sabato 22 settembre 2018
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Invia ad un amico
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Perché l'antisionismo è antisemitismo (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Shanà tovà! Buon anno 5779 da Benjamin Netanyahu e da IC (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)
Per consultare l'archivio Video
CLICCA QUI


Clicca qui





Hai già visitato il sito SILICON WADI?


Clicca qui






Il Fatto Quotidiano Rassegna Stampa
13.03.2018 Il declino già scritto del dittatore Abu Mazen
Il commento omissivo di Fabio Scuto

Testata: Il Fatto Quotidiano
Data: 13 marzo 2018
Pagina: 14
Autore: Fabio Scuto
Titolo: «Il tappo al vulcano. Faida a Ramallah sul dopo Abu Mazen»

Riprendiamo dal FATTO Quotidiano di oggi, 13/03/2018 a pag.17 con il titolo "Il tappo al vulcano. Faida a Ramallah sul dopo Abu Mazen" il commento di Fabio Scuto.

Fabio Scuto descrive la parabola discendente di Abu Mazen, ma omette di scrivere che il suo dominio sulla Anp in questi anni ha assunto la forma di una vera e propria dittatura, in assenza totale di elezioni.
Altra omissione di Scuto a proposito di Mohammed Dahlan, appoggiato da Egitto e Arabia Saudita ma - e questo Scuto non lo scrive - visto con un certo favore anche da Israele, che in questi ultimi anni ha visto convergere con i Paesi arabi sunniti pragmatici alcuni interessi di sicurezza.
Di conseguenza, la figura di Abu Mazen come emerge dal pezzo di Scuto è ripulita da tutti gli aspetti di estremismo e dittatura.

Immagine correlata
Mohammed Dahlan

Ecco l'articolo:

Immagine correlata
Fabio Scuto

Immagine correlata
Abu Mazen

La cosa più difficile per un leader è capire quando il tuo tempo si è compiuto. Intercettare quei segnali, spesso inequivocabili, che indicano il tramonto, la fine di un'era politica. Il Medio Oriente non è diverso dall'Europa in questo e anche qui a Ramallah finalmente qualcuno se ne è accorto". Benché celata nel linguaggio criptico palestinese, la rivelazione di un alto funzionario dell'Autorità palestinese è chiara: il presidente Abu Mazen si presenterà dimissionario alla sessione del Consiglio nazionale palestinese convocato per il 30 aprile. Il massimo organismo palestinese che non si riuniva dal 1996. Abu Mazen chiederà ai 700 membri del Cnp di scegliere un successore in grado di prendere in mano le redini dell'Anp e affrontare le sfide attuali: la morte del processo di pace di Oslo, la riunificazione con Gaza, le conseguenze delle decisioni d i Trump che stanno mettendo le ambizioni palestinesi di uno Stato nel dimenticatoio e, appena oltre i confini, la "tempesta" che dilania la Siria, avvolge il Libano, minaccia la Giordania. Sfide per le quali serve uno slancio, un'energia che Abu Mazen - a fine mese compirà 83 anni - sente venire meno. Negli ultimi mesi c'è stato un chiaro deterioramento della salute e nonostante le smentite di rito - "sono voci per creare confusione", chiosa come un funzionario russo ai tempi dell'Urss Ahmad Majdalani, membro anziano del Cnp. "Il presidente non dorme abbastanza e per questo appare molto stanco", sostiene il suo portavoce ufficiale. In febbraio il presidente palestinese è stato ricoverato alcune ore al John Hopkins d i Baltimora per un mancamento durante la visita negli Usa. Al rientro è tornato per dei controlli nell'ospedale di Ramallah, dove era già stato per qualche giorno nel luglio 2017. Test di routine, continuano a dire i suoi. Gli esami negli Usa avrebbero invece rivelato un serio problema medico all'apparato digerente in fase avanzata.

ABU MAZEN ha comunque ridotto le ore di lavoro alla Muqata e le persone intorno a lui dicono che ultimamente sembra più irascibile e polemico con assistenti e funzionari dell'Anp. Nonostante la crisi politica, la cooperazione di sicurezza fra Stato ebraico e Anp sta funzionando bene. Ma Israele si sta preparando alla possibilità che il continuo peggioramento delle condizioni di Abu Mazen intensifichi le guerre di successione dentro l'Autorità palestinese e minacci la relativa stabilità che ora prevale in Cisgiordania. Le agenzie di sicurezza dell'Anp stanno continuando a coordinarsi strettamente con le Forze di Difesa israeliane e il servizio di sicurezza Shin Bet per prevenire atti di terrorismo. Ma è come stare seduti su un vulcano. Israele teme l'instabilità, che le tensioni interne incidano sul grado con cui i servizi di sicurezza dell'Anp saranno in grado di prevenire attacchi contro l'Idf o contro i coloni in Cisgiordania. Su questo sfondo è iniziata la battaglia fra i contendenti che sperano di succedere ad Abu Mazen. Ci sono quasi dieci fra politici palestinesi e capi della sicurezza che si sentono pronti e potrebbero nascere anche alleanze fra alcuni di loro nel tentativo di conquistare la leadership dell'Anp. Giovani Leoni e Vecchia Guardia. In pista ci sono nomi di peso della galassia palestinese. Nasser Al Kidwa, nipote di Yasser Arafat, ex ministro ed ex ambasciatore all'Onu. Mohammed Dahlan, potente ex delfino di Arafat, ora rifugiato nel Golfo Persico, sostenuto anche da Egitto e Arabia Saudita.Jbril Rajoub, attuale presidente del Comitato Olimpico palestinese ed ex capo dei servizi segreti in Cisgiordania. Il generale Majdj al Faraj, attuale capo della "Preventive Security" palestinese. Ma se le indiscrezioni che si raccolgono a Ramallah sono veritiere, è un veterano di Al Fatah il candidato principale alla successione di Abu Mazen. È Mohammed al-Aloul, 68 anni, nominato il mese scorso vice-presidente di Fatah. Appartiene alla Vecchia Guardia e ha ricoperto in passato diversi incarichi delicati nel movimento palestinese, di quelli poco pubblicizzati ma noti alla comunità dell'intelligence. Suo figlio maggiore, Jihad, venne ucciso negli scontri con l'Idf durante la seconda Intifada. Come Abu Mazen è convinto che gli Usa non siano più qualificati per agire da mediatori onesti in qualsiasi processo di pace con Israele. Al Aloul potrà garantire il controllo della Vecchia Guardia dell'Olp sul processo decisionale palestinese e sul panorama politico. Ma lotta per la successione è aperta e si annuncia senza esclusione di colpi. L'unica cosa certa è che il successore di Abu Mazen non sarà scelto attraverso elezioni libere come avvenne per lui quando venne eletto - ma da funzionari di Fatah e dell'Olp a Ramallah. Con Gaza nelle mani di Hamas non è possibile organizzare nessuna consultazione elettorale credibile.

Per invire la propria opinione al Fatto Quotidiano, telefonare:06/328181, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfattoquotidiano.it

Clicca qui per stampare questa pagina
Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT