili in Siria: 'Per l’attentato a Teheran'»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 19/06/2017, a pag. 14, la breve "Iran, missili in Siria: 'Per l’attentato a Teheran' ".

Immagine correlata
Sunniti contro sciiti in Medio Oriente

A sorpresa, ieri sera l’Iran ha lanciato dei missili nell’Est della Siria con l’obiettivo di colpire basi di gruppi militanti che ritiene responsabili degli attacchi di mercoledì 7 giugno a Teheran, in cui sono state uccise 18 persone. Lo riferisce l’agenzia di stampa iraniana Tasnim, spiegando che a lanciare i missili terra-terra a medio raggio dall’ovest dell’Iran verso la regione di Deir al-Zor sono stati i Guardiani della rivoluzione e che un “ampio numero” di terroristi è stato ucciso.

I missili, che di questo tipo non venivano lanciati da Teheran dal 1988 durante la guerra contro l’Iraq, hanno preso di mira «centri di raccolta di terroristi “takfiristi”», come gli iraniani chiamano gli estremisti sunniti. I Guardiani della rivoluzione iraniani combattono da molto tempo in Siria al fianco del presidente siriano Bashar Assad. Sempre in Siria, inoltre, ieri gli Stati Uniti hanno abbattuto un aereo del regime che bombardava i combattenti della coalizione vicino Raqqa, scatenando la rabbia di Damasco.

Per inviare la propria opinione alla Repubblica, telefonare 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT