lunedi` 24 giugno 2019
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Brigitte Gabriel all'Onu difende gli ebrei e Israele sotto attacco (Sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
08.06.2019 Continua lo sbianchettamento del filosofo nazista Martin Heidegger
Adesso tocca a Emanuele Severino, intervistato da Silvia Truzzi

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 08 giugno 2019
Pagina: 20
Autore: Silvia Truzzi
Titolo: «Come fu che Martin Heidegger studiò la mia tesi di laurea»

Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 08/06/2019, a pag.20/21 con il titolo "Come fu che Martin Heidegger studiò la mia tesi di laurea" l'intervista di Silvia Truzzi a Emanuele Severino

A destra: Locandina con Emanuele Severino
Brescia, convegno per sbianchettare il
filosofo di Hitler

Immagine correlataImmagine correlata
Gianni Vattimo, Donatella Di Cesare

Dopo i diffusori ufficiali del filosofo di Hitler in Italia, Gianni Vattimo e Donatella Di Cesare, che è addirittura stata vice presidente della Fondazione tedesca creata per onorare la memoria del nazistone, ecco un nuovo tentativo di riabilitazione con Emanuele Severino. L'intervista di Silvia Truzzi è un pasticcio dove tutto si mescola, tra un Severino che si racconta come un piccolo genio con la libera docenza a 21 anni, mentre a 16 leggeva in tedesco Essere e Tempo con l'aiuto di un maestro che gli raccontava aneddoti su Hitler. Severino, eminente figura del pensieto cattolico, dà una mano alla riabilitazione di Heidegger, un nazista fortunato, a cominciare dalla sua allieva-amante Hannah Arendt, che testimoniò in sua difesa salvandolo da un processo con relativa condanna.
Sotto a chi tocca, chi sarà il prossimo che ci racconterà che brava persona era l'antisemita Heidegger?

Immagine correlata
Martin Heidegger

Ecco l'intervista:
Immagine correlata
Silvia Truzzi

 Nei Pensieri Leopardi - che in questa casa è così di casa da avere una stanza a lui solo dedicata - spiega: "Quasi tutti i grandi uomini sono modesti, perché si paragonano continuamente, non cogli altri, ma con quell'idea del perfetto che hanno dinnanzi allo spirito". L'infinito compie 200 anni, splendidamente portati; il nostro ospite, che tanto si è occupato di eterno, non è da meno, avendo da poco oltrepassato il ragguardevole traguardo dei 90 anni.
Per festeggiare Emanuele Severino alcuni dei suoi allievi, tra cui Ines Testoni e Giulio Goggi, hanno organizzato un convegno a Brescia (dal 13 al 15 giugno) sui rapporti trail filosofo bresciano e Martin Heidegger. Il padre di Essere e tempo ha riflettuto sul pensiero di Severino dalla fine degli anni Cinquanta: una prima nota reca la data 1958, altre risalgono alla fine degli anni Sessanta.
Ma tutto comincia nel 1948 quando il giovanissimo Emanuele mette mano alla sua tesi di laurea. Titolo: Heidegger e la metafisica. Lavoro che viene subito pubblicato e che il "il pastore dell'essere" leggerà anni dopo: ed èqui che ci mette lo zampino la leopardiana modestia di cui sopra.
Professore, perché non ha mandato a Heidegger la sua tesi?
Ero un ragazzo, per carattere non sono uno che si promuove. Erano anche altri tempi, non usava.
A quei tempi il filosofo tedesco era poco conosciuto in Italia.
Non conosciuto come meritava. A 19 anni ho dovuto fare i conti con Sein und Zeit.
Il tedesco lo conoscevo perché al liceo andavo a lezione di tedesco da un gesuita: Padre Auer. E Padre Auer conosceva Hitler. Ricordo che mi raccontava i contorcimenti di Hitler quando le cose non andavano come voleva lui.
Come ha fatto a prendere la libera docenza a 21 anni?
Mi sono laureato giovane, avevo saltato la prima liceo. Dopo la guerra c'era voglia di fare tutto subito. Nell'inverno del 1950 Esterina, che l'anno dopo sarebbe diventata mia moglie, vide sul Corriere una noticina in cui si diceva che quell'anno poteva partecipare al concorso di libera docenza anche chi era laureato da meno di cinque anni. Io avevo pubblicato il libro su Heidegger e durante l'università anche Note sul Problematicismo italiano. E quel peccato di gioventù che era La coscienza. Pensieri per un'Antifilosofia...
Stiamo sempre parlando di un ragazzo di diciannove anni...
No, lì ne avevotre di meno, ne avevo sedici e mezzo.
Quando ha deciso di studiare filosofia?
Mio fratello, morto alpino nell'ultima guerra, era normalista a Pisa e aveva come docenti Gentile, Carlini Russo e Calogero. A casa parlava dei suoi studi, io lo adoravo. Quindi direi che il mio primo contatto con la filosofia è stato con quanto mio fratello diceva di Gentile echemi sembrava estremamente intelligente, anche se capivo poco.
Era un bimbo!
Si, sì, ero un bimbo. Intuivo che poi, quando sarei andato al liceo, avrei capito di più. Ma quando dovetti decidere cosa fare ero indeciso tra fisica, matematica e filosofia. Si sa com'è andata... Torniamo a Heidegger: come sappiamo che legge la sua tesi nel '58?
In occasione del convegno di Brescia mi ha scritto Friedrich-Wilhelm von Herrmann, illustre cattedratico dell'Università di Friburgo, e di cui è assistente il professor Francesco Alfieri dell'Università lateranense, che possiede le chiavi dell'archivio e di queste note inedite di Heidegger che saranno pubblicate. In questa lettera spiega - le leggo - che il mio nome era "costantemente presente nella mente di Martin Heidegger", quando negli anni Sessanta lui era l'assistente di Eugen Fink prima e dello stesso Heidegger poi. "Durante i suoi incontri con il fratello Fritz, Heidegger parlava spesso di Emanuele Severino e anche il figlio di Fritz, il reverendo Heinrich Heidegger, ricorda molto precisamente quelle menzioni, perché partecipava spesso agli incontri tra i due fratelli".
Nella lettera von Herrmann le scrive: "La sua lettura autonoma di Heidegger e la fluidità del percorso delle sue ricerche fanno di lei un maestro".
Molto lusinghiero.
Decisamente: al convegno le consegneranno perfino la traduzione di una sua opera in cinese. Ma andiamo avanti: anche il nipote di Heidegger le ha scritto una lettera molto affettuosa in cui racconta di come zio Martin parlava di lei, di quanto era impressionato dal modo in cui lei interpretava i suoi testi.
Dice che anche il padre Fritz, che aiutava il fratello trascrivendo a macchina i suoi manoscritti, ripeteva spesso il mio nome.
"Spero - aggiunge il reverendo Heidegger -che Lei un giorno verrà a trovarmi qui a Meßkirch". Ci andrà?
No: io ho appena compiuto 90 anni, e lui ha la mia stessa età. Gli ho risposto così: "Caro reverendo, grazie per l'invito ma credo che sarà difficile, comunque ci incontreremo... in quella che io chiamo Gioia". Gioia è quello che si apre con la morte, morire vuol dire entrare nella Gioia.
Si è fatto un'idea del perché Heidegger è stato colpito dalla Sua interpretazione?
Ho studiato a Pavia, con un grande maestro, Gustavo Bontadini. Il quale aveva interpretato Gentile non come chiusura alla metafisica classica, ma come un pensatore che indipendentemente dalle sue convinzioni apriva la porta a tale metafisica. Ho creduto in quel periodo che lo si dovesse dire in modo ancorapiù adeguato di Heidegger; cioè che anche Heidegger non fosse da intendere come un filosofo che, alla Nietzsche, afferma la morte di Dio, ma come un filosofo che - lo dice esplicitamente, ad esempio, in Essere e Tempo - intende indagare la base a partire dalla quale si può costruire una metafisica.
Torniamo a Gentile, un filosofo che l'ha influenzata moltissimo: quanto lo ha danneggiato l'adesione al fascismo?
Immensamente, è stata un pretesto per non studiarlo. Intanto diciamo che era il fascismo a essere gentiliano: quando pensava, il fascismo, pensava attraverso Gentile. Faceva, anche, e purtroppo faceva male. Ma quando si metteva sul piano culturale, l'orizzonte era Gentile. È Gentile che ha scritto la voce "Fascismo" sulla Treccani. Gentile è pressoché ignoto nel mondo anglosassone: c'è un motivo. Abbiamo perduto una guerra in un modo indecente. Abbiamo avuto il Partito Comunista più forte dell'Occidente, infastidendo notevolmente il mondo capitalistico. Tutti questi sono fattori che ci hanno resi antipatici al resto del mondo.
Anche su Heidegger ha pesato la macchia dell'antisemitismo e del nazionalsocialismo.
Il fascismo è stato un pretesto per non studiare all'estero l'italiano Gentile, ma non ha impedito l'affermazione internazionale del tedesco Heidegger. Era un tedesco e i tedeschi contano di più all'estero degli italiani.
La "moda" politicamente corretta per cui non bisogna studiare un filosofo perché fascista, o non leggere Céline per le stesse ragioni, che fondamento ha?
Mi sembra una sciocchezza. Quando Heidegger scrive quelle frasi antisemite, le scrive nel contesto di una critica all'intero atteggiamento metafisico quale si è andato di fatto realizzando, e che invece egli vuole ripensare. Le critiche che rivolge agli ebrei son le stesse che rivolge al cristianesimo, ad Aristotele, alla tecnica moderna, alla dimenticanza dell"`Essere". E quindi non è che sia caratterizzato dal suo antisemitismo. Così come nel mio discorso filosofico non è che l'avversario sia il cristianesimo: il cristianesimo appartiene a una dimensione in cui i vari protagonisti hanno in comune qualche cosa di essenziale, cioè la fede nel diventare altro delle cose, la fede nella storicità delle cose del mondo.
Secondo lei perché questi tabù si ripresentano periodicamente come stigma? Volersi rifare una verginità storica, facendo finta per esempio che tutta la colpa sia stata del duce e del re, è un modo per non fare i conti con il passato e per legittimare il "fascismo eterno" di Eco. Ma non ogni forma di intolleranza è fascismo.
Certo. Ma non parlerei di periodicità. Il nostro è un tempo interessante anche perché è un unicum. Stiamo abbandonando la tradizione. Ma la tecnica destinata al dominio non si è ancora fatta innanzi. In questa fase intermedia anche il livello di intelligenza della gente ne risente. Nel Settecento i servi origliavano alla porta delle sale dei padroni dove si eseguivano Mozart e Haydn. Stavano lì a sentire. Se adesso pensiamo che il corrispettivo di Mozart e di Haydn è la musica pop e che la gentev a in estasi per la musica pop, ecco, è accaduto qualcosa di profondo. Certo, le condizioni di vita del servo del Settecento erano pessime, ma allora anche i re, se avevano mal di denti, non se la passavano bene. Però l'abbandono della tradizione, di quella tradizione che può dire alla tecnica "guarda che tu non puoi fare tutto quello che sei capace di fare", provoca uno stato di decadenza e di smarrimento che giustifica anche i fenomeni di cui parlava lei. La superficialità del nostro tempo ha ragioni profonde.
Resta il fattoche una parte di opinione pubblica ritiene che si prospetti un regime parafascista. Ma un fenomeno storico può essere utilizzatocome contenitore di tutte le malvagità? Qualunque, anche eventuale, restrizione di libertà si può dire fascismo?
Ha detto u na cosa molto interessante. Vorrei osservare che il mondo diventa sempre più pericoloso per i popoli ricchi perché i poveri vogliono vivere, vogliono mangiare e quindi tendono ad andare dove ci sono risorse e benessere. Questo è in qualche modo inevitabile dal punto di vista dei popoli poveri, ma è altrettanto inevitabile che i popoli ricchi si sentano minacciati nei loro privilegi e che mettano sbarramenti, e quindi limitazioni alle libertà che, per esempio, renderebbero più agevole un fenomeno come l'immigrazione. E inevitabile che si vada verso una restrizione della libertà. È però inevitabile che non si vadaverso una restrizione di tipo politico ma verso una restrizione di tipo tecnico-razionale della libertà; e altro è un dittatore politico, altro è una dittatura della ragione scientifica, la quale pensa soprattutto all'incremento della potenza come tale, e non al potenziamento di una casta o di un'ideologia .
La domanda riguardava i fenomeni storici: si ripresentano, sono reiterabili, semplicemente perché se ne ravvisano alcune tracce? Lei vede similitudini con la Germania di Weimar o l'Italia pre-mussoliniana?
Anch'io parlavo di un grande fenomeno storico, che è il contenitore di quelli più particolari e per il quale è fuori luogo parlare di analogie con la Germania di Weimar o con l'Italia pre-mussoliniana. Ho scritto da qualche parte che la politica vincente è quella che si rende conto della fine della politica. Ora una delle forme più invasive della politica, in cui la politica è strapotente rispetto a una politica di tipo democratico, è proprio la politica delle dittature, come quella fascista o nazionalsocialista. Se e poiché si sta andando verso il tempo della dominazione della tecnica, allora un atteggiamento politico che non veda questa destinazione della tecnica al dominio e invece rafforzi il carattere politico del proprio agire è destinato al fallimento. Sarebbe come se ci si trovasse su un treno che va a Roma e sul treno ci fossero dei passeggeri che credono di stare andando a Berlino. Credo di essere uno dei pochi, oggi, che considera criticamente la politica, perché in genere prevale un'ansia di rivendicare il carattere autenticamente politico rispetto alle sue degenerazioni totalitarie. Laddove no, è la politica in quanto tale a esser destinata al tramonto.
Lei ha detto al premier Conte, che è venuto qui a trovarla, "io ritengo che il suo governo sia di fatto un governo tecnico". Lui non era molto d'accordo, in effetti.
Ma dopo il suo messaggio alla stampa del 4 giugno si è abbondantemente parlato del carattere tecnico della sua presidenza! Quando ci incontrammo qui a casa mia, egli per "governo tecnico" intendeva un governo come quelli che ci sono stati in Europa e in Italia (cioè governi pur sempre inscritti nel sistema capitalistico), mentre io intendevo che quei governi erano e sono un vago presagio della gestione tecno-scientifica della società. In altri termini, quando parlo di destinazione della tecnica al dominio non mi riferisco alla necessità che in futuro vi siano governi alla Monti. La tecnica del futuro destinata a prevalere è una tecnica che sente la voce della filosofia del nostro tempo, la quale dice: non esistono assoluti, dimensioni eterne, quindi non esistono limiti all'azione, e pertanto tu, tecnica, puoi andare avanti senza inchinarti alla saggezza tradizionale, che invece mette in guardia ammonendo che non tutto quello che si può fare è lecito fare. Oggi, invece, la tecnica domina ancora soltanto di fatto, non di diritto: la sua potenza è soltanto una pre-potenza.
La scienza triste, l'economia, ha un'importanza enorme nelle nostre vite e nel dibattito pubblico. Le nozioni economiche sono un nuovo vangeloespessosono utilizzate come una clava sul cittadino che non ha strumenti. Forse è già successo che la tecnica domina.
Oggi non è la tecnica a dominare, ma, come dicevo, è l'economia capitalistica che si serve della tecnica. La tecnica destinata al dominio è invece quella che, avendo come scopo l'aumento indefinito della potenza, si serve dell'economia, e può servirsi anche dell'economia capitalistica. In Cina si sono incamminati in questa direzione. Ma attenzione: nemmeno l'autentica dominazione della tecnica ha l'ultima parola.

Per inviare la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare: 06/328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfattoquotidiano.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT