domenica 24 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Confessioni elvetiche Rassegna Stampa
06.01.2021 Il ritorno dello Stato islamico
Commento di Stefano Piazza

Testata: Confessioni elvetiche
Data: 06 gennaio 2021
Pagina: 1
Autore: Stefano Piazza
Titolo: «Il ritorno dello Stato islamico»
Il ritorno dello Stato islamico
Commento di Stefano Piazza

Isis: fine del proto–stato e ritorno alle origini | ISPI

Mentre in Europa l’attenzione mediatica è rivolta quasi esclusivamente alla pandemia l’ISIS in Siria e in Iraq, prosegue sulla strada che porta alla sua rinascita. Dopo una lunga serie di piccoli attacchi contro soldati e istallazioni petrolifere, negli scorsi giorni i miliziani jihadisti hanno messo a segno uno dei più grandi attacchi compiuti dalla caduta dell’ultima roccaforte di Baghouz (marzo 2019) che determino’ la definitiva sconfitta (almeno quella militare), dell’ultima roccaforte dell’autoproclamato Stato islamico. Sono infatti 40 le vittime dell’attacco contro un convoglio di soldati e miliziani del regime siriano che si stavano recando nella provincia di Deir ez-Zor, area desertica che si trova al confine con l’Iraq . Sulle modalità dell’attacco le versioni sono discordanti tuttavia, il convoglio composto da tre autobus è stao attaccato durante un’imboscata ben pianificata vicino al villaggio di Shula. I jihadisti hanno dapprima fermato il convoglio con un falso checkpoint, poi hanno fatto esplodere alcune bombe prima di iniziare a sparare all’impazzata contro gli autobus dove si trovavano anche molti civili che hanno hanno avuto la peggio visto che 25 di loro sono deceduti.

Chi e cosa è l'ISIS: le domande e le risposte di un 16enne bergamasco -  Bergamo News

Dal 2019 nonostante l’ISIS avesse perso la battaglia militare e il suo califfato fondato nel 2014 da Abu Bakr Al Baghdadi che ad un certo punto era grande quanto il Regno Unito e dove vivevano sotto la sharia (la legge islamica) circa 8 milioni di persone, si sia sbriciolato dopo cinque anni di offensive condotte principalmente dagli Stati Uniti e dai suoi alleati regionali (in primis i curdi poi abbandonati al loro destino), piccole cellule jihadiste spesso composte da irriducibili jihadisti europei non hanno mai smesso dalle grotte del deserto siriano nelle quali si sono rifugiati, di lanciare attacchi e imboscate contro le truppe di Assad o ad istallazioni petrolifere. Tra quelli maggiormente rilevanti c’è quello dell’aprile scorso nella cittadina di al-Sukhna sita nel Governatorato di Homs, tra la città di Homs e quella di Deir el-Zor e che si trova a circa 120 km a est della zona archeologica di Palmira, dove in un’imboscata vennero uccisi 27 combattenti fedeli al governo di Damasco e alcuni miliziani iraniani. Dieci anni di guerra civile in Siria hanno portato alla morte di circa 500.000 persone e cacciato più della metà della popolazione prebellica dalle proprie case eppure Bashar Assad, carnefice del suo stesso popolo (cosi’ come suo padre prima di lui) grazie a Vladimir Putin e agli Ayatollah di Teheran, è ancora saldamente al potere e non pare intenzionato ad andarsene.

Immagine correlata
Stefano Piazza

https://www.confessioni-elvetiche.ch/

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT