venerdi 07 agosto 2020
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

'Sono nato per odiare gli ebrei': una testimonianza sull'antisemitismo islamista in Europa (Video con sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
05.12.2019 Israele: ancora nessun accordo per il governo
Se non si trova un compromesso entro 8 giorni si andrà a nuove elezioni

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 05 dicembre 2019
Pagina: 3
Autore: la redazione di OR
Titolo: «Nessun accordo sul governo in Israele»
Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 05/12/2019, a pag. 3, la breve "Nessun accordo sul governo in Israele".


I leader dei principali partiti, Benny Gantz, Benjamin Netanyahu

Si è concluso con un nulla di fatto, ieri, l'incontro tra i leader politici israeliani Benny Gantz e Benjamin Netanyahu in un ultimo tentativo di formare un governo di unità nazionale per evitare nuove elezioni. Dopo la riunione — durata circa 45 minuti — il partito di Netanyahu, il Likud, ha attaccato il partito di Gantz, il Blu-Bianco, accusandolo di non aver accettato «concessioni importanti». «Il partito di Gantz — ha dichiarato Netanyahu — continua a rifiutare di formare un governo di unità nazionale per il veto imposto da Yair Lapid (numero 2 del partito, ndr)».

Immagine correlata
La Knesset, il Parlamento israeliano

Netanyahu — ha detto il partito di Gantz — «non ha portato nessuna proposta che prenda atto della sua situazione legale o riconosca che ha perso le elezioni, o qualsiasi altra soluzione. Nella riunione si è rifiutato di impegnarsi nel tracciare le linee di fondo del governo». In breve — si legge in una nota del partito di Gantz — «Netanyahu ha scelto le elezioni». In precedenza, la stampa israeliana aveva parlato di un possibile accordo tra Gantz e Netanyahu che avrebbe permesso al leader del Likud di mantenere la guida del governo per sei mesi, prima di passare il testimone al suo avversario. Tra otto giorni scade il termine per formare un governo che goda della maggioranza (almeno 61 deputati su 120). Se così sarà — come sembra — le nuove elezioni potrebbero svolgersi il 25 febbraio o il 3 marzo prossimi.

Per inviare la propria opinione all' OSSERVATORE ROMANO, telefonare 06/ 69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

ornet@ossrom.va

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT