mercoledi` 17 gennaio 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Israele costruisce un ospedale in Siria (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dimostranti di Stoccolma invitano a uccidere ebrei (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
11.01.2018 'Scontri' invece di 'attentati': la realtà cambiata sull'Osservatore Romano
Continua la disinformazione contro lo Stato ebraico

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 11 gennaio 2018
Pagina: 3
Autore: la redazione di OR
Titolo: «Rabbino ucciso nei pressi di Nablus»

Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 11/01/2018 a pag.3, il redazionale con il titolo "Rabbino ucciso nei pressi di Nablus".

L'Osservatore Romano, per una volta, sceglie un titolo corretto: "Rabbino ucciso", infatti, significa che è stato assassinato, mentre di solito i quotidiani cattolici preferiscono circonlocuzioni assolutorie come "morto" o addirittura "colono morto", come se gli israeliani morissero da soli e non perché assassinati.

Il catenaccio e il testo, però, tornano a disinformare. scrivendo di generici "scontri" in West Bank. Non si tratta di "scontri", ma di attentati, violenze e uccisioni come innquesto caso, da parte araba palestinese contro israeliani. Ancora disinformazione, dunque, su OR.

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Raziel Shevach con la moglie e i figli

E’ caccia all'uomo dopo l'uccisione di un rabbino a est di Nablus. Israele ha chiuso tutti gli accessi alla città nel nord della Cisgiordania: le forze di sicurezza sono mobilitate alla ricerca dell'assassino. Il rabbino si chiamava Raziel Shevach, aveva 35 anni ed era padre di cinque figli. Secondo l'esercito israeliano, «è stato ucciso mentre viaggiava a bordo di un'auto» vicino all'insediamento Havat Gilad, a est di Nablus. Da un'altra auto, sempre secondo la ricostruzione delle forze armate israeliane, sarebbero stati esplosi diversi colpi di arma da fuoco: la pista più probabile è quella degli estremisti palestinesi in un'area in cui la tensione è da sempre molto alta e gli scontri tra coloni ebrei e palestinesi sono all'ordine del giorno. Guy Elad, dottore dell'ospedale di Kfar Saba, a Tel Aviv, ha riferito che «sono stati fatti tutti gli sforzi per salvare la vita del rabbino» ma «le ferite erano troppo profonde». L'assassinio del rabbino s'inquadra in un'escalation delle violenze in atto da diverse settimane in tutta la Cisgiordania. Scontri sono stati infatti segnalati ieri anche a Betlemme, Hebron e nei pressi di Ramallah. La tensione si è drammaticamente innalzata dopo che il 6 dicembre scorso il presidente statunitense, Donald Trump, ha annunciato il riconoscimento di Gerusalemme quale capitale dello stato di Israele e la decisione di spostare l'ambasciata da Tel Aviv. In Cisgiordania e a Gerusalemme est vivono almeno 400.000 persone negli insediamenti ebraici, dichiarati illegali dalle Nazioni Unite. Quello degli insediamenti è uno dei punti cruciali del contenzioso tra israeliani e palestinesi, i cui negoziati sono in stallo da almeno quattro anni.

Per inviare all' Osservatore Romano la propria opinione, telefonare: 06/69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


ornet@ossrom.va
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT