mercoledi` 20 gennaio 2021
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
Clicca qui per condividere
l'articolo sui Social Networks

Bookmark and Share
vai alla pagina facebook
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Le parole di Benjamin Netanyahu sull'accordo di pace con il Marocco (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






ANSA Rassegna Stampa
03.11.2020 Fiamma Nirenstein e Nicola Porro sotto attacco: il Giornale dovrebbe mobilitarsi, invece tace
La cronaca Ansa

Testata: ANSA
Data: 03 novembre 2020
Pagina: 1
Autore: Ansa
Titolo: «Nirenstein, Porro, 'spaventosa aggressione su web contro di noi'. Giornalisti, Fnsi intervenga in difesa libertà opinione»
Riprendiamo oggi, 03/11/2020, da ANSA il commento dal titolo "Nirenstein, Porro, 'spaventosa aggressione su web contro di noi'. Giornalisti, Fnsi intervenga in difesa libertà opinione".

Dovrebbe essere innanzitutto il Giornale, con cui Fiamma Nirenstein e Nicola Porro collaborano, a mobilitarsi per difendere i giornalisti aggrediti sul web. Oggi invece sul Giornale non compare neanche un trafiletto redazionale.

Ecco la cronaca:

Immagine correlata
Fiamma Nirenstein

Nicola Porro, le intemerate sul web e l'aplomb in televisione - Corriere.it
Nicola Porro

(ANSA) - ROMA, 02 NOV - "Una spaventosa aggressione alla libertà di opinione". Così i giornalisti Fiamma Niresntein e Nicola Porro hanno definito il contenuto di un recente articolo del quotidiano in rete 'La Luce" in risposta a loro articoli apparsi sul 'Giornale'. "Di questi tempi - hanno sostenuto in un comunicato diffuso da Nirenstein - un attacco del genere suona di indubbio, indiscutibile incitamento a colpire con mezzi violenti e persino violentissimi, come è già successo in Francia, chi non si sottometta alla censura preventiva che vieta di dire la parola Islam e islamismo". "E' stato scioccante - ha proseguito Nirenstein - vedermi additata come 'islamofoba' insieme ai miei bravi colleghi Nicola Porro, Vittorio Feltri, Giulia Belardelli. Saremmo tutti 'alfieri', anzi, della propaganda islamofoba". "Il sito - ha proseguito - che fa riferimento a Davide Piccardo, figlio di Hamza per anni ai vertici dell'UCoii, legata alla Fratellanza Musulmana, chiede di 'attivarsi per almeno contrastare questo flusso incontrollato di antipatica disinformazione'. Attivarsi? Sarebbe bene - ha proseguito - che qualcuno chiedesse spiegazioni tecniche e legali a chi cerca di tacitare i giornalisti italiani". Nirenstein ha sottolineato che "ingiustamente offeso secondo l'opinione del sito, sarebbe Erdogan, il presidente turco, il leader riconosciuto non solo della Turchia ma della Fratellanza Musulmana. Ne discute tutto il mondo, ma adesso sarebbe proibito". "Speriamo quindi - hanno detto Nirenstein e Porro definendo "opportuno" un intervento della Fnsi - che la reazione civile e di difesa dei diritti umani sia chiara e forte e che prevalga il buon senso e la legge. Legge che in Italia difende la libertà di opinione e condanna l'incitamento alla violenza". (ANSA).

Per inviare a Ansa la propria opinione, cliccare sulla e-mail sottostante


redazione.internet@ansa.it

Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui
www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT