sabato 22 settembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché l'antisionismo è antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Shanà tovà! Buon anno 5779 da Benjamin Netanyahu e da IC (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
11.03.2018 Perchè stupirsi se lanciando bombe molotov contro i soldati muore uno degli assalitori
Il quotidiano vaticano per una volta la racconta giusta

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 11 marzo 2018
Pagina: 3
Autore: Redazionale
Titolo: «Scontri a Hebron»

Riprndiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 11/03/2018, a pag.3  un redazionale dal titolo "Scontri a Hebron".

L'organo ufficiale del Vaticano è,curiosamente, vista l'abitudie a pubblicare veline palestiniste, l'unico quotidiano oggi a riportare i fatti come realmente sono accaduti a Hebron. C'è stata una vittima araba, ma soltanto a causa dell'assalto ai soldati israeliani a base di bombe molotov. Ometterlo, come hanno fatto la maggior parte dei quotidiani, ieri e oggi, mettendo in evidenza soltanto la vittima, è solo disinformazione.

Immagine correlata
Le immagini che i nostri media (tutti!) non pubblicano
Bombe molotov contro i soldati israeliani, per poi lamentarsi se ci scappa il morto!

TEL Aviv, 10. Un giovane palestinese è stato ucciso ieri durante scontri tra manifestanti e soldati israeliani a Hebron, in Cisgiordania. Lo hanno reso noto le autorità locali palestinesi. Secondo quanto riporta l'agenzia di stampa Wafa, Mohammad Zain Al Jabari, 24 anni, disabile, è rimasto ferito da colpi d'arma da fuoco esplosi dalle forze israeliane ed è poi morto in ospedale. L'esercito israeliano ha detto che il ragazzo colpito a morte aveva in mano una molotov. Lo ha riferito il portavoce militare israeliano, citato dal quotidiano «Haaretz». Durante gli incidenti a Hebron — ha precisato il portavoce militare — «verso i soldati sono state lanciate bottiglie incendiarie; i militari hanno sparato verso il sobillatore principale». In ogni caso, l'esercito ha riferito che è stata aperta un'inchiesta interna su quanto accaduto. Gli scontri a Hebron sono solo l'ultimo episodio di una grave escalation di violenze nella regione. Almeno trenta palestinesi sono morti durante gli scontri con i soldati israeliani dopo l'annuncio, il 6 dicembre, del riconoscimento di Gerusalemme quale capitale di Israele da parte del presidente statunitense Donald Trump.

Per inviare all' Osservatore Romano la propria opinione, telefonare: 06/69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


ornet@ossrom.va

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT