sabato 23 febbraio 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel rivela la strategia per islamizzare l'America (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
30.12.2018 Ennesima vergogna del quotidiano della S.S. (Santa Sede)
Il fuoco di Israele uccide, mentre quello palestinese no

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 30 dicembre 2018
Pagina: 3
Autore: Redazionale
Titolo: «Ucciso un palestinese negli scontri al confine»

Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 30/12/2018, a pag.3á il redazionale dal titolo "Ucciso un palestinese negli scontri al confine"

Notizia giÓ uscita ieri sul confratello AVVENIRE, con lo stesso titolo, ripreso oggi sul quotidiano ufficiale della S.S. (Santa Sede). Per capire quanto sia disinformante, Ŕ sufficiente leggere il contenuto: "Un portavoce dell'esercito si Ŕ limitato a riferire che cinquemila dimostranti palestinesi si sono ammassati lungo il confine, da dove hanno scagliato sui militari ordigni esplosivi e bottiglie incendiarie." Come avrebbero dovuto reagire i soldati contro i 5.000 che lanciavano 'ordigni esplosivi' ? perchŔ non chiamarli bombe molotov?
C'Ŕ anche altro nel testo, ma Ŕ la titolazione che viene letta dalla maggior parte dei lettori, e il tono Ŕ una precisa accusa contro Israele. Ennesima vergogna del quotidiano della S.S. (Santa Sede)

áTEL AVIV, 29. Ancora violenze al confine tra Israele e la striscia di Gaza. Un palestinese Ŕ stato colpito a morte ieri sera dal fuoco di militari israeliani nel corso di disordini verificatisi al confine, nel contesto di nuove manifestazioni di protesta indette da Hamas. Lo riferiscono fonti mediche locali, secondo le quali la vittima, Karam Mohammad Numan Fayyad, aveva ventisei anni e viveva nella localitÓ di Khan Yunes, a sud della striscia di Gaza. L'esercito israeliano non ha ancora fornito una propria versione dell'accaduto. Un portavoce dell'esercito si Ŕ limitato a riferire che cinquemila dimostranti palestinesi si sono ammassati lungo il confine, da dove hanno scagliato sui militari ordigni esplosivi e bottiglie incendiarie. Due altri ordigni, legati a palloncini, sono stati lanciati da Gaza verso il deserto del Neghev. Entrambi gli ordigni sono stati disinnescati da artificieri israeliani. Questa mattina, la situazione resta molto tesa al confine. L'esercito israeliano ha elevato il livello di allerta, dislocando truppe. Intanto, secondo diversi media arabi, nella notte l'esercito israeliano ha lanciato un attacco aereo contro una postazione palestinese a est della localitÓ di Deir Al Balah, nel centro della striscia di Gaza. Non ci sarebbero stati feriti nÚ morti. La notizia Ŕ stata confermata da Israele, che ha riferito di aver bombardato una base di Hamas dopo che un razzo era stato sparato dalla Striscia contro una zona aperta a sud del territorio israeliano.

Per inviare la propria opinione all' Osservatore Romano, telefonare: 16/69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


ornet@ossrom.va

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT