lunedi` 21 agosto 2017
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

I tre terrori: Iran, Turchia e Siria - la canzone ironica (Latma tv)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Menachem Begin interviene su un possibile Stato palestinese 09/08/2017
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui



L'Osservatore Romano Rassegna Stampa
13.08.2017 'Radicalismo' invece di 'terrorismo islamico': L'Osservatore Romano nasconde la realtà dietro alle parole
La stampa cattolica sempre in prima fila nella disinformazione

Testata: L'Osservatore Romano
Data: 13 agosto 2017
Pagina: 2
Autore: la redazione di OR
Titolo: «Cresce il radicalismo jihadista in Francia»

Riprendiamo dall' OSSERVATORE ROMANO di oggi, 13/08/2017, a pag. 2, la breve "Cresce il radicalismo jihadista in Francia".

Su IC abbiamo più volte discusso dell'utilizzo acritico del termine "radicalismo" per descrivere il terrorismo islamico sminuendone la natura criminale. Rimandiamo al commento di Angelo Pezzana pubblicato sulla Stampa il 29/08/2016: http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=6&sez=120&id=63575


Angelo Pezzana

Oggi L'Osservatore Romano riprende a utilizzare sistematicamente questo termine nella breve che riprendiamo. I giornali cattolici sono sempre in prima fila nella disinformazione.

Ecco la breve:


Il terrorismo islamico in sintesi

La Francia fa i conti con un aumento esponenziale delle persone radicalizzate. Solo negli ultimi due anni, coloro che sono caduti nelle maglie del radicalismo jihadista sono cresciuti del sessanta per cento, toccando una quota che l'Eliseo stima essere di 18.550 persone. Il registro messo a punto dal ministero dell'interno di Parigi contava nel 2015 11.400 persone schedate. Una preziosa banca dati per l'intelligence francese, il cui accesso è riservato a un ristretto numero di persone. La lista degli iscritti nel registro dei radicalizzati viene aggiornata continuamente grazie a informazioni provenienti principalmente dalle prefetture, dai servizi di polizia o gendarmeria e dalle segnalazioni del cittadini. Secondo le stime di giugno, i dipartimenti più radicalizzati sono l'Ile-de-France, le Bouches-du-Rhône, il Rhône e le Alpi Marittime; mentre da un punto di vista demografico il 16 per cento degli schedati è minorenne e il 26 di sesso femminile.

Per inviare la propria opinione all' Osservatore Romano, telefonare 06/69883461, oppure cliccare sulla e-mail sottostante 


ornet@ossrom.va
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT