mercoledi` 14 aprile 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il doppio standard delle Nazioni Unite contro Israele: le parole di Hillel Neuer (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
03.03.2021 La politica di Mohammed bin Salman e le scelte di Joe Biden, l'attacco contro Renzi sul Fatto Quotidiano
Analisi di Carlo Panella, la disinformazione di Barbara Spinelli

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 03 marzo 2021
Pagina: 1
Autore: Carlo Panella - Barbara Spinelli
Titolo: «La politica di Mohammed bin Salman e le scelte di Joe Biden - La trappola saudita e le bugie di Renzi»
Riprendiamo oggi da LINKIESTA, l'articolo di Carlo Panella dal titolo "La politica di Mohammed bin Salman e le scelte di Joe Biden"; dal FATTO QUOTIDIANO, a pag. 21, l'articolo di Barbara Spinelli dal titolo "La trappola saudita e le bugie di Renzi".

Ottimo l'approfondimento di Carlo Panella, mentre Barbara Spinelli scrive un pezzo di condanna senza appello nei confronti di Renzi e di MbS, colpevole a suo dire dei peggiori crimini. Ma Spinelli perde ogni credibilità perché non cita neppure la minaccia iraniana, vera bomba a orologeria in seno al Medio Oriente. E' evidente a tutti che l'Arabia Saudita non sia una democrazia, ma è giusto apprezzare il percorso di modernizzazione e apertura all'Occidente cominciato da MbS, anche a fronte della comune minaccia di Teheran.
Come sempre viene ignorata la verità, nessuno stato islamico è democratico, l'Arabia Saudita non fa eccezione. L'accusa non prende in considerazione la radice, che ha un nome: islam. Lo si tira in ballo se di mezzo c'è uno stato che, guarda caso, è al centro del 'Progetto Abramo'. La controfigura di Obama non aspettava altro. E con lui la UE.

Ecco gli articoli:

La politica di Mohammed bin Salman e le scelte di Joe Biden
Analisi di Carlo Panella

Immagine correlata
Carlo Panella
Giornalista, scrittore, autore de “Il libro nero del Califfato”

Risultati immagini per Mohammed Bin Salman
Mohammed
Bin Salman

Incomprensibile Joe Biden: accusa di omicidio Mohammed bin Salman (detto Mbs) principe ereditario saudita, quindi prossimo re, e poi… fa finta di nulla. Non prende nessun provvedimento, nessuna sanzione contro di lui ma sanziona tutti i suoi collaboratori nell’intelligence. La contraddittorietà fa imbestialire i giornali liberal americani, dal Washington Post al New York Times ed è effettivamente stridente: se sei il presidente americano e accusi un capo di Stato, quale è di fatto Mbs, di un omicidio efferato, come fu quello di Jamal Khassogi, non puoi continuare ad avere rapporti con lui come se nulla fosse. Ma questo ha deciso e farà Joe Biden. Né si può ipotizzare, come qualcuno ha fatto, che con questa mossa Biden tenti di favorire un regime change a Ryad. Mohammed bin Salman non solo ha imprigionato e comunque eliminato tutti i pretendenti al trono della famiglia reale, non solo è un alleato indispensabile degli USA in Medio Oriente perché è egemone su tutti i paesi del Golfo, ma è anche l’ispiratore di quegli Accordi di Abramo che puntano a creare una enorme area di mercato e un nuovo potente soggetto geopolitico imperniato sull’ alleanza stretta, politica ed economica tra Israele e i paesi arabi. Accordi di Abramo che l’amministrazione Biden ha salutato con pieno favore e che intende favorire. Ma non basta. Mohammed bin Salman è il promotore di un poderoso progetto, “Vision 2030”, che punta a sottrarre l’Arabia Saudita dalla dipendenza da petrolio e a investire centinaia, migliaia di miliardi di dollari per lo sviluppo di una economia saudita in un futuro prossimo basata su Hi Tech, industria, servizi e persino turismo. Progetto che coinvolge nel finanziamento e nell’implementazione tutte le grandi Mayor americane. Dunque, Mohammed bin Salman, con indubbia spietatezza e astuzia è inamovibile dal suo ruolo egemone in tutto il Golfo, leader infine di quella “trincea sunnita” (ora anche a difesa di Israele) contrapposta all’espansionismo iraniano che l’amministrazione Biden intende contenere e contrastare. Sia pure con metodi e passi opposti a quelli di Donald Trump. Ma allora si torna alla domanda iniziale: il caso Khassogi era stato chiuso da Trump e da un processo (probabilmente farsa) tenuto a Ryad. Perché Biden ha voluto riaprirlo ora, praticamente a freddo senza però trarne le conseguenze dovute, obbligate? L’unica risposta plausibile, essendo nulle tutte quelle geopolitiche, è di tipo ideologico. Dopo il trauma della guerra del Vietnam e in reazione alla cinica politica di Kissinger in Cile e in America Latina, i Democratici americani hanno sviluppato un forte culto del rispetto dei Diritti Umani, in continuità con la politica di contrasto alla segregazione razziale nei confronti degli afroamericani, sul piano interno, avviata da Kennedy e soprattutto da Lindon Johnson. Jimmy Carter nel 1978 minò inconsapevolmente il regime dello Sciá Reza Pahlevi attaccandolo ferocemente su questo piano. Barack Obama motivò nel 2011 la sciagurata decisione di abbattere il regime di Mohammed Gheddafi in Libia, proprio con la violazione dei diritti umani e ora, tutta l’ala sinistra dei Democratici è più che sensibile a questo tema. Dunque, Joe Biden ha voluto riesumarlo per dare una caratterizzazione alla sua Amministrazione, all’interno di una logica che lo ha portato a una ferma condanna della Cina, espressa addirittura nella sua prima telefonata con XI Jin Ping, per le violazioni dei diritti umani a Hong Kong e nella Xing Kiang nei confronti degli uigiuri. Ma non è inusuale che un eccesso di ideologia provochi disastri in politica. E il comportamento schizofrenico di Biden nei confronti di Mohammed bin Salman ne è una prova.

IL FATTO QUOTIDIANO - Barbara Spinelli: "La trappola saudita e le bugie di Renzi"

Risultati immagini per barbara spinelli ebreo discolpati
Barbara Spinelli

Nelle stesse ore in cui il governo Conte annunciava il blocco permanente delle vendite di armi all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti, il senatore Matteo Renzi volava a Riyad, quasi volesse rassicurare un partner così ingiustamente sanzionato. Era i129 gennaio, e la crisi di governo scatenata dal capo di Italia Viva era in pieno corso. La carriera politica di Renzi è sporcata da questa visita: sia per quello che il senatore ha taciuto nella Capitale saudita (la guerra per procura che Sauditi ed Emirati conducono in Yemen; l'assassinio del giornalista Jamal Khashoggi) sia per quello che ha detto, adulando in televisione il principe ereditario Mohammad bin Salman (il "nuovo Rinascimento" incarnato dal "grande principe"; l'invidia per un costo del lavoro così meravigliosamente basso). Renzi sapeva che il governo di cui era parte fino al 13 gennaio aveva deciso l'embargo sulle armi. Sapeva che il principe è il mandante dell'omicidio-smembramento di Khashoggi (2 ottobre 2018). Il rapporto della Cia che lo conferma è uscito in questi giorni, ma già nel giugno 2019 l'Onu ne aveva pubblicato uno simile. Gli 80mila dollari che il senatore ed ex presidente del Consiglio riceve annualmente dai sauditi - in qualità di membro dell'istituto Future lnvestment lnitiative, emanazione della monarchia - non saranno illeciti, ma non cessano di far scandalo. Nei prossimi mesi o anni sapremo se il governo Draghi cambierà politica sull'Arabia Saudita. Se l'Italia si allineerà alle posizioni di Parigi e Londra, che continuano il loro commercio di armi con Riyad e Abu Dhabi, o se seguirà l'esempio dei governi che come Conte hanno applicato l'embargo: Germania in primis, oltre a Belgio, Danimarca, Finlandia, Grecia, Olanda. Anche il presidente Joe Biden ha deciso di sospendere, sia pure provvisoriamente e parzialmente, le ingenti forniture d'armi garantite da Trump. I motivi dei vari embarghi sono due: l'assassinio di Khashoggi e la guerra iniziata dai sauditi nel 2015, con l'appoggio diretto statunitense e quello indiretto israeliano. Guerra che continua a seminare migliaia di morti fra i civili e che è sfociata in un disastro umanitario di proporzioni gigantesche (più di 24 milioni bisognosi di aiuto umanitario: l'80 per cento della popolazione). Fin dal 2018 il presidente Conte aveva deciso di revocare le esportazioni di missili e bombe a Arabia Saudita ed Emirati: "Adesso si tratta solo di formalizzare questa posizione e di trarne le conseguenze", diceva nella conferenza di fine anno, in risposta a una domanda concernente la vendita di armi e l'assassinio di Khashoggi. Una decisione costosa per le industrie italiane degli armamenti, accolta con entusiasmo dalle associazioni umanitarie e di sicuro mal vista dai commercianti d'armi. Veniva infatti annullato, e non semplicemente sospeso, l'accordo di forniture che il governo Renzi aveva negoziato nel 2016, per un totale di 400 milioni di euro (la fonte è la Rete Italiana Pace e Disarmo). Nonostante le conferme che vengono dalla Cia sulle responsabilità dirette di Bin Salman nell'assassinio di Khashoggi (un giornalista inizialmente favorevole alle riforme del principe) Renzi non fa autocritiche. Aveva promesso di spiegare subito dopo la crisi politica i motivi delle parole dette a Riyad, e dopo parecchi giorni è ricorso a un'intervista a sé stesso, senza senso del ridicolo, seguita ieri da un'intervista al Giornale. Nessuna marcia indietro: "intrattenere rapporti" con l'Arabia Saudita "non solo è giusto, ma è anche necessario. L’Arabia Saudita è un baluardo contro l'estremismo islamico ed è uno dei principali alleati dell'Occidente da decenni. Anche in queste ore - segnate dalla dura polemica sulla vicenda Khashoggi - il presidente Biden ha riaffermato la necessità di questa amicizia in una telefonata al Re Salman". In parte quel che dice è un'ovvietà: si possono avere "rapporti" con il regime saudita, dittatoriale come tanti altri nel mondo. Ma in questione sono le vendite di armi, non i rapporti diplomatici. In parte Renzi mente spudoratamente (assieme al ministro di Italia Viva Elena Bonetti): l'Arabia Saudita non è affatto "un baluardo contro l'estremismo islamico" (immagino e spero che Renzi alluda al terrorismo e non all'estremismo: simili svarioni lessicali sono inquietanti perché adottano il vocabolario dei monarchi sauditi e di Donald Trump). Erano sauditi gli attentatori dell'11 settembre, come lo erano i fondatori dell'Isis. Riyad è un baluardo peri sunniti che contendono all'Iran sciita il primato nel grande Medio Oriente. È un baluardo per il governo israeliano, che per anni ha premuto su Washington perché uscisse dall'accordo sul nucleare e attaccasse militarmente l'Iran. Renzi mette il piede nella trappola del Grande Gioco mediorientale e adopera il linguaggio di Trump, di Jared Kushner genero dell’ex presidente, di Mike Pompeo, fautori di un patto militare con Riyad. Difficile credere che non sappia quel che fa. Che non abbia letto neanche un articolo di Khashoggi sul Washington Post. Non meno inquietante è la disinvoltura con cui il capo di Italia Viva vive il proprio ruolo di ex presidente del Consiglio e senatore. Nella carica che ricopre rappresenta l'Italia, quando si reca in Paesi autoritari. È davvero singolare che non capisca la differenza esistente fra una visita diplomatica e una visita pagata, che culmina in smaccati esercizi di cortigianeria verso un principe ereditario sospetto di assassinio e responsabile in Yemen di una guerra di sterminio dei civili. Ma probabilmente Renzi si sente sicuro, convinto com'è che non sia questo il momento di far traballare la grande alleanza in via di costruzione fra Israele, Arabia Saudita e gli altri Stati del Golfo, in funzione anti-iraniana. Macron la pensa come lui, i neo-conservatori in Nord America pure, repubblicani o democratici che siano. I deputati che nel Parlamento europeo fanno capo al presidente francese (il gruppo Renew Europe, compreso l'ex ministro per gli Affari europei Sandro Gozi) si sono recentemente astenuti su una risoluzione che chiede il blocco di tutte le vendite di armi a Riyad. Infine, è probabile che Renzi non potesse dire altro, una volta invitato a intervistare pubblicamente il principe ereditario. L'unica via per evitare lo scandalo era di rifiutare l’invito, e non prender più soldi dalla monarchia. Renzi non ne è stato capace, e i veri motivi di quest'incapacità restano oscuri, nonostante i soliloqui in Internet e le numerose interviste concesse fuori Italia.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT