Riduci       Ingrandisci
Clicca qui per stampare

La Repubblica Rassegna Stampa
28.02.2016 Siria: si rafforzano Assad e Putin
Arturo Zampaglione intervista Daniel Pipes

Testata: La Repubblica
Data: 28 febbraio 2016
Pagina: 12
Autore: Arturo Zampaglione
Titolo: «Pipes: Assad e russi così si rafforzano»

Riprendiamo dalla REPUBBLICA di oggi, 28/02/2016, a pag.12, con il titolo " Pipes: Assad e russi così si rafforzano", l'intervista di Arturo Zampagnlione a Daniel Pipes.

Immagine correlataRisultati immagini per daniel pipes
Arturo Zampaglione     Daniel Pipes

Immagine correlata
Assad e Putin

"Non facciamoci illusioni", avverte Daniel Pipes: «La tregua in Siria è solo una abile mossa di Russia, Irani e del regime di Damasco per consolidare le loro vittorie sul campo. L'offensiva militare riprenderà come prima». Storico, presidente del Middle East forum, autore di una dozzina di saggi di politica estera, Pipes, 66 anni, è un 'conservatore a tutto tondo", come si definisce lui stesso, ma anche uno dei maggiori esperti delle dinamiche medio-orientali.
Perché tanto pessimismo Pipes?
La tregua non consentirà di condurre azioni umanitarie a favore delle popolazioni ormai allo stremo?
»Non sono certo le sofferenze dei siriani a motivare russi, iraniani e soldati di Assad. I loro calcoli sono geopolitici: Mosca e Teheran sono interessate a rafforzare le loro posizioni in Siria, approfittando dell'immobilismo dell'America di Obama In particolare Putin punta a mantenere la base sul Mediterraneo e una presenza strategica in Medio Oriente, a umiliare la Turchia e a creare confusione in Europa attraverso i rifugiati.".
Che cosa potrebbero fare gli Usa per evitare tutto questo?
»Washington potrebbe, ad esempio, prendere le distanze dalla Turchia e lavorare seriamente con i curdi, prima che diventino tutti pro-russi, come sta già accadendo"
Come valuta I rischi rappresentati dal fronte Al Nuera escluso dalla tregua assieme all'Is?
«Temo che sul lungo termine Al Nusra, che è composto da militanti qaedisti, si rivelerà più pericoloso dell'IS. Lo Stato islamico ha fatto di tutto per provocare il mondo e non resisterà molto all'attacco concentrico: a mio avviso il suo collasso avverrà entro il 2016. In compenso Al Nusra si rafforzerà"

Per inviare a Repubblica la propria opinione, telfonare: 06/49821, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


rubrica.lettere@repubblica.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui