giovedi` 12 dicembre 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Il negazionismo nel mondo arabo (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
01.08.2019 Nell'Area C (a controllo israeliano) vivono ebrei e arabi, nell'Area A (a controllo dell'Anp) solo arabi: come mai?
Le omissioni del Fatto e il doppio standard di giudizio contro Israele

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 01 agosto 2019
Pagina: 18
Autore: la redazione del Fatto Quotidiano
Titolo: «Cisgiordania, altre 6000 case»
Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 01/08/2019, a pag.18, la breve "Cisgiordania, altre 6000 case".

Dalla breve del Fatto manca un elemento essenziale per capire la realtà nei territori contesi. Come mai nell'area a controllo esclusivo arabo palestinese (A) non è ammessa la presenza di ebrei, e a maggior ragione di case da loro abitate? Nella zona sotto il controllo israeliano (C), invece, vengono edificate sia case per israeliani sia per arabi palestinesi. Perché il Fatto non fa notare questa disparità di situazioni, preferendo invece il doppio standard di giudizio che indica costantemente in Israele il responsabile di ogni crimine?

Ecco la breve:

Immagine correlata


II governo ha autorizzato 6.000 case per gli israeliani che vivono nell'area C, assieme a 700 per i palestinesi. L'Area C della Cisgiordania è sotto controllo di Tel Aviv e la decisione di nuove costruzioni è la prima degli ultimi quattro anni. Alcuni analisti hanno interpretato la decisione come una mossa elettorale del premier Netanyahu; quest'ultimo durante una visita a Ef rat, vicino Betlemme, dove sono in programma 1.000 costruzioni, ha detto che a Efrat "ne costruiremo altre 8.000". Su twitter Netanyahu ha polemizzato con i rivali Benny Gantz e Yair Lapid (partito Blu-Bianco) ed Ehud Barak (Campo democratico). "Le prossime elezioni saranno fra chi come me ha resistito a pressioni enormi per difendere la Terra d'Israele, e Gantz, Lapid e Barak che rinunceranno alla terra patria, sgombereranno insediamenti e metteranno in pericolo il Paese".

Per inviare al Fatto Quotidiano la propria opinione, telefonare: 06/ 328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT