martedi` 15 ottobre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il figlio di uno dei fondatori di Hamas: 'Ecco come ho deciso di stare dalla parte della libertà e di Israele'


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Corriere del Trentino Rassegna Stampa
22.06.2019 Chi è questo Yaniv Sagee e perchè diffama Israele?
Accolto con applausi a Bolzano

Testata: Corriere del Trentino
Data: 22 giugno 2019
Pagina: 8
Autore: Rosalba Cataneo
Titolo: «Bilinguismo, Bolzano ispira gli israeliani»

Riprendiamo dal CORRIERE del TRENTINO di oggi, 22/06/2019, a pag.8, con il titolo "Bilinguismo, Bolzano ispira gli israeliani" l'articolo di Rosalba Cataneo

L'unica giustificazione sul pezzo che segue è che sia stato commissionato   del locale Ufficio del Turismo, tale e tanta è la disinformazione che contiene. Il tutto, ovviamente, cosparso di buone intenzioni, la pace, la comprensione fra i popoli, con questo Yaniv Sagee che infila una serie di menzogne incredibili, una dopo l'altra.  Purtroppo sono questi gli israeliani che vengono invitati, una occasione da non perdere per raccontare il falso su Israele. C'è qualcuno a Bolzano che scriva al Corriere per smentire le bufale del signor Sagee?

Immagine correlata
un contaballe a Bolzano, come da intervista

Il sistema altoatesino di tutela delle minoranze, esempio per l'estero. Per approfondirlo, a Bolzano è giunta una delegazione israeliana per studiare l'uso delle diverse lingue negli istituti scolastici. In Israele l'80% della popolazione è ebreo e i120% arabo. «Nel nostro Paese — spiega Yaniv Sagee — gli arabi non sono riconosciuti come minoranza nazionale. Per vivere in Israele bisogna conoscere la lingua ebraica. Inoltre, per gli arabi è anche più difficile perché c'è un conflitto tra le parti». Sagee è presidente della Givat Haviva, organizza?ione che opera per creare una società condivisa in Israele, superando le situazioni di conflitto. L'associazione senza scopo di lucro ha creato un programma per l'insegnamento nelle scuole arabe della lingua ebraica, con docenti di madre lingua. «Il sistema scolastico in Israele tende molto a isolare» afferma Sagee. Non è la prima delegazione israeliana giunta in Alto Adige per approfondirne lo Statuto. «E una delegazione mista, sia araba che ebrei — dice Alberto Stenico presidente dell'associazione Antenna Cipmo — sono rimasti impressionati dalla garanzia assicurata in Alto Adige a ciascun gruppo linguistico di avere un proprio ciclo di studi completo, dall'asilo all'università, nella propria lingua madre e che ci sia l'obbligo di imparare l'altra lingua». L'associazione altoatesina, anche in passato, ha avuto scambi con Israele, e si propone di incentivare il dialogo e la convivenza tra le minoranze e maggioranze, promuovendo un percorso di cooperazione che favorisca un percorso di pace nel Medioriente e nel Mediterraneo.«Fa molto piacere essere ripresi come esempio a livello internazionale. L'aspetto della valorizzazione delle differenze e di creare condivisione è quello che li ha colpiti» commenta il vice presidente e assessore provinciale alla Scuola italiana, Giuliano Vettorato. C'è molto interesse per come si è risolta la situazione della lingua in Alto Adige. «Quello che ha colpito noi sul loro sistema scolastico è il modo in cui insistono per una società più condivisa. Su questo, devo dire, ci hanno un po' scavalcati perché si battono per avere maggiori forme di condivisione nella società coinvolgendo i diversi gruppi e rendendoli tutti protagonisti. Noi siamo più protetti, il protagonismo dei diversi gruppi linguistici è più giuridico spesso che non sociale» conclude Stenico.

Per inviare la propria opinione al Corriere del Trentino, telefonare: 0461/211309, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


redazione@corrieredeltrentino.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT